LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Paolo Melandri
Prima luce

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Se ne stavano adagiati l'uno accanto all'altra sul letto, gli occhi rivolti al soffitto. La pioggia, di nuovo torrenziale, crepitava sul tetto. Il battito concitato dei loro cuori non si era placato. Rodolfo era in preda a uno stato di esaltazione che superava non soltanto il suo senso momentaneo di prostrazione, ma altresì l'intuita certezza che qualcosa fosse giunto alla fine. Persisteva peraltro, aleggiante sopra di loro, il sentimento di un comune dolore, tangibile come le ombre che ora lentamente dileguavano dentro la stanza. Gli parve di udire il leggero rumore di una vecchia che si schiariva la gola al di là della parete. Rodolfo si apprestava ad alzarsi, quando Sara tese una mano e lo trattenne, afferrandolo dolcemente per una spalla.

Allora lei, senza una parola, dissipò ogni vestigia di rimpianto. Lui, estasiato, si lasciò guidare. E a partire da quel momento non ci fu più nulla che non fosse disposto a perdonarle.

Era giovane. Il suo desiderio non tardò a riaccendersi. Ora lei gli si offriva interamente e tutto si svolse nel modo più naturale. Sotto la sua guida sicura, femminile, sentì che per la prima volta ogni ostacolo era stato rimosso e che si trovava in un mondo affatto nuovo, traboccante di ricchi doni. Nel calore della stanza si era ormai liberato dell'ultimo suo indumento, e ora provava il senso immediato d'intimità derivante dal diretto contatto della carne con la carne, salda e tuttavia cedevole, come il flutto o l'alga all'avanzare della prua della nave. Vide che sul volto di lei non sopravviveva la minima traccia di contrarietà. Anzi, sorrideva di un pallido sorriso, ma ora non gli causava nessuna irritazione. Il cuore di Rodolfo era a riposo.

Più tardi la prese tra le braccia, arruffata com'era, e premendo la guancia contro quella di lei, avvertì l'umidore di altre lacrime. Erano, lo sapeva, lacrime di gioia; e tuttavia niente aveva il potere di far comprendere ad entrambi, meglio di quelle lacrime che scorrevano silenziose sulle loro guance, di aver commesso un peccato imperdonabile. Nondimeno, in Rodolfo il sentimento del peccato valse a incrementare il coraggio che lentamente nasceva in lui.

Suvvia”, disse Sara, raccogliendo la sua camicia, “non devi prender freddo”.

Rodolfo stava per afferrarla, ma lei lo trattenne un istante e si portò la camicia al viso emettendo un profondo sospiro. Poi, quando gliela tese, era tutta bagnata di pianto.

 

© Paolo Melandri (25. 8. 2018)

 Rosanna Robiglio - 20/09/2018 14:44:00 [ leggi altri commenti di Rosanna Robiglio » ]

molto bello ...

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.