chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Graced
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Ritrovata magia

 
Il tempo accordò nuove melodie 
alla ruota del nostro universo 
arresa in statico cammino 
di un tempo crepuscolare 
pregno di parole sintetizzate 
e di sillabe spezzate 
nostre compagne di dialogo 
nel gelido inverno vigente tra noi.
  
Ora ci sono nuove fioriture
sbocciate in paesaggi all’infinito 
dove poter spaziare in armonia 
allietate da canti e da risate.
  
Tra i tigli odorosi 
ci troviamo a rivivere 
la nostra nuova giovinezza 
col vento che gioca tra i capelli
mentre in un cielo brillante
del suo azzurro 
rifulge una danza simbiotica 
che avvia al sentiero lucente 
di ritrovata magia.
 
Grazia Denaro

*

Speranze sospese

Il vento che viene dai monti

porta odori di erbe nuove,
barlumi di sole e pioggia
nel depurare l’aria fuggiasca
che si respira in questo tempo
d’inquietudini e incertezze
pregno di notizie
non rassicuranti del domani.

Timore sulla nuova ripresa
del vivere fuori casa.

Dopo il tempo della stasi
è un risveglio
approcciante a libertà limitata
come quando un bimbo
si appresta ai primi passi
pauroso di cadere.

Il domani pullula
di speranze sospese
nello spazio-tempo a venire
come le cose che hanno il compito
di essere attese.

Grazia Denaro

*

Variare i tempi del presente

Assorta in segreti pensieri

questa sera ho nostalgia dei tuoi silenzi
e del tuo guardarmi sorridente
ai rimbrotti affettuosi che ti rivolgevo sovente.

Tu hai abitato da sempre il mio sentire
era un amarci colmo di parole
che sgorgavano sincere dai nostri cuori.

Col tempo si erse fra noi un muro
e non riuscimmo più a comunicare.

Ho tolto la tua ultima foto,
ho dovuto cambiare le parole,
variare i tempi del presente
girandoli al passato.
Il noi non c’è più, ora governa l’io
e s’esalta l’imperfetto.

Incontrarti oggi, anche casualmente
è stato un grande dolore.

Ricordo il pontile delle nostre passeggiate,
il fantasticare sul nostro futuro
da me tanto desiderato.

Ma non eri tu
il ramo portante del mio tronco
e neppure il soggetto dei miei versi dedicati.

Grazia Denaro

 

*

L’enigma del mio tempo a venire

 

In quest’angolo di tempo
ti rincontro
mio cammino di parole
diretto sempre
al cuore delle cose.

E’ con te
che sono nate e morte
tante speranze spesso inficiate
dalle mie mille paure
e dal mio innato disincanto
ai reali accadimenti.

Quanto vorrei invece
dal profondo del mio cuore
esternare l’eco del mio canto
come lenimento
al clamore della tormenta
che spesso assale il mio essere
sbattuto in balia dell’indefinito
che pone il sigillo nell’enigma
al mio tempo a venire.

Grazia Denaro

*

Derelitte ossa spolpate

 

Questo mondo credo

si stia deteriorando

giorno per giorno sempre più.

 

Lo sento un mondo di pidocchi vaganti

che nulla di bello concede più

ai poveri tartassati.

 

Non un palmo di terra non succhiato

per i vivi che non sanno dove riparare,

non un segreto d’anima non spiato,

non un sogno non mosso e non travisato

che nulla lascia al voluto, al desiderato.

 

I politici s’accaniscono a divorare all’unisono

avidi ed intenti a implementare il loro potere:

 

Neanche  le molteplici morti in pandemia

li fermano dal loro intento

di arricchirsi ad oltranza

facendosi una posizione  d’oro

a scapito di una nazione in default

e portata volutamente alla bancarotta

lasciando sulla terra deserta

derelitte ossa spolpate.

 

Grazia Denaro

 

*

Rinascere a nuova vita

 

 

E' un avvicinarsi all'argine
questo pace che sento.

Dopo tanto nuotare
trascinata dal vortice impetuoso
di correnti e mulinelli
atti a ghermire
in un'ansa scevra di luce
attirandomi in un assedio
esiziale di minuti, di ore, di giorni infiniti
nel risucchio di un affondo
impedito dall’impatto di una pietra.

Ma un tranquillo golfo
m'accoglie stamattina
nell’approdo di un’aria di clemenza
e riflessione.

Da una fine drastica
può scaturire il bene più sublime
risorto e ritrovato
in un culminante rinascere
a nuova vita.

Grazia Denaro

*

La serenità dell’esistenza


Quando lo sguardo

s’invola al cielo

perché troppo fitta

è stata la notte

e troppo buio

è il bosco dell’anima

credo bisogna schiudere l’uscio

ed imboccare la via

che conduce per mano

a quel sacrario d’ombra e d’oro

immerso nell’aura

del manto celeste.

 

E’ saggio abbracciare quei sentieri

che si stagliano 

nel chiaroscuro della luce

atti a risvegliare sagge riflessioni

ed intendimenti equilibrati

che regalano la pace interiore

e la serenità dell’esistenza.


Grazia Denaro

*

Figlio mio

Oggi ride su me la primavera.

Tornano le rondini si sa.

Volano via le parole degli amici

per l’aria movimentata.

 

Un vento  burlone accarezza

la pelle e la rinfresca

dal caldo rossore emotivo.

 

Ritornano per me,

ora le amiche parole dell’amore.

 

In te, fanciullo, splendono

e mi rilucono i tuoi occhi nel sole.

 

Giuocano nei tuoi passi incerti,

nei tuoi cinguettii,

in un vai e vieni ad addossarti

alla mia persona,

con quel profumo ch’emani

 emozionandomi.

 

Certa cammina in me

solitaria e tranquilla la felicità.

 

Grazia Denaro

*

Silenzio

 
Ho paura della solitudine
ma anche dei nostri silenzi.
 
E’ divenuta un campo
scevro di verde
e senza usignoli la nostra casa.
Vige un silenzio perenne
tale da rendere l’azzurro cielo
pregno di un’aura densa
di polvere grigia
che si deposita sul cuore
divenendo fantasma nefando
di quell’armonia
che fu gioioso canto.
 
Anche la notte
racconta di parole mute
senza alito né labbra
sospese
su matasse di malinconia
a chiosare
le nostre illusioni perdute.
 
Grazia Denaro

*

Pantalica

Il cielo d’un azzurro scevro di nubi
 si rifletteva nel passato remoto
ed attraverso le crepe che ha lasciato
canta ancora la sua arcaica storia.
 
Un’aura misteriosa
sprigionavano quelle pietre,
le grotte rupestri e la necropoli
abbarbicate su un terrapieno
digradante verso la costa.
 
Fui ammaliata
da quella natura selvaggia
in cui torrenti e piccoli fiumi
fluivano silenziosamente
incastonati lungo canyon
formatesi tra le calcaree rupi.
 
Il belare delle capre
che brucavano
sotto un portentoso sole
tra le siepi scarne
radicate fra le ripide pareti
poggiate sull’Anapo
che scorre fino a valle
fu l’unico suono di questo luogo
selvaggio ed antico.
 
E lì, sul margine del prato
nell’osservare quel contesto
m’innamorai del vento
che carezzandomi dolcemente
mi sussurrava
i segreti ritmi di quell’arcaico canto…
 
Grazia Denaro

*

Macerie

 

Gelide folate di vento
mi trascinano schiaffeggiandomi
nell'impervio cammino.
 
Ho l'affanno, non respiro,
il delirio del vento non attenua il dolore
che mi trafigge il petto.
 
M’annienta il ricordo del tuo parlare
gelido ed imperfetto,
esploso come polveriera che ha colpito basso
lasciando macerie in giro,
aprendo un futuro scevro di sorriso.
 
Remo nella tempesta
che offusca e fa lacrimare gli occhi,
vorrei un pianto liberatore
che lavi tutta l'amarezza che mi possiede:
è stato soltanto un gioco fra di noi,
nessuna metamorfosi, purtroppo...
 
ormai l'orizzonte è chiuso,
il mio io da tempo l’ha avvertito
e mesto si ripiega su se stesso.
senza più coraggio di lottare.
 
Grazia Denaro

*

Luce fulgente

Oggi il sole mi accarezza
come per darmi dolcezza e calore
in quest’inverno avaro di gioie.
 
Ascolto il lamento del vento
che racconta di me e di te
quando l’amore
si leggeva dai nostri occhi
e le mani si stringevano
ai nostri corpi
con l’animo sospeso
all’aura del sentimento
attorniati
dallo splendore della natura
che si donava a noi
in spazi aperti ed infiniti
mentre il vento scompigliava
i capelli e i vestiti
nella luce fulgente dei giorni
scevri di tramonti.
 
Grazia Denaro

*

Scende lieve manto dal cielo

 

Tra la pace ed il silenzio

scende lieve manto dal cielo,

nutrimento d’incanto

in un’aura beata

d’ovattata pace

nell’irrealtà del momento.

 

Accende emozioni

la bellezza della natura

in un incontaminato biancore

d’alba siffatta.

 

Fibrilla silente

in una gioia irreale

la galaverna sui rami

origami immacolati e fantasiosi

a coprire boschi incantati.

 

Ascolto palpitare il mio cuore…

mi sento felice,

affascinata da tutto questo lucore:

accolgo i soffici fiocchi

che m’abbracciano

in una catarsi purificatrice.

 

Dal mio ego fuoriesce

la mia gioia bambina

che m’esalta un’antica allegria.

 

Grazia Denaro

*

Il sortilego della nostra vita

Ti guardo seduto

nel punto più rilucente del giardino,
ammiro i tuoi capelli rossi
che sprizzano scintille
e i tuoi occhi dorati
accentrati negli oceani liquidii
che scorrono tra le tempie
a illuminarmi le ore.
 
Mi commuovo scoprendo
le ragioni della mia attrazione
del tuo essermi marea
che mi pervade e mi avvolge
sprofondandomi nell’emozione
che allieta il mio costato
per fluire nel perimetro
che c’adorna d’ardore
quando le nostre rive al mattino
si fronteggiano soavi
rispecchiandosi
nell’acqua limpida e scorrevole
a donare energia
al segnatempo delle stagioni
che si succedono
nel sortilegio della nostra vita.
 
Grazia Denaro
 

*

Il tuo intimo sentire

Anima raminga
non metti mai un paletto
nell’assaporare le cose acquisite
continui ricerca estenuante
battendo strade dure
irte di pietre e sassi atti a ferire.
 
Sei attiva a varcare porte
che non sai se aprono usci
su fitta nebbia o parvenza di sole.
 
Segui il sibilo del vento
non provando sgomento
al suo richiamo enigmatico e impaziente
con una complicità che non si arrende
sei scevra di ripensamento.
 
Segui lucciole in volo
abbagliata da fugaci luci vaganti
farfalle leggere, fiocchi di neve
in un’estate leggiadra
effimera o vera?
 
Dai tronchi potati
 subitaneamente abbandonati
speri rispunti nuova vita
 di germogli a fiorire
in un abbraccio allettante
che invii nel tuo mondo interiore sensazioni
a scommettere sempre sulle emozioni
del tuo più intimo sentire.
 
Grazia Denaro

*

La magia delle maree

 


Sono fitte le maree quando s'incontrano

ma scisse da grandi quantità di schiume.

 

La forte brezza le disperde

spostando i marosi

da una parte all’altra.

 

La luce della luna che le illumina

regala uno spettacolo galattico

di argentea luce.

 

Una visione ammirevole

che ti rimane dentro  come la natura

sia peculiare e meravigliosa

 nelle sue manifestazioni.

 

Splendido poter osservare

questo spettacolo alla giusta distanza:

 

dove maree e cielo

hanno un movimento sincronizzato

che s’incontra all’unisono

per poi allontanarsi e subito dopo

ricongiungersi:

in una natura che s’ingloba

e si divide da non perdersi mai .

 

Sembra d’assistere ad un magico sogno,

l’aria movimentata fortemente

esalta il respiro

mentre il vento canta la sua solenne canzone.

 

Grazia Denaro

*

Attendo la tua consolazione

 
Sarà pelle la mia anima
che attende il tuo respiro
come un alito di vento
a risvegliarmi dal torpore.
 
Mi sento come fiore ormai leso
che non ha più prodigio
né attrattiva su di te.
Mai una fiammella amica
si accende nel tuo sguardo.
 
Tengo una corona di spighe
come talismano in mezzo al petto:
il rosario della terra che tanto amavamo
osservarlo muoversi
al dolce vento della primavera:
 
era come vedere oro puro ondeggiare al sole 
che induceva i nostri passi danzanti e gioiosi
a viaggiare nella fulgida luce:
[immense allora erano le emozioni].
 
Abbiamo abbracciato
il cuore d’ogni giorno in simbiosi,
la sapienza della misura
e l’idea che illumina la carne
facendola sentire viva.
 
Ora, non riusciamo più a conciliare
tante cose in modo logico.
 
Grazia Denaro

*

Un perdurare eterno

Ti osservo dormire
con lo stesso incanto
con cui si osserva la luce
che si apre all’azzurrino del cielo
nella folgore incantata del mattino
e con la commozione che si prova
quando l’anima è innamorata
o come nel vedere lo schiudersi
una rosa di gennaio.
 
Sento lo stesso ardore
che ha il fuoco
che divampa divorando i desideri
poiché nello scorrere della pelle
migliaia di parole in stupiti mulinelli
trasmettono all’elettrico del cuore
un rivelato tutto
nell’intensità che irretisce i sensi
in un languore
conducente alla gioia della vita
colma di quegli attimi
simili al perdurare eterno.
 
Grazia Denaro

*

Il fulcro della vita

 

 

 Un nuovo inverno
si profila come quello passato,
c’è ancora abbandono di fiducia
per questo virus che continua a falciare vite.

Siamo come i carcerati senza le sbarre,
obbligati a sottostare a determinate regole
perché la pandemia possa regredire.

Gli affetti li osserviamo a distanza
con la gola chiusa dall’emozione trattenuta
perché privi di dare loro una carezza un bacio
o un abbraccio.

Ci addolora non poter soddisfare
quell’anelito desiderato:
è una sofferenza che spegne la gioia.

Si va avanti come soldatini
chiedendoci quando questa clausura finirà
per poter ritornare a vivere le gioiose primavere
in mezzo alla natura,
andare per le strade in mezzo alla gente
senza paura di contagiarci a vicenda.

Chissà quando potremo godere dei colori
del cielo e del mare tutti vicini
riprovando ancora quelle emozioni
che sono il fulcro della nostra vita.

 
Grazia Denaro

*

Un amore che tace

 

Conosco cieli

che scoppiano nei lampi e le trombe,

i reflussi e le correnti.

 

Conosco la sera

e l’alba che si esalta

come uno stormo di colombe,

anzi l’ho conosciuta

ed era il mio mondo d’amore.

 

Ora è come se quel tempo

fosse svanito:

non esiste più.

 

E’ dura guardare i suoi occhi

che non rispondono

al mio muto richiamo.

 

Com’è cambiato tutto tra noi?

Non c’è più ardore

né vitalità nel nostro rapporto

divenuto parco di parole

e privo di sentimento.

 

Mi rendo conto che un amore

che tace non esiste più

 

 

Grazia Denaro

*

Una beltà suadente m’irretisce

 

Nel silenzio, all'improvviso,
sento un canto antico
venir giù dalla valle,
varca il nostro tempo
la sua purezza languida e soave.
Il petto mi s'inebria d'essenza e d’ascesi
e un brivido di dolcezza
accarezza la mia pelle.

 

Sento una melodia cantata da aule voci,
forse di cori d'angeli discesi in girotondo
dall’apogeo illuminato a festa
ornati di rose profumate
attorniati da arbusti scalzi di biancospino
e tutti gli alberi del verde crinale
lì a rendergli omaggio.

 

Una beltà suadente m'irretisce
e un celestiale profumo m’invade
come limpida brezza
ed io mi sento così attratta dal celeste evento
da non sentire più la terra sotto i piedi.

 

Grazia Denaro

*

Pandemia

In questo tempo di pandemia

tanti pensieri girano per la mente.

 

Si spera che la notte scomparirà

tirata da fili invisibili

magari nello splendore di un fulmine,

ma ci faccia trovare con un battito di mani

felici di essere ancora svegli al mattino

con la gioia di poter godere al momento

della bellezza che tutti i giorni

ci regala l’universo.

 

Sappiamo che ci saranno dormienti

senza la notte:

corpi ornati di ossa , irrigiditi

che non rispondono più ai richiami.

 

E’ asciutta la linfa, il seme che li germogliava

e altresì l’intelletto che abitava la fronte

ha staccato la spina che

non li ricollegherà mai più a questo mondo.

 

Grazia Denaro

*

L’autunno mi parla

Già mi parla l’autunno

vola la criniera del vento

tra il cielo e il mare.

 

Al davanzale buio

tacendo ascolto i miei pensieri

piegarsi sotto il vento occidentale

che scroscia sulle foglie dei neri alberi

solo vivi nella notte.

 

Osservo il buio che vige

nell’aura del vento e della solitudine.

 

Poi vado a letto

e penso che le notti immiti

non muteranno

fin quando la stagione

non espleterà prima del gelo

il suo ciclo di stasi

e di lavorio della terra

con in grembo le sementi

che a suo tempo diverranno frutti.

 

Grazia Denaro

*

Il nuovo sorgere della vita

 

La pallida luna stasera

mi accende luci lontane,

nostalgie di momenti svaniti.

 

Erano giornate vissute danzate

in incanti di luce

dentro stanze fulgenti

di palpitanti emozioni

di cui la mia anima era impregnata

dai tuoi fervidi sentimenti e gioiva.

 

Mi regalavi le stelle

di un cielo diamantato

blu e argento.

 

Ora solo strali di vento

m’abbattono

bloccandomi il respiro.

 

Vorrei  riprovare quei sospiri

che donandomi fremiti infiniti

mi regalavano

le dolci sfumature dell’aurora,

in cui tutto è puro, tutto è poesia

mentre i suoi colori iconografici

danno l’avvio

al nuovo sorgere della vita.

 

Grazia Denaro

*

La melodia della tua voce

S’è disfatta la luce

in un baleno

le gocce cadono

a dilavare ogni cosa.

 

Le nuvole incombono

nere e gravide d’acqua

sulla volta grigia del cielo

mentre si respira l’odore acre

della terra bagnata.

 

Anche le foglie sul viale

sono mollicce e scivolose

 

La tristezza mi abbraccia

a tutto tondo

e inquietudine mi alimenta

il fruscio delle fronde

schiaffeggiate dal forte vento

alimentandomi ombrosi pensieri.

 

Sarà la circostanza del tempo

che mi ha messo malinconia?

