Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 13/05/2019 12:00:00
Pagina aperta 188 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed May 22 08:31:00 UTC+0200 2019

Poesie per mamma Elda

di Mariella Bettarini (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

VIII

 

sei la matrice –

il corpo lo devo a te –

sei la Matrice del mistero –

lo devo a te –

sei la matrice – se vivo

lo devo a te

sei tu

la Mediatrice tra il Nulla

e me – il Tutto e me –

sei la Matrice –

colei che ha dato corpo a un Soffio

che vagava

che ha dato fiato

a un corpo che (non volente) doveva

poi essere

 

sei l’orma del Mistero –

sei la Matrice

 

IX

 

come vagavo? dove – dove

vagavo? a che cosa mancavo? a chi

dovevo – a chi devo l’essere? se tu

non m’avessi voluta

tenuta non m’avessi

vana sarebbe stata la somma Volontà

 

così

a te pur devo – a te pur dobbiamo

se riusciamo qua a pronunciare:

“Padre nostro che sei nei Cieli” – dovendo insieme

pronunciare: “Madre nostra

che sei qua in Terra (e che ci porti e

partorisci)”

 

X

 

tutti i giorni mi accompagnavi a scuola –

la scuola elementare dedicata a Spartaco Lavagnini

ferroviere ucciso trentenne dai fascisti

nel palazzo di fronte a dove ci avevi partoriti (Firenze –

via de’ Ginori) – lui

grande martire – io bambinetta

ignara – troppo silente nella casa

dei canti e solfeggi e trilli –

casa tutta

e soltanto musica

 

non mi dicesti mai chi fosse Spartaco (forse

neanche tu lo sapevi) – mai

te lo chiesi – restò un mistero – un

segreto che dopo – molto dopo seppi – scoprii

 

 

 

[ da Poesie per mamma Elda, Mariella Bettarini, SECOP edizioni ]

 

 

 

Il libro Poesie per mamma Elda, con l'aggiunta di alcune poesie e la postfazione di Andela De Leo, è la versione a stampa dell'e-book "Poesie per mia madre, Elda Zupo", pubblicato da LaRecherche.it nel 2010, scaricabile qui:

 


# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »