Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 13/06/2011 00:25:00
Pagina aperta 2994 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 15 18:52:00 UTC+0100 2019

Porta via questo cane

di Roberto Maggiani (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 25 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


(a tutti i fratelli arabi morti nella lotta per la libertà e per coloro che ancora stanno lottando)

 

 

Bastano quattro fotografie

sul quotidiano della domenica

in una corsia di ospedale

alle sette del mattino

per allargare la misura

di un dolore che anche questa notte

ha devastato il corpo di chi

ha qui - almeno - la fortuna

di un'assistenza.

 

Il volume di questa stanza

si espande nel silenzio del mattino.

Il tiglio che si vede dalla finestra

e profuma le lunghe ore di degenza

scompare, appaiono terre libiche

dove un uomo fugge a piedi

inseguito e investito da un Land Cruiser

schiacciato nel deserto come un animale -

che pure fa dolore -

le ossa rotte, l'agonia.

 

A Ben Jawad ci sono due uomini,

uno è ferito e disteso sull'asfalto

l'altro è armato e dice:

"Inneggia a Gheddafi!"

Quello invece inneggia ad Allah

e trova la morte - assassinato

da tre colpi di kalashnikov.

(Mi esplode il cuore per la commozione

verso quei martiri della fede e della libertà.)

"Chiama due o tre uomini

per portare via questo cane" -

dice il killer ai suoi complici.

 

 

 

[ Roma, Ospedale Sandro Pertini, 12 giugno 2011 ]


# 25 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »