Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 22/05/2017 12:00:00
Pagina aperta 564 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 23 21:04:00 UTC+0100 2018

Il futuro

di Baustelle

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

 

Sul raccordo anulare, i ragazzi
di ieri hanno vecchi fucili e una
fotografia. Hanno fatto la spesa
ed i conti col tempo, ma la loro
ballata fnisce a metà. Ho sorriso
a mio figlio all’uscita di scuola.
Ho guardato la casa che una
volta abitai. Perché quando te ne
vai è davvero come se capissi per
la prima volta l’uomo che sarai.
Perché tutto quel che hai prima
o poi lo perderai. In autunno
foglie e rami se li porta il vento.
Il futuro desertifca la vita ipotetica.
Qui la vista era magnifca. Da
oggi signifca che ciò che siamo
stati non saremo più. E potremo
anche avere altre donne da
amare. E sconfiggere l’ansia e
la fragilità. E magari tornare a
sbronzarci sul serio nella stessa
taverna di vent’anni fa. Ma
diversa arriverà la potenza di
un addio. O la storia di un amico
entrato in chemioterapia. E la
vita che verrà ci risorprenderà.
Ma saremo noi a essere più stanchi.
Il futuro cementifca la vita possibile.
Qui la vista era incredibile.
Da oggi è probabile che ciò che
siamo stati non saremo più. Il
passato adesso è piccolo, ma so
ricordarmelo: io, Gianluca, Rocco
e Nicolas, felici nel traffco di un
marciapiede del Pigneto, vite fa.

 

 

 

Dall'album Fantasma, Baustelle

 

 

Testo: F. Bianconi
Musica: F. Bianconi - C. Brasini
Francesco Bianconi: voce
Rachele Bastreghi: organo,
pianoforte, voce
Claudio Brasini: chitarra acustica,
chitarra elettrica
Alessandro Maiorino: basso
Sebastiano De Gennaro: grancassa,
rullante, timpano, nacchere,
woodblocks, tamburello, piatti a
mano, piatti sospesi
Valerio Canè: armonica a bocca
The Film Harmony Orchestra e
Corale Poliziana arrangiate da
Enrico Gabrielli


Edizioni: Emi Music Publishing
Italia, Sony ATV, Warner
Chappell Music Italiana, Sugar,
Il Musichiere, BMG Rights
Management/Novunque, SIAE

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »