Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Biografia di Danilo Catalani

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 486 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 4 08:54:00 UTC+0200 2020

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

"Son monarca e son boemio, se questa è la miseria mi ci tuffo con dignità da rey"

Danilo Catalani nascea Fiuggi nel 1970. 

Rugbista, laureato in Scienze Politiche, esordisce come scrittore nel 2010 con  “Il Rugby è un’altra cosa”, saggio storico/sportivo sul mondo della palla ovale.

Nel 2014 esce il suo secondo libro, “Riflessioni semiserie di un padre ritroso” (ristampato nel 2016 da Alter Ego), trattato apparentemente umoristico sulla paternità nel 21° secolo.

Nel 2015 fonda l’Associazione Culturale BookFaces, che si proponeva principalmente di spingere coloro che conservano i loro scritti nel cassetto a rompere gli indugi e a pubblicarli.

Nel 2016, con Streetlib, esce il suo primo romanzo, il noir surreale “La banda del congiuntivo”, primo romanzo a uscire col marchio BookFaces.

Nel 2017 pubblica la raccolta “Racconti con la H” (Streetlib/BookFaces).

“Gli Imperseguibili” (Streetlib, 2018) è il suo secondo romanzo.


 

 Dialoga con Danilo Catalani / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

1 :: renato piccolo - 14/05/2020 16:36:00
[ leggi altri commenti di renato piccolo » ]

Ho appena terminato Gli imperseguibili e devo farti i complimenti per la scrittura, la trama e la "sceneggiatura" del libro, veramente godibile. Però un complimento particolare nell’aver trattato da "giovane" il tema dell’età anziana, delle sue paure-certezze, della vita "ormai passata", segno di una sensibilità d’animo apprezzabile.
E poi quel legame fra un giovane e 3 "vecchi".....bello !!!

grazie, al prossimo.

renato, neo pensionato e quindi..."anziano" !