Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2018: CHERCHEZ LA FEMME
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 10/04/2017 12:00:00
Pagina aperta 664 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 16 19:08:00 UTC+0200 2018

La dimensione della perdita

di Enzo Lamartora

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Ero fermo di fronte allo specchio; mi lavavo i denti.
Ho fissato il foro.
Gocce di schiuma vi cadevano intorno, silenziose,
dalla bocca. Ho avuto paura.
Sono andato giù con loro. Nel buio della disperazione.

 

 

*

 

Avevo aperto la porta, sovrappensiero.

Nella stanza, pochi oggetti: tavoli, sedie, cose del genere.

Uno in particolare, un paio di occhiali appartenuti a qualcun altro,

privi di una lente. Gli avevano ricordato qualcosa.

Anni prima, li aveva fotografati per gioco, accostati ad una rosa

sul tavolo di una terrazza.

Un particolare gli aveva rivelato tutto il vuoto del mondo.

Una sola lente. Un'enorme mancanza.

 

 

[ da La dimensione della perdita (Poesie 2005 - 2014), Crocetti Editore ]

 

 

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »