Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 08/09/2014 12:00:00
Pagina aperta 1139 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 9 14:53:00 UTC+0100 2019

Imago transiens

di Paolo Mazzocchini (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Questo cielo è pure il tuo

di tutti quanti si dicono vivi,

lucido specchio ove nubi

si fanno e si disfanno,

come i tuoi pensieri

come le ciocche

brevi alla tua fronte.

Il vento vi accende di quando

in quando uno spruzzo

di sole, ti seconda le vesti

sull’esile corpo, ne bevi

la carezza come in sogno.

Così trascorri nel cuore

della festa, profumo raro

d’altri cieli numinosa

movenza frutto

intatto ed ambito;

tu non sai che il vento

esalta il volo teso

delle rondini ma ne consuma

le forze, spazza in un sorriso

le tue ombre senza peso

ma segreto corrode

l’innocenza dei tuoi passi.

Non sai – ed esisti.

 

(da Zero termico, italic, 2014)

 

 


# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »