:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 

Biografia di Anna de Noailles

Sei nella sezione Proposta_Biografie
Pagina aperta 4444 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 26 04:57:00 UTC+0100 2022

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


Anna, Marchesa Mathieu de Noailles
(nata Anna Elisabeth Bibesco-Bassaraba, Princess de Brancovan)

La contessa Anna de Noailles (1876 – 1933) nata a parigi, discendente dalla famiglia di nobili rumeni Bibescu e Craioveşti è la figlia del principe Grégoire Bibesco-Bassaraba, figlio del principe Gheorghe Bibesco de Brancovan e Zoe Brâncoveanu. Sua madre è la celebre pianista greca Raluka (Rachel) Musurus, a cui il compositore Ignacy Paderewski dedicò numerose composizioni. Nel 1897, sposa Mathieu de Noailles (1873-1942), quarto figlio del settimo duca de Noailles. La coppia fece parte dell’alta società parigina dell’epoca, ebbero solo un figlio, il conte Anne Jules de Noailles.

Anna de Noailles è stata una delle figure più importanti nel panorama letterario francese all’inizio del ventesimo secolo. Donna di mondo, essa brillava per la sua arte di ricevere gli ospiti nei suoi salotti, frequentati da personalità quali Colette, Jean Cocteau, Mauriac ed altri, inoltre coltivava amicizie illustri con Maurice Barrés, Marcel Proust e Paul Valéry. Molto ammirata dagli scrittori, dagli uomini politici e da persone del mondo della cultura per il suo genio poetico, la contessa de Noailles aveva il fascino di « una principessa greca, (…) che sembrava discendere direttamente dal Monte Parnaso col tripode della Pizia per pronunciare i suoi oracoli » . Il ritratto di Alexius de Laszlo ci rivela l’immagine di una donna affascinante, dal profilo persiano e marcatamente orientale.

Anna de Noailles si dedica fin da giovane allo scrivere versi; di volta in volta subisce l’influenza dei Parnassiani, di Musset, di Maurice Barrés, ma soprattutto di Victor Hugo il cui genio la ammalia. Le sue opere non contano meno di diciotto titoli, di cui otto opere sono in versi (le ultime due pubblicate postume), e tre romanzi a tendenza autobiografica. Nel 1901 pubblica la sua prima raccolta di poemi, « Le cœur innombrable » , che ricevette un’entusiastica accoglienza e conobbe un notevole successo. Ella si impose al pubblico come la « Musa dei giardini », successore al femminile di Victor Hugo. I versi contenuti in questa raccolta testimoniano già la sensibilità, la malinconia e il gusto per la voluttà che saranno ancor meglio evidenti con le opere seguenti.

Incoronata dall’Academie Française avrà una celebrità che non l’abbandonerà sino alla morte sopraggiunta il 30 aprile 1933. La contessa de Noailles fu la prima donna a ricevere la « Cravate de commandeur de la légion d’honneur » diventando così una sorta di personaggio ufficiale. Fu anche la prima donna ad essere ricevuta nell’Accademia Reale di Lingua e Letteratura del Belgio. Inoltre nel 1904, con altre due donne celebri, Mme Alphonse Daudet et Judith Gautier (la figlia di Théophile Gautier), Anna de Noailles creò il premio "Vie Heureuse", dall’omonima rivista, che diventerà nel corso degli anni il prix Fémina, la cui giuria, esclusivamente femminile, premia ogni anno la migliore opera francese, scritta in prosa o in versi.
Il suo stato di salute comincia ad aggravarsi a partire dal 1912 e i suoi ultimi scritti perdono il lirismo ispirato dalla natura e la prosa assume i colori di una melancolia dovuta alla morte
Alla sua morte venne sepolta al cimitero du Père-Lachaise a parigi, ma il suo cuore riposa nel cimitero di Amphion-les-Bains

Bibliografia :

Le Cœur innombrable (1901)
L'Ombre des jours (1902)
La Nouvelle Espérance (1903)
Le Visage émerveillé (1904)
La Domination (1905)
Les Éblouissements (1907)
Les Vivants et les morts (1913)
De la rive d'Europe à la rive d'Asie (1913)
Les Forces éternelles (1920)
À Rudyard Kipling (1921)
Discours à l'Académie belge (1922)
Les Innocentes, ou la Sagesse des femmes (1923)
Poème de l'amour (1924)
Passions et vanités (1926)
L'Honneur de souffrir (1927)
Poèmes d'enfance (1929)
Choix de poésies (1930)
Le Livre de ma vie (1932)
Derniers Vers (1933)
Derniers Vers et Poèmes d'enfance (1934)