 

Vorrei tanto averti accanto

per risentire la melodia

della tua voce.

 

Grazia Denaro

*

Truci ferite

Una lacrima ancora,

il momento degli addii

scevri di complicati discorsi

approcciati con parole gentili

conducono alla triste realtà

che è finita.

 

Ora il vasto silenzio stride,

la luce è alta nel cielo

ma io la sento irreale.

 

Il groppo in gola blocca le lacrime

che pungono gli occhi,

sono attonita, stanca

percepisco il nulla che avanza.

 

Nella permanenza delle cose

m’accoglie una spira perversa,

di consunzione d’anima

che m’avvia sulla soglia

di una stagione

di stasi crepuscolare

di danze smarrite,

di foglie appuntite

atte a lasciare truci ferite

 

Grazia Denaro

*

Quel tempo ormai svanito

Ho adorato il tuo volto
e tutto ciò che mi parlava di te,
ho amato i tuoi silenzi penetranti,
sentendoli pregnante al mio io.

Ero nuda e indifesa
quando le tue mani guidavano
la bacchetta del rabdomante
facendomi sentire pregna
di ardita linfa.

 

Ero gioiosa
e colma d’amore accanto a te
come l’estate quando esplode
in tutto il suo rigoglio.
Tenerezza per me era il tuo sorriso,
corona di perle, lusinga e soffio
per gli occhi e il cuore.

 

Oggi mi accompagnano
gelide giornate
intrise da grigi crepuscoli,
per la tua assenza:

rimangono solo i ricordi
a rimarcare
il rimpianto e la nostalgia
di quel tempo ormai svanito.

 

Grazia Denaro

*

Ali di carta

E’ prova ardua
il tuo volerti involare
verso alti e limpidi cieli
ambendo
a quella libertà dell’anima
che da tempo aneli.

Troppo deboli sono
le tue ali di carta
perché possano innalzarti
verso la volta celeste.

Ti dibatti sovente
in un buio arcano che t’affligge
bloccandoti i passi dei giorni
precipitati nel trambusto
insulso ed enigmatico
dell’esistenza.

Ad ogni respiro speri
di riuscire a ribaltare
quel masso poggiato sul cuore
che ti angoscia e ti opprime
ledendoti il fiato
come per dire addio al mondo.

 

Grazia Denaro

*

Come le nuvole di questo cielo autunnale

In quest’autunno
pregno di lacrime ed ombre
l’aria frizzante del mattino
mi fa pensare all’inverno
e con la mente corro a te,
 
a quando ti attendevo
in fondo alla strada
sotto la pioggia,
tale era il desiderio
di abbracciarti subito
che non riuscivo
malgrado il freddo
ad aspettarti dentro casa.

 

Ricordo sempre
il tuo viso sorridente,
il tuo odore,
il tuo ardore nell’abbracciarmi
ed un’amara tristezza
mi percuote
ripensando al vuoto e al silenzio
di giorni perduti lasciati dietro te
che sfilano verso me sciatti
e slavati come le nuvole
di questo cielo autunnale.

 

Grazia Denaro

*

Il nostro domani

Incantati occhi

accendono i nostri visi

a carezzare l’anima

in sillabe di luce

donate dalla giovinezza

dei nostri sguardi

e da quel soave tintinnio

che si rigenera attraverso la linfa

che irrora il seme e l’arbusto.

 

Sarà il nostro verbo nell’incontrarsi

nel transito di questo tempo

che rigenererà la vita

accompagnato dal vento

messaggero del teorema ridente

del nostro connubio all’infinito.

 

E' nell’esplicare le voci in assonanza

che legheremo la nostra esistenza

ritrovandoci trasportati nella magia

delle ore che ci attenderanno

girando nell’orbita dei cuori

e nella gioia che già in noi respira

verso quel punto fermo

del nostro domani.

 

Grazia Denaro

*

Nel battito della luce

Poter ritrovare quei momenti

quando con i nostri occhi ingenui

guardavamo il cielo e poi correvamo

incontro alle onde del mare

che ci rigeneravano.

 

Mai ci staccavamo

dal nostro simbiotico cammino

alla ricerca di pietre brillanti

da fare collane per noi.

 

Vedrai amore,

presto  ritroveremo quel tempo ameno

colmo di speranza e sprizzante gioia

come scintille.

 

Ritroveremo quella via

che risveglia l’erba

e cede il merito alle cose che hanno valore:

 

già proliferano semi addensando il frutto

e ciò che aspettiamo con ansia

alla fine ci riporterà a gioire e sorridere

intrecciando parole nel battito della luce.

 

Grazia Denaro

*

Il viaggio

Sbalzati

dalla danza dei fiumi

e dei mari,

persi nella scia

di questo bellissimo viaggio,

ora ascolto la solitudine

delle querce

e la musica del vento

che suona tra le fronde centenarie.

 

Mi avvolge la quiete agreste

emanandomi il suo profumo

di terra smossa

accendendomi emozione al petto.

 

Ascolto ancora i sogni

di questo viaggio

che mi porta verso la Via Sacra

che fu Del Dio Pan.

 

Ora i nostri occhi

ammirano il golfo di Corinto,

amore, acqua, montagne e salite

per ammirarlo dall’alto

affacciati alla terrazza delfica

a godere della sua bellezza

contornata dai limoni

e dal mareggiare degli ulivi.

 

Grazia Denaro

*

Il vento della libertà

Sono molte le cose a dipingere

la pena sull’anima mia

ed alzare pareti per contenere

la malinconia.

 

Acuta è la nostalgia

del verde poco lontano,

ma quando si è piegati

alla furia dei venti

e non avendo un braccio amico

che ti sostenga

è difficile uscire dalla prigione

in cui ti trovi confinata.

 

Vorrei essere una rondine

che attraversa paesi e città

con la sicurezza e la forza

del suo ampio volo

di sane ali che seguono

il vento della libertà.

 

Grazia Denaro

*

L’aria è rimasta disadorna

Colori di sole, giornate lucenti

rivoltate repentemente

in nere di pioggia.

 

E’ stato un tornado quello di ieri

che ha scaricato

dalle cateratte del cielo

tantissima pioggia e vento

sradicando alberi

e buttando per aria

tutto ciò che incontrava.

 

Un fiume in piena erano le strade

e quando tutto è passato

l’aria è rimasta disadorna:

cancellato l’ardore dei giorni di fiamma

divenuti nudi

sulla tavola del mondo

all’improvviso inospitale

ché un Dio capriccioso

ha gettato sassi sospesi sulle argille

degli altipiani creando caos.

 

Così agosto ci saluta,

introducendoci anzitempo

nella stagione autunnale.

 

Grazia Denaro

*

Sera stellata

Sera stellata,

nel soffuso tepore

dei nostri rintocchi,

ti prendo le mani

nella beatitudine sospesa

del rapimento della luce astrale

che irradia il cielo

nelle spigolature di luci ed ombre soffuse

su noi due attratti da grandi emozioni

a rapire i sensi azzerando il fiato.

 

Desiderio d’appagamento d’amore prende,

d’abbracci, di baci appassionati:

terremoto del sangue

che fluidifica e pulsa nelle vene

fino a far impazzire le fibre del cuore.

 

Incendio festoso

tra afflati e parole sussurrate.

 

un sogno questo essere qui,

e questo tremare dentro…

sensazioni

che penetrano in ogni nostro filamento

facendolo vibrare.

 

Grazia Denaro

*

Tramonto

Un più aranciato tramonto
di un’estate che scoda
oltre se stessa,
precipitando tra i cespugli
oltre la duna.

 

Gli alberi frivoli di ali
imbastiscono storie
in un quid di bellezza
e storie musicali.

 

La luce un sogno irreale
dove ogni cosa batte un colpo
in mezzo al cuore scoperchiandoci.

 

Più avanti
un cimitero di conchiglie
e la laguna
vischiosa d’alghe e mucillagine
contornata
dal brivido del sole.

 

Grazia Denaro

*

Quel ricordo ormai lontano

Sei rimasto adagiato
in quel vento
perspicace e leggero
che m’incantò con la leggiadria
delle sue sinuose carezze.

 

Per molto tempo mi pervase
il suo sussurrante bisbigliare
pregnante linfa di vita,
palpitante di sole
a disegnare arabeschi
sul mio cuore.

 

Abbiamo attraversato
pascoli azzurri,
vissuto momenti esaltanti
pregni di occhi e di mani
a cercarsi in simbiosi,

ma ciò è durato
il tempo di un’esigua primavera.

 

Dopo l’avvenuto mutamento
nella gaiezza del sentimento
accasciatosi nel silenzio delle ombre
oscurando la poesia dell’anima,
qualche volta,
solo un’eco mi raggiunge
di quel dolce ricordo ormai lontano.

 

Grazia Denaro

*

Le cose future

Attirami alle tue stanze

sarò musica soave

diverrò per te nuova sinfonia

nella morbidezza dei tuoi baci

in un risuono alto di passione,

nell’ondata sinuosa

che ogni istante intreccia accordi

involandoli per l’aria

nell’armonia segreta e delicata

che abbraccia pelle e carne

in uno spasmo di fiamme prigioniere.

 

Le tue mani aperte in conchiglie e zolle

s’imbevono di quella linfa -

splendida essenza gioiosa e folle

a nutrire voluttà

placando ansante arsura

che con esultante anima

colma d’azzurro

dona nitore alle cose future.

 

Grazia Denaro

*

Il respiro della vita

 

 

 

 

 

 

Mi vieni addosso
come la neve
e mi ricopri
che neanche
me sono accorta,
assonnata com’ero.

 

Ormai mi giunge
solo la tua voce
che mi gingilla
di parole al miele.

 

Mentre l’aitante
tuo corpo
che colando
mi ha sommersa
con la sua baldanza...

 

 io non alito
altro che dentro te
se non il respiro
della vita.

 

Grazia Denaro

*

Dei giorni a venire

 Una goccia è una goccia
che fugge dal cielo
e non lascia traccia rotolando via
muore da sola ed il vento la scaccia.
 
Così sarebbe la mia vita
se fosse vissuta solo per me
senza finestre spalancate
sulla tua…
se fossi senza
di te…
 
e invece la nostra vita
è pioggia dal dolce mormorio
che scivola a dilavare
e danzando rigenera l’esistenza
dei nostri giorni a venire.
 
Grazia Denaro

*

Il respiro tuo

Aspetterò una tua parola

un tuo segno

per capire se sei cambiato

in meglio.

 

Se si aprisse quella volta

cui tanto anelo,

cesserebbe il tormento

che aggroviglia e rode l’interiorità

indurendo lo sguardo come fosse acciaio.

 

Momenti stigmatizzati stiamo vivendo

che azzerano quella tenerezza

di cui da tanto tempo

non indossiamo più le vesti.

 

 Il nostro sole riflette luce obliqua

che diviene travaglio, astio posato sugl’intarsi

e sulle discrepanze in corso.

 

Malgrado tutto ciò

 nel profondo del mio cuore

so che all’esistenza mia

è essenziale il respiro tuo.

 

Grazia Denaro

*

Senza titolo

Non posso più ascoltare

queste tue parole che accendono brace

senza che il cielo possa tentare

di recare aiuto

a questo mio infinito pianto,

colmo di tristezza

quasi da non poter più respirare.

 

Vivo il mio dramma coperta da ombre

che offuscano il mio domani.

 

Sono un’anima contrita satura di sale,

adagiata nella guazza serale

priva del polo stellato

e scevra di luce siderale.

 

Le mie forze sono allo stremo,

orfana del mio Creatore

di cui sempre confido,

priva della sua Beatitudine

ma gravida della sua vicinanza:

 

- A Lui mi rivolgo con grande speranza

perché possa dissipare

questa enorme sofferenza.

 

Grazia Denaro

*

Quel fuoco che mi ravvivò

Aurore precipitano

in tramonti disfatti

di un cielo incolore…

giorni che non torneranno più,

anime strappate al sentimento.

 

Eri tu il mio slancio

sei stato tu quel fuoco che mi ravvivò.

L’assenza brucia come ghiaccio

e il tuo ricordo è insito in me.

 

L’ieri fu magnifico…

[prima che tutto si dileguasse].

 

Grande tormento la tua mancanza

infiltrata negli interstizi del mio petto

avulso dal sentimento appagante e sincero

che ci legava

tumulato in un sepolcro profondo

ché ormai giace in rovina

il tempio dell’amore.

 

Grazia Denaro

*

Notte

Che luna stanotte

amore mio,

inteneriti

sono gli angoli

delle strade.

 

Gl’innamorati

vanno a braccetto

attraverso i larghi

e profumati viali.

 

Ma questa notte

per me

ad ogni paracarro

è seduto il dolore.

 

Osservo il mare

abbastanza tranquillo,

anche la risacca

si muove appena.

 

Non scorgo

nessun orizzonte

di fronte a me.

 

Sdegnata notte,

dunque,

non passi mai?

 

Grazia Denaro

*

Melodia

A passi leggeri
mi raggiungi
abbracciandomi alle spalle.

 

Sento il tremore di una foglia
quando il primo vento
della primavera
l’accarezza dolcemente
nel tepore del sole
facendola vibrare:

 

è la tua mano che mi sfiora
nel silenzio del tempo
che scorre indefinito
e il tuo dolce parlare
fa divenire melodia
le tue parole.

 

Grazia Denaro

*

Limes

Desiderio d’evadere…

aspettare m’azzera il respiro,

la monotonia che mi contiene

non mi fa sentire viva.

 

Ogni mattino guardo ad oriente

nella speranza

che sia una giornata assolata

e colma di luce,

ma non è mai così.

 

Devo solo pazientare:

 

_questione di tempo_

 

Attendo passi la tramontana

che alimenta questo gelo

che lede il cuore.

 

Io e te non costruiamo mai,

siamo figure in controluce

atte a creare illusioni.

 

 Non potrai più negare

le tue fughe di sempre,

sarò io ad andarmene

da questa strettoia

che confina i miei giorni

in un  inverno infinito.

   

 

Grazia Denaro

*

Il tuo tempo - a Ezio bosso

Un fiume lungo

come il tuo tempo

ha scavato il tuo volto Ezio.

 

Malgrado la tua immane

sofferenza

hai donato il vessillo

alla tua preziosa arte:

 

musica incantevole

e celestiale

a colmare prezioso scrigno

di gioie e tesori da donare

a coloro che ti hanno amato

e tanto apprezzato

e, che ora rimpiangeranno

il tuo aulico gesto

ch’elevava

il tuo prezioso scettro

atto a dirigere

l’amata orchestra.

 

Grazia Denaro

*

Affiancati passi

Affiancati i nostri passi
seguono un ritmo coordinato
e in sintonia.
 
Sento la mia fragilità nell’ascoltare
la tua assennatezza nel dissertare
su ciò che da ora sarà il nostro futuro
e dei giorni che si apriranno
a questi viali tanto belli e sconosciuti
in cui un vento nuovo ci accompagnerà
in un cammino condiviso.
 
Tutto è più vasto e più umbratile
in questo giorno di foschia,
ma i timbri e i suoni che aleggiano nell’aria
mi giungono come gradevoli armonie
di una danza.
 
Sento che amerò di cuore
questa città tutta da scoprire
che mi attrae per i suoi suoni ovattati
ed i colori grigi un po’ spenti:
 
dalla mia anima
già scaturisce un canto
rivolto al suo cielo
dall’aria densa e profonda.
 
Grazia Denaro

*

Raccogliere la rosa

Finché la luna brillerà in cielo

e il sole emanerà i suoi raggi

sarai tu il raggio di luce

che mi guiderà nell’arduo cammino

dell’esistenza.

 

Sorridente e gioiosa

t’affido il mio cuore oggi

ma anche quando sarà solitario

e malinconico

nel canto mesto del domani.

 

Sono certa

che tu saprai comprendere

quando raccogliere la rosa

prigioniera tra le spine

senza sciuparne i petali

non disperderne la linfa

né rompere lo stelo

avendo cura di preservarla

dal gioco del vento e dalle nuvole

quando minacceranno pioggia.

 

Grazia Denaro

*

Fiammelle d’infiniti desideri

Cosa rimane di noi
se i nostri giorni divergono
e i nostri venti si disciolgono
sparpagliandosi
disperdendo
le sementi che abbiamo curato
e non ci sono nuove fioriture?
 
Cosa rimane di noi
se abbiamo chiuso nel bunker
ogni emozione
e se il mio petto giorno dopo giorno
non incamera più
quelle fiammelle accese
atte a far vibrare di passione il mio fiato?
 
Apro lo scrigno della memoria
per ricordare i momenti di grande felicità
che m’incitano a non mollare mai
spronandomi
a percorrere quei passi miracolosi del cuore
che accorda melodie di magici riflessi
ad imbrigliare la luce di cristallo
che eleva al cielo quel fulgore illuminante
riaccendendo pensieri arditi:
- fiammelle d’infiniti desideri -
 
Grazia Denaro

*

Sempre insulso scorre

Questa sera

si diradano le nuvole

mentre la notte mostra

tutta la strategia del cielo

svelata dal dolce vento

che decanta e sciorina aria.

 

Rivive il firmamento

in luminose costellazioni

come quando i nostri passi

donavano luce

e movimento alle stanze

e in armoniose risa

allegria a tutta la casa.

 

Guardo il cielo e le sue luci

e giù nella valle

gli uomini così lontani da me –

essere imbozzolato nel dolore

che si ripercuote nel suono

d’ogni giorno

che sempre insulso scorre.

 

Grazia Denaro

*

L’albero

Nella nostra valle

ho fissato sull’albero

le nostre notti più belle

raggiate

dallo splendore lunare

e dal chiarore

delle tremule stelle.

 

Ora ristagnano le ombre

su quel cielo lucente

che incombe

sopra il prato bruciato.

 

Cancellato il rigoglio

della natura

e i suoi magnifici colori,

rifugio ameno

dei nostri respiri.

 

Ormai tutto ristagna

dentro un cerchio

di cose  vetuste e dimenticate –

ma, a volte l’orecchio

origlia ancora nel vento

sagome di volti

e di voci ormai lontani.

 

Grazia Denaro

*

Un tempo che non varia

Non so dove appigliarmi,
sarà forse l’indole cupa del tempo
o la scura incrinatura del cielo
che mi sovrasta
rendendomi malinconica
ed apprensiva
nel vedermi davanti
un muro invalicabile...

 

ed io arresa davanti al peso
della tua mancanza
che mi aspetta
vestendomi i giorni di pena,
velati da spenta luce
che non conduce
ad orizzonti di aurore,

inviandomi invece ad inverni
avari di colore.

 

Sento il tempo pesarmi fortemente
sulla fronte e sulle spalle:

farfalla abbandonata
in una stasi solitaria
di un tempo che non varia.

