chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Angela Francesca Russo
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Non t aspetterņ

Non temere 
il silenzio è mio amico,
più di quanto lo sei tu...
 
No! Questa volta non mi inganni
non ti perdonerò,
non ti permettero ancora di ferirmi, 
scagliando frecce avvelenate.
 
Non scioglierò il ghiaccio,
che durante l inverno si crea sul cuore 
al primo bacio rubato d'estate.
 
No! Non mi troverai questa volta 
Non sono un numero,
Nè un gioco...

*

Il silenzio

È dolce il canto del silenzio,
nella notte quando i pensieri 
si susseguono in dialoghi
che mai avrò.
 
È amaro il silenzio
quando mi scontro con chi amo,
ferisce l orgoglio
e il canto si trasforma in pianto.
 
Aspettando che si rompa il silenzio,
Poiché diventa un frastuono
insopportabile, aspetto lui
che con una carezza, una parola
Porti pace al cuore.
 
È luce il silenzio
quando sotto il sole di novembre
Chiudi gli occhi e ti lasci trasportare 
da quel tepore, negli alberi
A ridosso del mare.
 
È speranza il silenzio
Quando guardi il cielo
E volgi la tua preghiera
E il canto dell usignolo
Diventa musica angelica

*

Non posso Amarti

 
(Tratto dal libro: Voglio vivere prima di morire)
Angela  Francesca Russo
 
Non posso amarti
come vorrei,
non posso renderti speciale,
non posso svegliarti
dal sonno che t annebbia.
 
Vorrei che mi vedessi
con gli stessi occhi che ti vedo io.
 
(Te stesso, un illusione,
l'ombra d'uno specchio,
la tua convinzione).
 
T'osservo da lontano,
consumarti nel tempo
non vuoi farti amare,
come io vorrei.

*

Ti cerco

E ti vengo a cercare

Nelle ombre della notte

Quando lui mi dorme accanto, 

Nelle pagine dei libri, 

Nelle tante immagini su internet, 

Negli angoli del cuore, 

Tra milioni di stelle, 

Nei sogni, ogni notte...

 

Ti cerco

Nei pochi ricordi

in quei preziosi momenti, 

Tra le infinite righe di questa vita,

Tra la linfa che scorre 

Nelle onde del mare, 

Tra prati verdissimi;

Eccoti, ti trovo

Seduto nell angolo di un cuore

Ferito, 

Ti prendo la mano,
la stringo forte al petto 

tanto da lasciarmi l impronta di te... 

Sapendo che mi lascerai ancora da sola. 

 

Chissa quando ti ritroverò 

Chissà...

*

Forza Donne

Quante pene abbiamo nel cuore?
Quante le aurore piene di pianto?
E quante notti passiamo insonni
Lacrime di stelle... .
 
Quante volte abbiamo sorriso
dietro una maschera senza volto,
quante volte i nostri passi sono stanchi,
ma noi continuiamo a camminare,
quante volte ci sentiamo in catene
osanniamo libertà, ormai sconosciuta,
quante volte guardiamo quella valigia vuota, perdiamo le speranze,
ma lottiamo per i nostri figli,
I nostri amati.
 
Quante volte non veniamo capite,
veniamo violentate non solo nel fisico, soprattutto nella mente...
quante volte veniamo stuprate 
da quell' uomo che non comprende,
che non ci dona una carezza
quando ne avremo più bisogno.
 
Quante volte ci vestiamo di forza,
ma non ne abbiamo,
ci sentiamo deboli troppe volte
e quante volte crolliamo,
e continuiamo a correre su questa strada,
con una fretta sconosciuta,
però se qualcuna di noi cade,
siamo sempre pronte a tendere la mano,
nonostante ci arrabbiamo,
Ci insultiamo, nonostante tutto 
ci aiutiamo.
 
Vorrei ricordarvi oggi nel giorno di questa commemorazione di quanto siamo grandi noi donne.
Di quanta forza è dentro di noi
NON ARRENDETEVI MAI!!!!

*

Non sono di questo mondo

Non è mio questo mondo,
questo corpo che mi porto addosso,
questo marchio 
che mi han messo,
questo nome che sa di tutto
e di niente... .

Non è mio il mare,
il sole, il prato,
l'ulivo che m'ha ascoltato,
il vento che mi ha coperto il pianto.

Niente m'appartiene,
neppure il silenzio dove mi nascondo
e aspetto il tempo 
trascinarmi lontano.

*

mi fai male

Sfuggo agli occhi del mare,
Al sale che brucia le ferite,
Alle lacrime che mi fai versare
Inutilmente...

Alle canzoni che ascolto,
A cui non do più un senso,
A te che mi hai stravolto,
Vorrei scappare
ma poi rimango e aspetto,
Che l'onda raggiunga la falesia,
Che sgretoli ancora la roccia,
Che si sfaldi sotto i miei piedi,
Che mi immerga in pensieri reconditi,
Che il suono dell'acqua mi stordisca,
Pur di non sentirti,
Pur di non vederti,
Per non soffrire ancora un'ora
Senza di te.

*

A casa mia

Una panchina
Sotto l' olivo,
Le cicale
Un vento leggero,
E già assaporo il mare
Il suo profumo
I suoi colori,
Qui a pochi passi,
E poi..
Io con i miei pensieri
E i passi traballanti
Osservo i girasoli
Senza problemi..
Quanti affanni
Questa vita!
Solo fermarsi,
Un momento quello giusto
Apprezzare il disinvolto
Scorrere del tempo...
Passarti addosso
Eh... Ancora me
Nel mondo non mio.

*

Pensieri nascosti

Non posso parlarti,

Non posso scriverti

Ne ascoltarti,

Allora dirò al mare 

I miei pensieri,

Li confonderó tra le onde,

Sperando ti raggiungano,

Parlerò al sole di te,

Che faccia risplendere sempre

I tuoi sorrisi,

Ormai impressi in me.

 

 

*

Cercami

Se davvero mi vuoi trovare

cercami all'angolo della vita,

tra il mare e la falesia

starò ad aspettare il tramonto, 

nei giorni che saranno,

in un tempo non mio,

consumando ciò che resta 

di questa sigaretta,

l'anima mia.

*

Ho bisogno di te

Ho bisogno di te,
nella notte più fonda
quando i miei pensieri
Si intorpidiscono
e di lacrime gli occhi son colmi.

 

Ho bisogno di te
quando mi scacci via
  oti scaccio io,
quando invece vorrei
un abbraccio, un sorriso,
una parola di conforto.

 

Ho bisogno di te,
quando mi prendi in giro,
quando nascondi le tue paure,
dietro le battute
che sanno di insicurezza.

 

Ho bisogno di te
quando ti preoccupi
del più e del meno quotidiano,
e io mi perdo dentro strani percorsi
per rendermi capace ad amarti
come vuoi tu.

 

Ho bisogno di te
ogni singolo istante
in questo nuovo anno,
ieri, oggi non importa il tempo,
voglio te adesso e sempre.

*

Oblio

Vivo e non vivo

nell'oblio di questo essere

tumefatto,

tratti di luna

ridisegnano la via,

sentiero tortuoso e aspro,

perso tra il mondo

al rovescio.