:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Biografia di Samuela Cittadini

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 138 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 25 15:36:00 UTC+0200 2021

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

Il fiuto eccezionale dimostrato a 14 anni nella scelta del Liceo Classico, mi ha completamente abbandonata a 19, quando per qualche incomprensibile ragione mi sono iscritta alla facoltà di Giurisprudenza. Gli anni più deprimenti della mia vita! Il giorno della mia laurea, quando sono tornata a casa, ho bruciato tutti i libri di diritto. È stato bellissimo! Ero libera di lavorare.

 

E mentre imparavo mille mestieri, leggevo. Leggevo e scrivevo. Scrivevo di tutto. Testi radiofonici, testi per canzoni, pubblicità (eh, sì... Pagavano bene!). Per anni ho collaborato con una rivista marchigiana come autrice di racconti con lo pseudonimo The Venomous. Con Historica edizioni ho pubblicato i racconti Il giorno perfetto e Un anarchico sentimentale.

 

Come autore indipendente ho pubblicato su Amazon la raccolta di racconti Anarchici sentimentali e il racconto Pepita Marinara, una città ideale.

Scrivere racconti mi rende felice. Ma leggere, leggere tutta la meraviglia che è stata scritta a questo mondo, ancora di più.

 


 

 Dialoga con Samuela Cittadini / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

1 :: Roberto Muscolini - 27/09/2020 14:32:00
[ leggi altri commenti di Roberto Muscolini » ]

Cara Autrice, ho avuto il piacere di leggere i tuoi libri, ed in particolare due parole su "Pepita Marinara" vorrei dirle due parole. Un bel romanzo, scritto con dovizia di particolari, che mi ha ricordato Ernest Hemingway. I personaggi molto caratterizzati, un finale all’altezza di un racconto che non lascia spazio a sofismi. Un romanzo da leggere.