LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Fabio Lupis
L

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Ubriachi eravamo, nel ritorno imminente

Cesare Pavese

I.Se la poesia fosse
Uno stridere di guance
Terra secca sugli occhi,bacio
         Di umida atmosfera
E se i tuoi occhi fossero
La prima luce della notte
                    La stella
Bagliore di nuvole stese su oceani
Se la poesia fosse un ramo
       Un cencio
Basho che piange sul naso della Luna
Allora le mie dita parrebbero ali
E non soffrirei più

 

Ma io non so più scrivere
Osservo in crisalidi di vento
Osservo le tue gambe formose e il tuo seno
Osservo i tuoi fianchi come nude montagne
Come un gatto sul terrazzo
Vede il gabbiano nell'amplesso in volo
Come le iridi taglienti
Della lucertola

 

Io vedo,
Io piango
E non c'é nulla più di questo:
Concretezza

 

 

II. Le spire immobili di questa vita

Nulla,

  Nulla è mio

Solo una timida tristezza

Solo le brulle coperte la notte

 

Conosco la rabbia, conosco la paura

Il tuo sorriso mi ha insegnato

Tremori diversi

Ma ancora preme il futuro

Possibile

Perché ho paura di gridare troppo forte

Che il suono erompa e dia alle fiamme ogni cosa

Tutto ciò che è vivente

E tutto ciò che è vero

 

III

L’amore dei gatti e delle lucertole

 L’amore fragile che sventra ogni parola

Ho dato vita a ricordi di schiuma

   Per darvi forma e ritrovarci il tuo volto

Ché mi mancavano le forze per toccarti

                        parlarti

Ché mi mancava l’ingenua energia

Dei primi amanti

Ché mi mancavi tu

 

Ed una volta ti dissi:

“sei sempre stata la luce nel buio”

Dopo che a Nizza ti ho guardata come uomo

-Tu che eri donna-

Senza baciarti o accennare a stringerti

   lasciando i dubbi alle carezze dell’acqua

Amo quando mi parli

   E copri il silenzio della mia mente

Amo il solco del tuo corpo nudo

            Sulle mie membra che bramano il confronto

Noi,

    fusa di gatto

pelli di lucertole

Inadatti alla vita fino quasi ad amarla

  Ti porterò nella mia poesia

                           Come mi porti nelle labbra quando siamo avvinti

Tu,  appassionata e bella

            Che mi hai toccato fino a dove esplode

La scheggia ardente delle mie viscere

 Ivan Pozzoni - 01/09/2018 14:19:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Bella!

 Arcangelo Galante - 01/09/2018 13:30:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Una romantica e poetica descrizione della passione di due innamorati, follemente travolti dalla delicatezza di caldi sentimenti, coniugati alla tenerezza ed all’ardore dei loro cuori.
Dalla lettura del testo, emergono sensualità ed un eros velato, in una fusione di corpo, mente, cuore e anima che tramuta, entrambi, in “poesia”.
Certamente un testo originale, nell’introspettiva impostazione del tema, trattato dall’autore, il quale ha saputo manifestare un’intima creatività, al lettore.

 Francesca Dono - 01/09/2018 09:23:00 [ leggi altri commenti di Francesca Dono » ]

complimenti Signor Lupis!!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.