chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Catello Nastro
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

’= Zi !!!

‘O ZI’…

Quanno li ggiuvene
vonne sapè quarcosa
e te chiammano ‘”o zi”
ponno asssignificà ddoje cose:
o songo li nepute tuove
ca’ te cercano renare,
oppure…si arreventato viecchio.
L’auto juorno passao annanti a la putèa,
‘na signurinedda re fora pajese,
ca ra’ l’accento me sembrao napulitane:
“O zi’, scusate pe’ gghi’ ‘ngoppa o castiello,
e visità ‘o centro storico ‘e chesta città,
quala via me conviene ‘e fa’?”
“Vaje adderitto pe li scaluni
e quanno viri lu mare ra ‘nzimma a la cullina,
vuardatella ‘a parte cchiù bedda
re chesta città antica.
E quanno trasi rint’à lu castiello,
rici ca’ te manna zi’ Catiello!!!”

Catello Nastro
Agropolicultura.blogspot.com

*

’A capa

‘A CAPA

Oggie ‘a capa nunn’è bbona,
ovverossia è malamente.
Vulesse fa tante ‘e chelli ccose,
ma nun saccio mangh’io
addò pozzo accummenzà.
‘Na camminata abbascio ‘o puorto,
fa friddo e nunn’ha pozzo fa.
Vulesse fa ‘na fatica ‘e ‘nu quintale,
ma nun saccio ‘a forza
addò aggia aì a piglià.
Me chiuro dint’ò cesso
pe’ svacantì ‘e stentine,
ma manch’o culo è bbuono:
tene voglia sulo ‘e spiritià.
Catello Nastro

TRADUZIONE:
Oggi la testa nun funziona tanto bene. Vorrei fare tante cose ma non so proprio da ove cominciare. Vorrei fare una lunga passeggiata sul molo del porto di Agropoli, ma il freddo me lo impedisce:Vorrei fare anche un lavoro pesante, ma non riesco a trovare la forza fisica per farlo. Mi chiudo nel bagno con la speranza di andare di corpo e svuotare lo stomaco intasato, ma anche in questi non ci riesco. Riesco a fare una “spiritiata”, ma niente più.

*

12 febbraio 1941 - 2013

12 FEBBAIO - 1941 – 2013

‘O rurere fevraro d’ò ruemila e trirece,
‘e chist’anno appena accummenzato,
mierece, spitali e aute strutture,
hanno stabilit’ ‘e nun fa nascere ‘e criature.
‘O rurece ‘e fevraro r’o mille noviciente quarant’uno,
‘ntiempe ‘e vuerra, sott’è bumbardamente,
nasciette io pure ‘nzieme all’ate criature.
E chi è accanusceve mierece e spitale,
tanno ‘ng’ steve sul’a vammana
ca passava n’a vota ogne summana.
Eppure so’ nato, e so’ stato affurtunato,
co’ latte cundenzate e l’alleate,
‘nu tuozz’e pane tuosto e spugnato
era ‘o menù fisso ‘e tutt’à jurnata.
Eppure io so’ nato ‘nzieme all’ata gente
e nun penzo ca’ so’ nato malamente.
So’ stato duttore e lettere cumm’ò pustiere,
pluriaccademico,professore e cavaliere.
E mo’ ca’ songo trasuto rint’à vicchiaia,
muglierema pe’ me fa sta cujeto
m’ha cuncesse pure ‘e fa’ ‘o poeta.
‘O rurece e fevraro è ‘na data assaje importante:
no pecché songo nat’io, sittantaruje anne fa
‘ngoppa a ‘sta faccia streuza ‘e chesta terra,
ma pecchè tutte hanno diritto e nascene chianu chiane,
spiciarmente si sti criature songo napoletane.

Catello Nastro

*

Lu vrasiero

LU VRASIERO
In vernacolo cilentano recente

Face ‘nu friddo
ca s’è gelata l’acqua
int’à la votte
sott’a lu’ pirgulato
r’uva fraula addirosa
annanti a lu’ purtone re la casa.
Rint’à la stalla,
a lu lato re la cascina,
zimmari, crape e ciucci,
vacche, vuoi e vetieddi,
se songo già ‘mbrugliati
rint’à la paglia re la lettèra
cercanno lu calore re la stalla
e frecanneso nu’ pucuriddo
crianno solidarietà bistiale.
Pure lu’ cane re uardia,
che facìa l’antifurto,
s’è stinnicciato tremmulianno
vicino a li menne re ‘na vacca
pe’ meglio s’accanteglià.
Sulo lu’ uatto, ca’ stace rint’à la casa,
pe’ prutegge lu’ ggrano rint’à lu cascione,
ra’ li surece ca’ vanno spertusianno,
s’è feccato accanto a lu’ vrasiere,
vuardanno la leuna c’arde e ‘nfoca.
Catello Nastro

TRADUZIONE
Nelle cascine collinari del Cilento, d’inverno fa un freddo tremendo e la famiglia si riunisce attorno al braciere per riscaldarsi. L’unico animale ammesso in casa è il gatto che fungeva da antifurto contro i topi, che dopo aver aperto un buco nella parte superiore della cassa, s’infilavano e s’ingozzavano sporcando anche il residuo grano. Affianco a la cascina, la stalla per mucche, porci e asini e un cane che li proteggeva da eventuali furti. Privilegiato il gatto che era l’unico a riscaldarsi col braciere.