 

Grazia Denaro

*

Vergini aurore

Il mio animo

in questo tempo anemico

è come ascoltasse la voce del bardo

che gli prospetta presente

e futuro di costrizione:

stagioni adagiate

in una guazza melmosa

dominate da una notte perenne

di luce caduta in un pozzo profondo

in cui le ombre ristagnano a lungo

entro la cerchia di cose passate

che silenziose non sagomano voci

di verità occultate

o ancora inerenti all’oggi lacrimoso.

 

L’uomo è quello di sempre,

tutto crea, tutto distrugge:

infingardamente morale.

 

Risorgerà la terra

d’erba rorida, di gemme e boccioli

e di primavera svelata

nella tenebra adagiata?

 

Risorgeranno albe rosate

di candidi gigli e vergini aurore

donanti pace interiore?

 

Grazia Denaro

*

Quei giorni azzurri

Erano sogni di fanciulla
scaturiti in argentee sere
quando in giardino immobile
osservavo la luna
e a lei
i miei più insiti pensieri confidavo.

 

Erano speranze ramificate da tempo:

 

Quando t’incontravo
un raggio di sole
mi s’accendeva nello sguardo
illuminandomi interiormente
mentre il cuore mi danzava in petto
dalla gioia di rivederti, di parlarti
guardandoti dolcemente negli occhi.

 

Allora erano giorni di cicale,
d’azzurro cielo, di campi in festa
in cui il grano ondeggiando
rifulgeva il suo oro.

 

Ho ancora dentro me

quei giorni azzurri
e il tuo sguardo

che mi segue sempre.

 

Grazia Denaro

*

Un tempo migliore

 Dopo questo vissuto

incuneati nei confini del dolore,

abbracciati da un’ansia senza luce,

spero che quando tutto sarà finito

potremo vivere un tempo migliore.

 

Abbandonando la mestizia

c’incammineremo

adornati da spighe ed atomi felici

per sentieri che sfoceranno

in una valle di letizia

in cui la volta del cielo

sosterrà tutto l’azzurro

a dissolvere quelle tenebre

che ci hanno imbrigliato

tenendoci prigionieri

in questa nefanda

stagione della vita,

regalandoci, finalmente,

il sole e una gioia senza inganni

che gratifichi l’esistenza

sollevandola dagli affanni.

 

Grazia Denaro

*

Risorgere

Giunchiglie in fiore
i tuoi occhi mio Signore
nel delta del tuo cuore mi rifugio.
 
Gonfia è l'anima mia
per ciò che hai subito,
per le pene che hai patito
ma l'uomo ha rimosso
il tuo grande sacrificio.
 
La vita eterna c'hai donato
a discapito
del tuo preziosissimo sangue.
 
Sento una voce interiore
che mi guida in silenti passi
convergendomi verso te
mia radice!
 
La notte è chiusa.
 
Finalmente arriva l'alba
che avvolge e bacia il mio viso
come apostolo di luce.
 
Grazia Denaro

*

Tempo surreale

Un tempo sospeso
nello spazio di giorni surreali
che aggrovigliano e rodono le menti.

 

La razionalità
ha fatto posto alla paura.

 

Improvvisamente
la nebbia cancella il cielo
azzerando il verde della primavera,
i suoi profumi e i sapori
di un tempo non lontano.

 

E queste brume
che ci avvolgono ogni dì
nell’ascoltare notizie altalenanti
non danno requie né luce.

 

Si cerca l’orizzonte amato
che scompare
nascondendosi nella precarietà
del vivere giorno dopo giorno
mentre la speranza cede alla paura
della conta di chi non c’è più.

 

Si piegano tutte le stelle
sotto il peso del pianto
nell’attonito silenzio.

 

Grazia Denaro

*

Ad un passo da te

Abbagliata dai tuoi occhi

denudo il cuore
dai suoi gravami
colta da brividi
ch’emana il tuo sguardo.

Mille emozioni
mi colgono all’istante,
incantata agile farfalla
che anela poggiarsi sul suo fiore.

Sento la cetra di Tersicore
che sussurra poesia tra le ali del vento
e l’animo ha un sussulto soave…

intrisa di sogni sono felice
ad un passo da te!

 

Grazia Denaro

*

Gusci vuoti

Fulgida luce

abbraccia il giorno

mentre un vento lieve

disperde nuvole leggere.

 

Osservo dalla finestra

strade deserte

avviluppate in un’aura silente

in cui aleggia profonda tristezza.

 

Fuori tutto appare come prima

ma è un tempo crudele

che rende ogni giorno gusci vuoti

a noi costernati ed impotenti

avendoci abituati, non senza dolore

a tenere aperto l’uscio

alla  prospettiva

che di giorno in giorno falcia vite

incappate in barriere crudeli

atte a succhiare linfa

creando vuoti d’affetti 

e di fisicità.

 

Grazia Denaro

*

Un inverno infinito

S’oscura la notte e s’incupisce.

 

Incessanti le stelle cadono

in profondi laghi scuri, in voragini

e in profondi boschi cupi

lacrimando un pianto incessante

a fronte di anime disorientate

e di corpi irrigiditi.

 

Sembra un sogno

ma è realtà

come reali sono i corpi di pietra

adagiati su mezzi

che per le strade deserte

vanno percorrendo nella notte

l’ultimo viaggio

abbandonando la città

che costernata si accomiata

mentre il vento emette il cordoglio

di un inverno infinito.

 

Grazia Denaro

*

La cruna dell’esistenza

Percuote il vento

spingendo l’onda biancheggiante

che oscilla, geme

e oppone strenua resistenza

riuscendo a stento

a non soccombere ad esso

come fa l’ingabbiato ulivo

che il tempo lungo ha invischiato

e il pino a viva forza ha pettinato.

 

Anche noi esseri ci ritroviamo

nella tenaglia quotidiana,

anime in cammino

sempre in cerca della quiete

spesso obbligati ad abbeverarci

al fiume Lete.

 

Bisognerebbe tenere in conto la vita,

non distribuire forze a pioggia

come fossimo fontane

inaridendo quella linfa vitale

atta alla riproduzione delle fioriture

nel tentativo di poter passare

come spiriti eterei

dalla cruna dell’esistenza

 

Grazia Denaro

*

Nell’alienazione del respiro

Ad illuminare i giorni
era la sua parola,
la sua gioia, il suo sorriso
di un tempo ridente e sincopato
rispecchiante il viso di un bambino
che di questo cielo rimase
felicità perduta
di giorni senza nuvole e senza vento
in cui non si muoveva
né fronda, né ramo, né fiori
e neppure l’erba del giardino.

 

Ma si sentì ad un certo punto
il fragore del pugno
di com’è difficile vivere
in un universo avverso
che si proclama scevro di speranza
smarrita nella profonda notte
a sentenziare la costellazione del dolore.

 

Furiosa tempesta,
incalzò in una lingua nuda
cedendo il passo alle perverse cose
in cui tutto si dissolse e s’annientò
nell’alienazione del respiro.

 

Grazia Denaro

*

Spero

 

All’improvviso

mi sento immersa nel silenzio

dei sopravvissuti,

sono momenti in cui il buio

appena rotto dalla crepa di luce

subito si ricompone.

 

Sento l’anima assiderata

dentro il cerchio del tempo

che mi stringe e mi blocca

non lasciandomi libertà di respiro,

di luce e di colore:

 

solo nebbia presenta l’orizzonte

e ombra perenne vige nel mio cielo

tanta da disorientarmi

 paralizzando le mie fibre vitali.

 

Qua è là noto sfalci d’erba nuova

che spuntano nel gelo

di questa stagione,

spero tanto che fioriscano

presto nuovi germogli

a far rinascere vita.

 

Grazia Denaro

*

La luce del nuovo giorno

E’ questo tempo
di eventi inquietanti
che ha alzato barriere
in tutti noi
a dipingere il tedio
nella mia anima.


Nelle pareti di questa casa
c'è tutta la malinconia
che mi alberga in petto.

 

Acuta è la nostalgia del verde
che echeggia all’orecchio
lo splendore della natura
a noi inviso di godere
in ogni sua sfumatura
e in ogni suo canto.

 

Un masso pesa sul cuore,
appesi come siamo
alle notizie di ogni giorno
che saturano il nostro io afflitto
della conta di vita e morte,

di vedere strade spettrali,
abbracci negati,
 affetti tenuti lontani.

 

Osservo che nel cielo
gli uccelli virano liberi
in ogni direzione
emanando i loro giocosi canti
e desidero che presto
per noi rifulga la luce
del nuovo giorno.

 

Grazia Denaro

*

Attendo il soave canto della primavera

Sfumati e sottotono

i colori di questo tempo surreale.

 

Anche nei giorni assolati

tutto pare astruso

in questo divenire

che scorre in un’altalena

di paure e d’incertezze

aggravate dalla libertà sospesa

per salvaguardarci

da questo invisibile nemico:

 

guerriero crudele,

ci ferisce gravemente

confinandoci all’angolo,

costringendoci a nasconderci

in angusti sottoscala,

 condannandoci

ad una solitudine coatta

e impaurita…

 

attendendo ansiosi

che arrivi il vento purificatore

a risvegliare

il soave canto della primavera.

 

Grazia Denaro

*

Nel tumulto del mio petto

E’ fiorito il mirto come se la primavera

che dovrà arrivare lo avesse carezzato

col suo caldo tepore e col suo vento lieve.

 

Anche se l’inverno non è ancora finito

in queste tiepide giornate sento profumi

che olezzano per l’aria…

 

pure il melo appare trasformato:

è trapuntato di stelle profumate.

 

Osservo la dolcezza della terra

che calpesto

nei soffici solchi vangati,

in essi sento la pienezza

di un ventre gravido di sole

che attende

di germogliare i suoi frutti.

 

Straripante è lo splendore

e la fragranza di questo giorno

i cui lampi azzurri e chiari

di questo cielo trasparente

si riversano nel mio sangue

che scorre veloce ardendo

nel tumulto del mio petto.

 

Grazia Denaro

*

Non so se ci salverà la poesia

Queste astensioni dalla vita sociale

contrastano

con l’arrivo della gioiosa primavera.

 

Una terra oscura ci attende

sovrastata

da un cielo colmo di nuvole erranti

annuncianti bollettini nefandi

che hanno oscurato un marzo

di gioiosa rinascita.

 

Non so se ci salverà la poesia

accogliendo nel suo grembo

le nostre anime afflitte

donandoci conforto e tenerezza

tese a lenire i cattivi pensieri.

 

Certamente risveglierà nostalgie

della vita spensierata di ieri,

ma nel contempo addolcirà l’attesa

del suono agognato

della campana del risveglio.

 

Grazia Denaro 

*

Rinascere a nuova vita

  E' un avvicinarsi all'argine

questa pace che sento.

 

Dopo tanto nuotare

trascinata dal vortice impetuoso

di correnti e mulinelli

atti a ghermire

in un'ansa scevra di luce

attraendomi in un assedio

esiziale di minuti, di ore, di giorni infiniti

nel risucchio di un affondo

impedito dall’impatto di una pietra.

 

Ma un tranquillo golfo

m'accoglie stamattina

nell’approdo di un’aria di clemenza

e riflessione.

 

Da una fine drastica

può scaturire il bene più sublime

risorto e ritrovato

in un culminante rinascere

a nuova vita.

 

Grazia Denaro

*

Solitudine randagia

 

Allora ti andavo
a cercare in quei deserti
senza confine né orizzonte
camminando con l’affanno.

 

Di te avevo come dono
la tua comparsa arruffata
e sporadica
pregna di nuvole e venti.

 

Non  riuscivi
a regalarmi
quei cieli azzurri
raggianti di sole
cui tanto anelavo.

 

Mi rimanevano
solo le mille domande
 che mi ponevo
sul tuo comportamento,
meditazioni pescose
elargite della mia solitudine
randagia
come il mio passo che ti inseguiva
senza mai trovarti.
 
Grazia Denaro

*

Mare d’inverno

Questo mare d’inverno
mi riporta furore selvaggio d’allora
onde altissime spandono
odore aspro di salsedine
bruciando il volto
e facendo lacrimare gli occhi
mettendo il cuore in subbuglio
a risvegliare ricordi
d’un ieri latente .

Scendo veloce il sentiero,
capelli liberi al vento di mistral
mentre il mare urla il suo richiamo,
una mano prende il mio cuore
donando tutto il calore
che arde al momento:
risento una stretta, un caldo sorriso,
un bacio lontano
cullato dalla voce cavalcante delle onde.

Quell’arcana empatia
fu la nostra magia che ci catturò
ma come sortilegio pian piano
sbiadì tra nebbie del tempo.

Solo un mormorio rimane
in dissolvenza velata
dispersa dal vento.

 

Grazia Denaro

*

Raccolgo solo polvere grigia

Da tempo c'incontriamo
tra mura clandestine,
e nebbie fitte.

 

I nostri passi risuonano lontani
privi di orme,
i nostri giorni sono ormai scatole vuote
colme di silenzi saturi di penombre chiuse.

 

A volte mi prende la voglia
d'essere foglia danzante
e leggera nell'aria
come un tempo che sapeva di gioia,
ma è solo il pensiero d'un momento.

 

Oggi la tristezza dissolve
il mio tempo che srotola lento
tra malinconici pensieri.

 

Raccolgo solo polvere grigia
che giorno per giorno si posa sul cuore
colmandolo di pena.

 

Grazia Denaro

*

Nuovi orizzonti

Fu il vento caldo

di quella natura incontaminata

a trascinarmi

col suo ammaliante canto

dentro un groviglio d’emozioni:

- un languore -

che mi cinse d’assedio

e m’avviò verso quel sorriso,

verso quello sguardo…

 

fu come bagnarsi

nel blu di nuovi orizzonti.

 

Fu un destino

di travolgente passione

a condurmi

nel biancore e nella luce

dell’aurora

dirigendomi in nuovo mattino

adagiato nel profumo e nel tremore

di un’aura rovente.

 

Grazia Denaro

*

Irto cammino

Fruscio di foglie

sotto i miei passi.

 

Dopo la felicità

che fa tremare i polsi

il contesto mutato di vita

scava profondi solchi

che hanno esiliato

la gioia d’eterna primavera.

 

 Il cerchio dei pensieri

avanza imperterrito

e senza indugio

verso un vuoto arido

a cui dare nome vita.

 

Il fuoco più non arde

a riscaldare il cuore

che m'effonde

 un gelo d’aria

tale da trasfigurare.

 

Buia è la notte,

fitto il bosco dell’anima

che si snoda tra i labirinti

 cupi degli alberi

verso cui m’avvia

l’irto cammino.

 

Grazia Denaro

*

La melodia della tua voce

 

S’è disfatta la luce

in un baleno,

le gocce cadono

a dilavare ogni cosa.

 

Le nuvole incombono

nere e gravide d’acqua

sulla volta grigia del cielo

mentre io respiro l’odore buono

della terra bagnata.

 

Anche le foglie morte,

marcite sul viale

sono zuppe e scivolose.

 

Tristezza e inquietudine

mi abbracciano a tutto tondo

per il forte fruscio delle fronde

schiaffeggiate dal vento

alimentandomi ombrosi pensieri.

 

Sarà la circostanza

del tempo piovoso

che mi ha messo malinconia?

 

Vorrei tanto averti accanto

per risentire la melodia

della tua voce…

 

Grazia Denaro

*

Le lune del tuo petto

Di luna questa sera

è questo biancore

che in battito d’ali

mi carezza il petto.

 

Saranno le tue parole

che risuonano

nelle valli della mente

a rischiarare la mia aura

o sarà il tuo sorriso

a farmi gioire il petto

mentre il mio pensiero corre

dove cadono

i nostri corpi estenuati

ed il sangue sussurra di te:

- essenza infinita -

 

Saranno le lune del tuo petto

a rinfrancarmi sempre

dove ci sarà sfinimento

e a rinnovarmi il soffio

col tuo arabesco fatato.

 

Grazia Denaro

*

Il tuo amore

Non finirò mai di scrivere di te

non finirò di cantare

alla mia anima

quello che c’è  stato in te

di estatico:

 

la tua bellezza,

la tua dolcezza levigata

e chiara senza spine,

scevra di nuvole e di vento.

 

Hai vissuto nel cerchio

del tuo tempo

tenendoci riuniti e avvinti

dal tuo affetto lungimirante

accendendo uragani d’emozioni

scaturiti dal tuo giardino fatato.

 

Sei stata come il mare

che con le sue onde di perenne madre

carezza ripetutamente la battigia

assecondando

i nostri desideri più ambiti

in questo celeste pianeta:

 

il tuo amore - il nostro respirare…

 

Grazia Denaro

*

Quel tempo ormai svanito

Ho adorato il tuo volto

e tutto ciò che mi parlava di te,

ho amato i tuoi silenzi penetranti,

sentendoli pregnante al mio io.

 

Ero nuda e indifesa

quando le tue mani guidavano

la bacchetta del rabdomante

facendomi sentire pregna

di ardita linfa.

 

Ero gioiosa

e colma d’amore accanto a te

come l’estate quando esplode

in tutto il suo rigoglio.

Tenerezza per me era il tuo sorriso,

corona di perle, lusinga e soffio

per gli occhi e il cuore.

 

Oggi mi accompagnano

gelide giornate

intrise da grigi crepuscoli,

per la tua assenza.

 

Rimangono solo i ricordi

a rimarcare

il dolore e la nostalgia

di quel tempo ormai svanito.

 

Grazia Denaro

*

Alla finestra osservo il buio

Fuori è notte
e le parole ristagnano
nel gelo delle cose
in un segreto che ancora avvolge
come onda su un campo alieno
che rischia l’implosione...

 

ricerco la tua voce oltre il silenzio
ma muta mi rimbalza l’eco
oltre gli angoli della stanza.

L’inquietudine non fa ordine
nei disordinati pensieri
e non ridispone
ai sogni della notte.

 

Vorrei riaverti negli abbracci
che riflettevano la luce delle stelle:


è fame di te, del nostro passato
questa muta preghiera
che parte dalle viscere.

E’ un grido smisurato
che tu non puoi udire
e neppure i tumulti
che mi agitano il petto
puoi recepire.

 

E intanto
sono alla finestra
ed osservo il buio…

 

Grazia Denaro

*

Sono lontani i tuoi occhi

 

Sono lontani i tuoi occhi

da questi prati

che odorano di umido fieno

con l’aria lieve intorno alla campagna

aleggiante fino al blu del mare.

 

Tutt’attorno pietre e ginestre

a far da cornice alla mia solitudine

che penetra senza rumore

attraverso la pelle, assorbita dal sangue

in questo mio tempo labile, immobile

rimasto colmo di desideri

sfuggiti dalle mani

e incardinato nei pensieri

con le sue ombre e luci.

