Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 24/10/2016 12:00:00
Pagina aperta 743 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 25 08:23:00 UTC+0200 2017

La bambina titano

di Rosa Gallitelli (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Largo o lancia del sonno,

perla di colpo quella notte in orli;

l'Oceano albero ferreo

mutava le lucidità d'ibrido Padre-Madre

cui nulla riesce.

Porto l’origine come fuscello

e i giacenti animali fluiti

radice dal tuono a memoria,

balenato in terraferma nudo.

La porto spoglia in riti del verde,

carnatura dei convalescenti

nostri corpi divorati da vita,

fragili issatisi amanti

nell’illusione di illimpidire.

 

Mio domicilio scevro, sopravvento,

sprofondo sino alle reti

che l'imminente senno resuscita

senza pescare che uno stormo

identico, rivalso sguardo,

fresco ancora rivolto

a indurre in luce, fomentare

senza costa un memento

irrorato da uccelli.

Quei due lustri in fronte si fissano,

ci slegano lì ricomparsi;

si volta la bambina che non ride,

sporadica, nata da sponda,

dal fianco severo e spaiato

dal suo cetaceo abnorme e dal sale

deposto ma che tutto fu verbo,

pasto fra le sue labbra.

Gorgonia separata

dal ricordo solo ci guarda;

così in due lustri che ci annullano,

in storie d'altri pettini in giorni

scomposti e perfetti così in tempie

per lei disgiunte, per quell'acqua che ci dice

chi era o eravamo sull'Oceano

e nelle mani della trasparenza:

solo ragni lasciati nel suo cielo,

immaginato sostegno.

 

Le chiedo sullo sfondo se qualcuno

si trova in un disabitato canto,

se qualcuno come noi lontano

così adula, smuove emblema,

così tace specchio sofferto

la bambina separata da Oceano,

da fede nel fondo dell'istmo,

da cinture sue impulsive in natante

semplice come l'auspicio,

deluso fino alla sottratta

chimera dei suoi primi pesci;

pani rubati iniziali

sino al fato a digiuno, esaurito.

 

Lei non pianse, trattenne non rivelando:

d'altro canto d'altro mondo un rivo,

uno striscio di sposi in pescagioni

dove rivederla nel rimpianto, in disperata purezza;

dove lune in alghe finivano,

vascello i venti e i ventagli elenchi,

dove il mobilio d'aria fu inutile,

e un ultimo uccello appressando,

staccando collana veloce,

ci vide corsi e costretti un giorno,

chinati nel disegno esausto

a assistere in tutto quel breve

fiato di un tempo grande non riaperto,

vicendevole in persi al ritirarsi

in una macchia d'Eden bambino in fine:

non riuscire, privo del Mare.

 

Vattene bambina poesia

da questa lacrima alta,

colma di colpo che non scorre,

che in terra è ferma e nuda ancora

accampata fra gli scomparsi;

è un edificio disarmato, acqua,

sola e equanime a enunciare che valse,

se ora è questa noce viva e cruda e pazza

che s'apre ricreandosi liquida,

divaricando salvo almeno l'inizio,

mansione nel ricordatore sfinito:

 

la bambina titano e il Pacifico,

redento, lancia del sonno,

dal piede vasto al vuoto buio polposo

d'astri insistenti e dolcissimi,

telo mondato all'infinito; per lei solo

se aveva nome Opala e del mare

mordeva mela o foce la stella,

idoleggiando inconsapevolmente

le ossa, il lunatico branco,

portando di balene il tintinnabolo

fino a cantarsi sola, e assopirsi;

quante volte fra il sale e la notte

in disinvolture ultramarine

obbligarci mancate sentinelle,

come di sventurato angelo. 

 

 

[ da Selva creatura leggera, Passigli Editori, finalista al Premio Marineo e vincitore del Premio Minturnae ]

 

 

QUARTA DI COPERTINA

 

Selva creatura leggera si muove catarticamente attraverso accavallate realtà, che tutte convergono nel vissuto come in un caleidoscopio che a volte avvicina e a volte allontana, colorando con forza o dolcemente sfumando il molteplice paesaggio che ne forma la cosmogonia. La dualità che appare subito evidente è il raffronto complesso tra il luogo reale della Selva vergine del Costa Rica (dove l’autrice ha abitato a lungo) e la selva dei ricordi originali e degli inediti simboli sorti da questa singolare e travagliata esperienza.

In queste selve perennemente osmotiche, celate e svelate da un’ancestrale alternanza di apparizioni e perdite, il tempo e la natura risuonano con tutta la loro universale potenza, nell’insanabile contrasto con una modernità che sembra condannare all’estinzione la loro inviolata bellezza.

La testimonianza di una purezza primigenia e della sua silenziosa scomparsa si esprime nei contrari precipizi di oscurità e di corporea letizia, che nei testi si alternano in sequenze fotografiche attraverso l’uso di punteggiatura e inarcatura come volano dell’espressione.

Un libro sorprendente e notevole, che fonde reale ed irreale attraverso suoni e visioni autenticati da una peculiare ricerca linguistica e ritmica, i cui versi appaiono sempre sul punto di traboccare in altri che li rammentano o li attraggono, coniugando l’attitudine onirica ed ermetica dell’autrice con la ricca polisemia delle parole e la versatilità dei concetti.

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »