chiudi | stampa

Raccolta di aforismi di Andrea Olivo
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Il senso della vita

 Cercare il senso della vita non ha senso; darle un senso è sensato.

*

Il punto di vista semantico del cane

 

 

 

 

 

 

Semanticamente, se un cane ha un padrone non potrà esserne il miglior amico, ma al massimo il miglior servo. Tant’è che quando non obbedisce c’è sempre il guinzaglio.

 

 

 

 

Versione script: PORTONE D'INGRESSO DI UN PALAZZO – GIORNO

 

 

Appena fuori del portone d’ingresso di un palazzo un UOMO aggancia il guinzaglio al collare del CANE.

 

           

 

                                                          UOMO

 

                                     Andiamo a fare una passeggiata...

 

 

 

                                                           CANE

                                                   Il guinzaglio?! E avevi detto che ero il tuo miglior amico.

*

Crisi del segno linguistico

 

 

 

 

A causa della bulimica urgenza del dire che imperversa nella diamesia scritta delle reti sociali, unita a dappocaggine e pressapochismo, oggi, come non mai, il segno linguistico soffre dell’insignificante significato dei suoi significanti, ridotti a mere scenografie di un teatro pieno di rumore e vuoto di contenuto.

*

Cultura vs ignoranza

Sebbene sia sempre preferibile la cultura all’ignoranza, sarà più temibile una persona colta latrice di un’idea aberrante di una ignorante priva di idee.

*

Sintassi sociale

 

Come le parole viviamo integrati in un sistema di relazioni di cui siamo i termini, definendo i nostri ruoli in legami di interdipendenza e contrapposizione funzionale.

*

La caccia

La caccia come sport è l'atto razionale di una ragione bestiale.

*

La scrittura

La scrittura offre quelle seconde possibilità che di rado la vita concede. E' per questo che si dice che "scrivere è soprattutto riscrivere"?

*

Umani limiti

Un tale con un alluce rotto, avendo preso alla lettera “il limite è il cielo”, ci volle vedere chiaro: salì su un aereo e, raggiunta la troposfera, scoprì, recandosi in bagno, quello che aveva già sperimentato in una fredda notte d’inverno: il limite non è mai il cielo, ma è quasi sempre lo stipite della porta.

*

Gli per le?

Gli al posto di le? Tipico caso di machismo morfologico.

*

La ragione del ragionamento.

Alla fine l'importante non è tanto aver ragione, quanto piuttosto aver ragionato.

*

Autocritica aforistica durante la pandemia

  Nonostante "i morti abbandonati", non troviamo nemmeno "un salice alle cui fronde, per voto, appendere le nostre cetre", continuando invece a esercitare quell'atto di puro e sano egoismo che è la scrittura: un grido per rompere il silenzio che tanto ci spaventa.

 

 

   

*

Diffidare

Si dovrebbe diffidare sempre di chi sostiene che gli animali sono meglio delle persone: probabilmente parla di sé stesso.

*

Ragione e sentimenti

La ragione senza i sentimenti sarebbe solo una fredda luce; i sentimenti senza la ragione, un manicomio nel cuore.

*

Felicitas et dolor

Si può provare un dolore fisico pur essendo felici; ma non si può essere infelici senza provare anche un dolore fisico. 

*

Manducare in telegiornale

Ho smesso di mangiare guardando il telegiornale: finivo sempre per non comprendere il cibo e non digerire le notizie.

*

Discere sine erroribus

L'apprendimento senza errori è un dito che scrive nella sabbia in una giornata piena di vento.

*

Conversare

Conversare, una poesia in cui a ogni a capo si cede la parola per comporre versi di convivenza civile. 

*

Figli viziati

I figli viziati sono metonimie di genitori pedagogicamente pigri.

*

Coraggio

Non ci può essere nulla di razionale in una parola che per etimologia proviene dal cuore.

 

 

*

La buona politica...

La buona politica oggi? Un'ipotetica controfattuale. 

*

Autostima kafkiana

Sono molto sicuro di me quando sono ubriaco, soprattutto se in giro non c'è nessuno.

*

Cultura

Chi usa la cultura a guisa di vestito e non di abito, presto o tardi rimane nudo davanti alla sua ignoranza. 

*

Testi universitari

Un buon testo universitario parla allo studente, uno cattivo parla del docente.

*

Vox animalium

Se gli animali potessero verbalizzare il proprio dolore, nessun uomo mangerebbe più la loro carne.

*

Democrazia eterodiretta

La democrazia smette di essere potere del popolo, quando questo popolo è eterodiretto.

*

Res(sa) publica italiana

Se la Repubblica italiana fosse stata fondata su precariato e litigiosità, oggi la politica avrebbe di che compiacersi. 

*

Destrudo politica

Nel dibattito politico continua a prevalere la relazione distruttiva dell'io-contro al posto di quella costruttiva del noi-insieme.

*

Res sensorum

Quando il buon senso fallisce, il senso dell'umorismo risarcisce.

*

Ubi vera pulchritudo est?

Lasciate a chi non sa vedere le Versailles d'Europa e stupitevi invece del pervicace fiore che spunta solingo sui cigli della strada, e saprete dov'è la vera bellezza...

*

San Ni-Cola

Da San Nicola di rosso vestito al Babbo Natale della Coca-Cola, qualcosa dev'essere andato storto.

*

Politicus honestissimus

Era un politico così onesto da lasciarsi corrompere dalla stessa idea di esserlo.

*

VI Dies

E il sesto giorno Dio creò l'uomo: non ci saremo sopravvalutati?

*

Senescere

Un uomo capisce di invecchiare quando gli crescono i peli dove non dovrebbero, comincia ad amare la domenica in modo viscerale e a odiare i vicini perché troppo rumorosi.

*

Vir bonus

E' più facile che un uomo buono sia povero che un pover'uomo sia buono.

*

Vita brevis est

Al netto del tempo passato a dormire, bloccati nel traffico, o a difendere idee nemmeno nostre, moriamo poco più che adolescenti. 

*

Le razze esistono:

Le razze esistono finchè non le pronunci: sono dei pesci d'acqua salata con due affricate alveolari sonore.

*

InciviltÓ moderna

Meglio un popolo sinceramente barbaro che uno civilmente barbarizzato.

*

Fama

C'è un nuovo appetito, tipico dell'oggi: la fama nel mondo.

*

Tempus naturalis

Se vivessimo seguendo il tempo fisico, quello delle stagioni, e non quello sociale, tiranno dei nostri giorni, ci riscopriremmo fibre del mondo in comunione con la natura.

*

De vita

In passato, l'uomo anelava alla vita eterna; oggi, a rendere eterna la vita.

*

Locus communis

Il luogo comune è un comodo salotto senza finestre.

*

Mendacium

Una bugia a volte è tutta la verità di cui abbiamo bisogno.

*

Immortalis

Era morto, solo che Facebook non lo sapeva.

*

Scribere

Scrivere è l'alveo di un fiume chiamato emozione.

*

Homo fumat et currit

A primavera, nei parchi delle grandi città si aggirano solinghi due evoluti mammiferi, il fumatore e il runner; entrambi latori della propria dipendenza, si distinguono soprattutto nel modo di vestire: molto più sobrio quello del primo. 

*

What’s app, ergo sum.

Oggi per esistere non basta "essere" nel mondo reale, ma bisogna essere in quello digitale-multimediale, nell'e-mondo.

*

De mercatore

Il commerciante mente già dal sorriso.

*

La politica

Se la politica fosse un verbo, sarebbe un predicato stativo.

*

Adulator

Vicino al narcisista si trova l'adulatore, come l'ombra vicino al suo albero.

*

Timidus

Il più delle volte, il timido è un egocentrico represso.

*

Optimus magister

Il migliore degli insegnanti non smette mai di essere uno studente.

*

Edere in telegiornale

L'abitudine di mangiare durante il telegiornale è la migliore pedagogia all'insensibilità.

*

Futurum

Il futuro è un amico che consola quando il presente delude.

*

Mala verba

Le parolacce sono i veicoli di sentimenti troppo istintivi, forti e viscerali da poter essere espressi attraverso la ragione.

*

Coerenza

La coerenza a ogni costo porta a essere incoerenti con la propria intelligenza.

*

Vera aut falsa est?

Due mesi fa ho comprato un'orchidea di plastica. Poi è morta.

*

Ars manibus, mos pedibus

Se la tecnica di un pianista è evidente dal suo periodare sui tasti, è dal tocco sui pedali che emerge il suo carattere.

*

Historiae vanitas

E' tipico della natura umana reiterare quegli errori che la storia suggerirebbe di non ripetere.

*

Jazz taratantara dixit

Il jazz è quella musica dove sembra non succedere nulla perché tutto sta accadendo. 

*

In contrabbasso veritas

Il contrabbasso è come il clown: non può essere né bello né felice, ma solo buffo o triste.

*

Affectus inopia

La frequenza al quarto corso di scrittura creativa è una palese richiesta d'affetto.

*

Vulgi turbatoris ancilla

L'emotività dell'elettorato è l'ancella del demagogo.

*

Asini petulantia

Il saccente è colui il quale cavalca un asino pensando di essere su un cavallo.

*

Ironico ma non troppo

La più grande qualità che un contrabbassista deve possedere non è "l'orecchio" e nemmeno il senso del ritmo, ma l'autoironia.

*

La veritÓ bugiarda del racconto

Un racconto è una bugia di cui si è talmente persuasi  da volerla scrivere con la massima sincerità di cui si dispone.