*

Lu uatto maimone

LU UATTO MAIMONE
Rint’à li tiempi antichi a lu Celiento,
quanno lu ninno zico nun vulìa rorme
la mamma pe’ lu fa sta quieto,
rint’à la vocula fatta ra lu nonno,
lu ‘ndrunguliava annanti e arreta.
Si lu’ criaturo s’addurmia ra sulo
lu sistimava sott’à lu’ lenzulo
e ghieva a dorme edda pure.
Ma si re rorme nun tenìa ‘ntinzione,
la mamma lu facìa appaurari ricenno
ca’ chiammava lu’ uatto maimone.
E sulo quanno lu’ zico addeventava vuaglione
scuprìa ca’ era sulamente n’invenzione…

Catello Nastro

TRADUZIONE
Nei tempi antichi nel Cilento, quando un bambino faceva i capricci e non voleva dormire, la mamma lo minacciava di far venire il gatto maimone. Una specie di mostro cattivo che picchiava i bambini che non volevano addormentarsi nella culla a dondolo chiamata “vocula”. Il bambino terrorizzato si addormentava, non perché aveva paura, ma perché di era stancato di sentire la mamma. Quando diventò ragazzo scoprì che “lu uatto maimone” era solo un’invenzione.

*

N’aucedduzzo

N’AUCEDDUZZO

Cumm’à n’aucedduzzo
caruto ra nu niri
sott’à l’irmici re na casa vecchia
re la via Filippo Patella,
sotto à li scaluni re preta viva,
ca’ portano a lu’ centro storico,
la parte re chistu paese
ca’ se specchia rint’àlu mari,
assettata annanti a ‘nu purtone
re legno re noce carulato,
cu’ ‘nu tuozzulo ca penguliava
ra’ lu seculo passato,
‘na criaturedda ra la pelle scura,
ca’ nun parlava manco ‘a lengua nosta,
prujeva la mano a li passanti
chierenno ‘a carità.
Me scutrullaje li sacche re lu cauzone
e accugliette tutt’è spicciule ca’ tenìa.
S’inghette e spicciuliddi re’ poco valore
la manzolla re la criatura ca nun canuscìa
e me rialava ‘nu surriso triste,
ca’ quanno lu penzo
me mettesse a chiangere.
Quanno turnai nun la truao cchiù.
S’era sparuta e cchiù nun l’ancuntrao.

Catello Nastro


TRADUZIONE AD SENSUM
Come un uccellino caduto dal nido posto sotto tegole di un palazzo antico di Via Patella, prima degli scaloni che danno accesso al centro storico di Agropoli, la cui origine si perde nel tempo, uscendo da casa incontrai una bambina extracomunitaria che chiedeva umilmente la carità ai passanti. Rovistai nelle tasche e raccolsi tutte le monetine, gliele porsi e lei contraccambiò con un sorriso triste, che il solo ricordo mi fa scappare le lagrime. Quando rientrai a casa non la trovai più!

*

Vao ruzzulianno

VAO RUZZULIANNO

Vao ruzzulianno
tra carte e cartuscedde
pe’ truvà ‘na littricedda
ca’ screvietti miezzu seculo fa.
‘Na cartuscedda roce,
ca cumm’aviti ggià capiti
parlava r’ammore antico,
cumme se facìa tantu tiempo fa.
Era scritta ‘nzimma a ‘nu foglio
re quaderno cu’ la cupertina scura,
cu’ ‘na penna cu’ nu pennino
ca’ se ‘nzuppava rint’à ‘nu calamaro
re gnostro niuro cumm’à ‘nu tuzzone.
L’avia cumposta pe’ muglierema,
l’unica femmena re la vita mia,
ca’ nun m’ha lassato mai sulo
e mo’ stace rint’à a la cucina
a priparà ‘na scafarea re pasta cu li fasuli.
La littricedda nun l’hao truvata,
ma quasi a tre quarte re’ seculo,
ca’ me songo aggiornato ‘ngoppa a sta terra,
n’hao scritta n’auta… cu’ lu’ compiuterre.

Catello Nastro

TRADUZIONE
Sto rovistando tra le carte nel mio studio per trovare una lettera d’amore che composi per mia moglie più di mezzo secolo fa quand’ella era attorno ai sedici anni ed io poco più. Era scritta su un foglio di quaderno dalla copertina nera con una penna di legno col pennino Cavallotti alla punta che s’inzuppava in un calamaio di inchiostro nero come un tizzone. Ma approfittando che mia moglie, ormai ultrasessantenne sta in cucina a preparare un bel piatto di pasta e fagioli, ne compongo un’altra. Ho quasi tre quarti di secolo. La lettera la digiterò, questa volta, col computer.

*

E’ caduta una stella

Microsoft JScript runtime error '800a003e'

Input past end of file

/testi_raccolta.asp, line 88