Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Biografia di Alessandro Vetuli

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 2228 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun May 31 03:10:00 UTC+0200 2020

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

intrecciamo una corona / c’è chi ha viole di tuono / io soltanto un filo d’erba / pieno del linguaggio silenzioso / che qui fa lampeggiare l’aria. (nelly sachs)

Alessandro Vetuli - Nota biografica

Alessandro Vetuli è nato l'11 febbraio del 1989 a Roma. Ha conseguito la maturità scientifica e attualmente studia lettere moderne presso l'Università degli studi Roma Tre. Ha iniziato a scrivere all'età di 15 anni cominciando , come molti , tenendo un diario; si è avvicinato alla poesia con la lettura dei poeti maledetti Baudelaire , Verlaine ma soprattutto Rimbaud. I poeti che ama di più sono: Dylan Thomas , Nelly Sachs , Birgitta Trotzig , Yves Bonnefoy , Paul Celan , Alda Merini , Antonia Pozzi , Rimbaud e altri poeti italiani contemporanei di minore rilievo.
Ha pubblicato poesie in due antologie dell'Aletti Editore , nell'antologia Cose a parole della Giulio Perrone editore ed infine nel 2009 la prima raccolta L'INVISIBILE (Boopen Editore) a cui segue la seconda nel 2010 Lo spirito e il corpo (Boopen Editore). Nell'autunno 2011 uscirà la sua nuova silloge Come la pietra e il vento (Fermenti Editrice) che comprende anche il poemetto Frammenti per Arthur Rimbaud. Scrivere per lui è sempre stato fede e tentativo , un usare le mani come pale per riportare alla luce cose taciute o ignorate , riempire di neve fresca i caratteri ustionati della parola Speranza ma soprattutto è un'occasione d'amore e di donazione verso chiunque comunichi , essere la voce limpida di chi non riesce o non è riuscito a cantare a causa delle proprie corde vocali poetiche intorpidite.
 

 Dialoga con Alessandro Vetuli / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

Nessun commento lasciato