 

Grazia Denaro

*

Danza

Mi hai allontanata

dal puro suono

che mi hai condotto

negli anni

quando tutto si avvicinava

alle novelle

che fanno battere il cuore…

invitandomi

ad una danza armoniosa

e attraente.

 

Ma tutto è svanito nel silenzio

di un cielo plumbeo

d’inverno

che senza risposta

creò un vuoto

adagiato

in un deserto d’esilio:

 

il niente di un’anima avvilita

senza un perché,

divenuta fiore reciso

ferito e sanguinante

gettato

in una disarmonia di vita.

 

Grazia Denaro

 

*

Una nuvola nera

 

Stasera i lenzuoli insonni

restano duri a strattonare

l’anima scevra di serenità.

 

Anche questi giorni di sole

acuiscono la mia tristezza

e ne fanno ininterrotta

fredda compieta

dove ormai scivola la mia meta.

 

Ricordo l’antica gioia d'un abbraccio

che mi riporta in un inverso viaggio,

quando tu ramo portante del mio tronco

avvolgevi le tue carezzanti foglie in un richiamo

ad accendere i nostri sensi uniti.

 

...  allora abitai il paradiso!

 

Vorrei essere sorda a questo male

che m’attanaglia e mi fa sanguinare,

poter passare leggera sulle buche della vita

senza inciampare e dentro cadere.

 

Ma mi rendo conto

che la felicità è meno d'un istante

finché una nuvola nera

non copre l'azzurro cielo...

 

Grazia Denaro

*

Sete di canti nuovi

S’è aperto il cielo

a far fluire tutto l’azzurro

pregno di melodie lontane

invianti vivai di nostalgie

di quella gioia

che il mio cuore eccitava

per lo sguardo rilucente

dei tuoi occhi:

calore per la mia anima

ad accendere palpiti

e sete di canti nuovi

al mio petto.

 

Grazia Denaro

*

I nodi e le ombre dei miei giorni

 

Mattino di pioggia

batte sui vetri,

guardo fuori dalla finestra

e tutto è fluttuante sotto l’acqua

che il vento disperde

e schizza in ogni dove.

 

Non vedo più la strada

che tante volte

abbiamo percorso insieme

avvolti dall’incantevole

groviglio di emozioni

che emanavano le nostre anime.

 

Non c’era niente di più bello

di noi due che ci amavamo

con ogni respiro.

 

Alzo gli occhi al cielo sospirando

e ti cerco nell’apogeo grigio

di novembre gravido di pioggia

che mi risponde lacrimando

sui nodi e le ombre

dei miei giorni.

 

Grazia Denaro

*

Gelo e solitudine

 

Te ne andasti via

come vento rapace

che disciolse le nuvole

rovesciando acqua sulla terra

a dilavare la bellezza e i colori

che emanava il cielo.

 

Tutto divenne grigio e triste

come la tua ombra

che sentivo camminarmi a fianco

dandomi struggimento

di silenzio e tristezza.

 

Non arrivasti più

nelle stanche sere

a tendermi la mano e il sorriso

che i nostri occhi incrociavano

in un’armonia di vita

tenendoci allacciati

nel clangore del sentimento.

 

Rimasero

solo foglie accartocciate

di una stagione appassita

a richiamare lo squallore

del gelo e della solitudine.

 

Grazia Denaro

*

La mia notte

 

La mia notte trastulla i pensieri
che vagano ad abbracciare ricordi
esaltanti parole, suoni, odori
riportandomi a rivivere
momenti sbiaditi dal tempo.

La mia anima incamera,
complice il buio ovattato della notte
l’eco del tempo vissuto,
adagiato nelle pieghe del passato
ora ricercato con intensità
nel riviverne le sue orme
nell’intimità del mio io nostalgico.


Ricordo quei mattini assolati,
quelle ore gioiose
che declinavano lo scorrere
delle giornate a me tanto care.

 

Mentre il mondo dorme
io vivo a ritroso
e gioisco nella mia insonnia
riuscendo a soffermarmi
appieno nel mio vissuto:

anni gioiosi in là nel tempo
della mia fanciullezza e giovinezza
da cui ormai sono lontana
e che, purtroppo,
non torneranno più.

 

Grazia Denaro

*

Orienti di respiro

E’ una lotta…

non so rassegnarmi

a questo andazzo di vita

senza ideali, né sogni,

né speranze

ed a questa indifferenza

che mi circonda

in cui non si condivide

e non s’interagisce in nulla.

 

Non è il mio pane

questo dover vivere

in una clausura che disegna

un canovaccio ingannevole

e di infima fattura

in cui non c’è posto per gli afflitti,

per i più provati dalla vita,

costretti a vagare per vicoli bui

mai toccati dalla benedetta luce

consolazione e giubilo interiore

che apre ad orienti di respiro.

 

Grazia Denaro

 

*

Ogni ramo ha il suo profumo e la sua luce

Momenti di pace

nel silenzio la sera.


La soffusa luce dell’abat jour

rimembra visioni già note

tendente fili sottili a srotolare ricordi

rimasti impigliati nella memoria

a vagare solitari.

 

Ma nell’istante folgorante

della reminiscenza

tornano aggregati a rimarcare

 momenti insiti nel perimetro della vita

tracciando segni di sorrisi,

  singhiozzi silenziosi,

capriole di cuore

e tenaglie di dolore.

 

Quando tutto torna quieto,

affievolitesi le emozioni

partite dal punto più profondo

della radice del vissuto-

ho pensato

che ogni ramo ha il suo profumo

e la sua luce.

 

Grazia Denaro

 

 

*

Quel filo rilucente

 

Ascolto il gran silenzio che mi circonda

ed i miei pensieri divengono aerei

vicini al cielo:

 

oggi prediligo la solitudine

e nella leggerezza che sento

azzurri scorrono i desideri

carezzati da un vento interiore

che mi incita

per strade e sentieri inesplorati

con l’ansia di frugare

tutto ciò che attecchisce e avvicina

alle cose origliate

alla madre splendente e vivida natura

che parla con lettere celesti emozionali:

 

- trame sottili di pensieri gioiosi e puri –

in cui risplende quella fiamma necessaria

alla vita a cui ci ancoriamo.

 

Rivedo i miei capelli al vento

e quel tempo delle corse sui prati

col sole sulla pelle

raggiante nell’aria splendente.

 

 La risaia d’argento gorgogliante

mi risplende ancora negli occhi

riempiendo tutti i miei pensieri

facendomi smarrire nel voler districare

quel filo rilucente…

 

Grazia Denaro

*

Mi hai aperto la porta

 

 

Mi hai aperto la porta dell’orizzonte

con la sferza del suo mare

col suo rombo di scogliere

e la sua festa d’acque allegre e chiare.

 

Mi hai aperto la porta

del romanzo d’appendice

spalancando una prigione

conosciuta tanto bene e tanto a lungo

di cui sognavo sempre l’evasione.

 

Mi hai aperto la porta dell’amore vero

tanto grande e tanto colmo d’universo

in cui dolci fiori l’aria profumeranno

pascoli verdi scenderanno

verso acque fresche e cristalline

a irrorare il cuore di bellezza.

 

Mi hai aperto la porta di una storia

bella ed avvincente che laverà il dolore

cancellandolo indelebilmente

dagli occhi e dal mio petto

ormai scevro di tremore.

 

Grazia Denaro

*

Stasera divago

Fluire leggera

in un solco di luna che irradia la terra

e rispecchiarsi dove il fiume s’infiora

a frantumare il buio della sera

in un chiaro di luce che illumini il mare

in una magia ammantata

di bellezza e di silenzio

dove solo la risacca suona melodia.

 

Vivere e respirare

nella bellezza della natura

in una pace che a rimarcarla

lascia tracce auliche dentro noi

di morbida poesia

che porta a divagare su immagini

soavi e leggiadre in accordo d’armonia,

 

musica segreta

che percepisce un’anima

assetata di preghiera

che fughi ombre e dolore represso

e che poi tangibile si posa

arroccandosi in inespugnabile fortino

e dalle sue crepe invia strali

tali da far rabbrividire il mondo.

 

Grazia Denaro

*

Stasera ci sei tu

 

Respiro quest’aria dorata

dolce come il miele

di quest’autunno

di prezioso empireo.

 

Stasera ci sei tu

che con parole dolcissime

scateni il vortice

delle emozioni

accendendo fremiti

al ventre e ai fianchi.

 

Sei come un vento folle

che trascina le foglie

o come il cielo

quando è gonfio

e gravido di pioggia

a dover dare

impulso alla natura.

 

Grazia Denaro

*

A ritroso nel tempo

 

Fu in quell’ameno paese

nei meriggi di sole

che assaporai

quel dolce miele sciroccale

elargitomi da te con la grazia

e la foga del tuo giovane cuore

attraverso il cerchio infinito

di letto caldo delle tue braccia.

 

Mi tornano in mente

le  pregnanti parole dell’amore:

incantevoli lemmi

dei tuoi passi acerbi

che m’introdussero entro terre

che non avevo esplorato mai

ma avida di conoscerle

ché mai spegnevano

il sole ai miei giorni.

 

Ricordo che in me

sotto una chiara luce

camminava

sempre solitaria

e tranquilla la felicità.

 

Grazia Denaro

*

Col sorriso nel cuore

 

E’ a sera

che nel silenzio

riallaccio i pensieri

di tutto il giorno.

