Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Scarica gratuitamente LaRivista n. 4/2016, Anno IV, Aa. Vv. (pdf)
Partecipa al Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 12/09/2016 12:00:00
Pagina aperta 362 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jan 16 05:36:00 UTC+0100 2017

girandola

di Emilia Barbato

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Un sistema di nodi e rimozioni

l’intuizione delle foglie corre

lungo la fragile semplicità

del fusto giallo, alla sommità l’uomo

pone l’ingegno, un confine mutevole

che mani minutissime limitano

in tre coralli rossi dove dodecaedri

di particelle lisce ruotano

da sponda a sponda lo spazio,

un turbinio d’eliche coloratissime

distoglie lo sguardo dalla ragione

costruendo un paesaggio

di energia, una dimensione

inconscia ed emotiva

dove toccare le discrepanze

più impercettibili della vita.

 

 

[ Emilia Barbato, da Capogatto, puntoacapo Editrice, 2015 ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »