Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Biografia di Maria Rosa Giannalia [ sito web ]

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 1201 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 6 03:01:00 UTC+0200 2020

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

Scrivere è una cosa meravigliosa: mi mostra quell’altra me stessa che prima non vedevo.

Ho imparato a leggere a quattro anni, a scrivere a sei e ho iniziato a tenere diari  per annotare quello che facevo io e la mia famiglia. Avevo tre fratelli e con loro ho imparato  giochi da maschi. Giocavamo a fare gli indiani con una piuma di gallina in testa e le tende immaginate dalle  lenzuola di mamma stese ad asciugare in cucina d’inverno e in terrazzo d’estate. Poi ci furono i fumetti: Superbone, Il Monello, le avventure di Arturo e Zoe e poi, ogni tanto, Topolino, Paperino e Minni. Confesso che il Monello era il mio fumetto preferito e non vedevo l’ora di  leggere e guardarne le immagini. Trovavo esilaranti le immagini di Superbone e Accio. Chi di voi se li ricorda? Eh, sì, bisogna avere la mia età per ricordare questi personaggi.

Poi ci furono i primi romanzi: I ragazzi della via Paal, Huckleberry Finn, le avventure di Tom Soyer e Tre uomini in barca e Tre uomini a zonzo, ma anche il libro Cuore e il Giornalino di Gianburrasca. Ma furono le “Piccole donne” a farmi innamorare della scrittura, quella che serviva per scrivere storie. Mi identificavo con Joe, la più intraprendente delle tre sorelle, quella che decide di essere autonoma e fare la scrittrice. Ed io a lei volevo somigliare. Anch’io decisi a dieci anni che avrei fatto la scrittrice. Ahimé non fu così, naturalmente. Imparai presto che studiare mi serviva a procurarmi da vivere e non potevo vivere con la scrittura. Dopo la laurea in lettere iniziai a insegnare. E continuai a farlo ininterrottamente per trentasei anni. Insegnavo a leggere e scrivere ad altri ragazzi ed in questo ho cercato di mettere tutta la mia passione. Nel frattempo ho letto moltissimo

Adesso , affrancata dal bisogno e dal lavoro, posso dedicarmi con passione al mio primo amore. Ho scritto parecchie cose ma non ho pubblicato nulla. Le mie pubblicazioni sono solo quelle professionali, queste sì, tante. Ma della scrittura che amo, dei racconti che ho scritto, delle poesie che ho composto, ancora nessuna ha visto la luce. Tra poco uscirà la mia opera prima, in cartaceo, e sarà un libro di fiabe. Qualcuno dei miei racconti si può leggere nel mio blog: http://scriverecosa.blogspot.it/ nella sezione racconti e poesie. Ma mi piace anche pubblicare in questo bellissimo sito che condivido con tutti voi.

Ah, dimenticavo, sono nata a Villabate, in provincia di Palermo, ma vivo e lavoro in Sardegna a Quartu Sant’Elena (CA).


 

 Dialoga con Maria Rosa Giannalia / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

Nessun commento lasciato