 

Spesso faccio una cernita

e scelgo ciò che mi è gradito,

non desidero che la mia notte

divenga greve.

 

Esalto i pensieri

d’amore in generale:

 

per me un sentimento

da appendere alle stelle

sagomando voci e volti a me cari.

 

E, così m’avvio al sonno

col sorriso nel cuore.

 

Grazia Denaro

*

Armonia

 

In queste mattine

di luce cristallina

mi cinge circolare

la poesia

come una primavera

appena sbocciata

ed in circoli concentrici

mi accerchia, mi serra

come fossero le tue braccia

mentre il tuo corpo

disteso sul mio

mi sussurra parole d’amore.

 

Io sono ape vogliosa

in cerca del tuo miele profumato

da suggere dal giardino

della tua pelle

ch’emana quell’armonia di colorati

ed intensi aromi

di spiagge profumate di vento

e di salsedine

e di luci sfavillanti già percorse.

 

Grazia Denaro

*

Quel tempo ormai svanito

 

Ho adorato il tuo volto

e tutto ciò che mi parlava di te,

ho amato i tuoi silenzi penetranti,

sentendoli pregnante al mio io.

 

Ero nuda e indifesa

quando le tue mani guidavano

la bacchetta del rabdomante

facendomi sentire pregna

di ardita linfa.

 

Ero gioiosa

e colma d’amore accanto a te

come l’estate quando esplode

in tutto il suo rigoglio.

Tenerezza per me era il tuo sorriso,

corona di perle, lusinga e soffio

per gli occhi e il cuore.

 

Oggi mi accompagnano

gelide giornate

intrise da grigi crepuscoli,

per la tua assenza.

 

Rimangono solo i ricordi,

rigidi guardiani

a rimarcare

il dolore e la nostalgia

di quel tempo ormai svanito.

 

Grazia Denaro

*

Sinfonia di luce


 

Alanina luce

l’essenza del tuo moto ambisco,

essa, per me,

vince il rombo più potente

dell'universo.

 

Nel gaudio del tuo giglio

di niveo lucore mi rifugio

poiché sei il vento dell’amore

che mi accarezza dolcemente

ed il mio pianto

al tuo riso si confonde.

 

Ha un canto questa luce astrale

d’illuminante giorno

paradigma del musicante tuo sguardo

che si riversa sopra gli odorosi cedri

e sui boschi di tenera ginestra

come quando

ti stendi nell’ansa del mio letto

ed io stringo il morbido tuo ventre

che aderisce al mio,

allora la tua carne si fa mia

ed io bacio la voce del tuo sguardo

e la tua bocca che alla mia si fonde

in un alito denso di pregiato aroma

che diviene profumo intenso

e delicato ad esaltare i sensi

da una sinfonia di luce che ci avvince.

 

Grazia Denaro

*

La musica di cui sei intriso

 

Hai riempito il mio tempo

in ogni angolo, in ogni anfratto.

 

Ho letto da tempi lontani il tuo futuro

che doveva convergere al mio.

 

M’hai donato un divenire barocco

in tutte le sue morbidezze ridondanti

che mi hanno estasiata

addolcendo

le mie irruente primavere.

 

Sentii la tua voce al Platty

e l’amore si accese

scacciando ogni nube.

 

Ti guardo anche ora

e sento che il tempo non è passato:

 

mi prendi la vita come allora

o solo la gola che emana respiri

che corrono verso i tuoi fiori variopinti

e la musica di cui sei intriso.

 

Grazia Denaro

*

Tu non ci sei

 

Il bosco ieri sera

era un fruscio di foglie

e rumore di passi sulla ghiaia.

 

Stamani col batticuore

ho percorso il viottolo

ho ascoltato il bosco

con i suoi tenui sussurri:

il ruscello cantava argentino

nel suo lieve scorrere,

ma tu non c'eri ad aspettarmi

sotto il nostro albero.

 

Sono tornata lentamente sui miei passi

delusa e confusa...

 

stanotte ho udito il lieve canto del vento

che accarezzava le fronde,

ho visto le lucciole

come lampade itineranti

sui rami degli alberi,

ho udito il frinire le cicale,

il calpestio in giardino

il canto dei grilli

le orme dei tuoi piedi

sull'erba crocchiante,

ed il respiro delle radici

che parlavano alla mia anima.

 

Grazia Denaro

*

Animo sospeso

 

Ci sono giorni, ore

in cui tutto sembra perduto, sbiadito.

 

Ogni gesto inutile, risibile la speranza,

nessuno spiraglio di luce alberga

nel petto.

 

Solo ansia e inquietudine

imperano nella ragnatela dei silenzi

sospesi nell’ombra satura di sale.

 

E’ come quando la band impazza

con percussioni e timpani,

come si può udire

l’accordo di una viola,

il crescendo di un flauto,

l’armonia di un violino?

 

Non si riuscirà mai

a percepirne la dolcezza.

 

E' così anche

per un animo sospeso in balia di venti

che ululano talmente forte

da farlo stranire.

 

Grazia Denaro

*

Alte e invalicabili dune

 

Ho amato il tuo parlare

accattivante

quando avevi fra le mani

la mia vita.

 

Pendevo dalle tue labbra

come petalo attaccato

al suo stame a cui s’aggrappa

per suggere la linfa.

 

Ti ho adorato,

ho ceduto alla suggestione

del tuo sguardo

e al tuo sorriso accattivante.

 

Respiro il vuoto adesso…

 

mi hai pugnalata al petto

e da ogni vena sgorga sangue

a dissanguarmi.

 

Tutto ciò che prima

come acqua limpida

 risplendeva

adesso è arido deserto

in cui vago disperata

fra alte ed invalicabili dune.

 

Grazia Denaro

*

Scrigno di memorie

 

Scende la sera

e col suo buio manto

scevro di stelle

tende ad avvilupparmi

al suo squallore

esaltando la mia pena.

 

Adagiata in uno scuro letto

d’inverno

in cui il gelo penetra

in un cuore ferito

dall’onta del tradimento

che non ha portato

agli altari del sentimento

né alla comunione del pane

da spezzarsi in due

per il suo vivere ruvido e rattoppato

sprofondandomi in un averno

privo d’ogni riflesso

tenendomi prigioniera

di un tramonto

di cui è saturo il mio scrigno

di memorie.

 

Grazia Denaro

 

*

Ricordo quelle sere

 

Ricordo quelle sere

in cui poggiavo la mia testa

sul tuo petto.

 

Erano momenti magici

i miei pensieri di rondini,

di nuvole chiare e sole splendente

che mi procurava la tua vicinanza.

 

Ti guardavo negli occhi

raccontandoti i miei concetti,

i miei desideri, le mie gioie,

le mie ansie e tu ad ascoltarmi

condividendo le mie parole

donandomi la gioia celeste

dello zenit.

 

Oggi vorrei

fermare il tempo

a quell’eco di parole

in cui ogni brezza ci sussurrava

la dolcezza del sentimento

olezzante del profumo

dei fiori del giardino

mentre l’acqua del ruscello

gorgogliava

il sogno in cui specchiarci.

 

Grazia Denaro

*

Dove non pulsa più il mio nome

 

Hai imbrigliato il mio tempo

in una vena d’universo

fatta di pietra e scevra d’aria

in cui il solo dire e il solo fare

 è il tuo di despota

che mi ha creato un vuoto

sulla fronte e sulle spalle.

 

Non riesco a capire

i tuoi mutamenti concettuali,

i tuoi cambiamenti d’umore,

la tua imperiosità

che mettono in moto

la clessidra

dei dialoghi ingerenti

a spegnere il mio sole,

a gettare la mia anima

in una cella d’inquietudine,

in un sepolcro

dove non pulsa più il mio nome.

 

Grazia Denaro

*

Lo sprone della nostra vita

 

Ferma il tempo – fermalo ora:

- mai finiranno i nostri abbracci -

come quando ridendo ribalti le coltri

per approcciarti più vicino a me

aprendomi le porte del paradiso.

 

Non smettere di starmi vicino -

dimmi, sussurrami

che mai finirà quest’amore

che m’invola al cielo

accendendomi palpiti

quando la tua bocca

alla mia si fonde

e nella pace dell’anima

mi dona quell’emozione

che mi gioisce dentro.

 

Noi siamo rami intrecciati,

siepi marzoline profumate

che rifulgono nell’oro

dell’aria azzurra del cielo:

- enorme luce -

 che è lo sprone della nostra vita.

 

Grazia Denaro

*

Immenso vuoto

 

Poter rivivere quel tempo

in cui con sguardo sereno

osservavo il cielo

assimilandone l’azzurro

che attraverso

il suo gioioso alito di vento

pareva regalarmi il paradiso.

 

Quelli erano giorni colmi d’amore

vissuti tra il mare, la laguna

e le fronde dei boschi

a donarci intimità e riparo

nel sognare il nostro futuro

protetti dalla foschia ambrata

dei pomeriggi splendenti

ed accaldati

ma colmi di ardente poesia.

 

Ma in alcune poesie, purtroppo

il tempo diverge il lieto fine:

 

- nel tessere la tela dei nostri desideri -

nel tempo - si formarono grandi buchi

divenute voragini

ad ingigantire le distanze fra di noi.

 

Grazia Denaro

 

*

Ora che sono tornata

 

Ora che sono tornata

sono vuote le strade

non c’è più quel vociare

quel via vai di gente

che le rendeva allegre.

 

Cerco tra i miei affetti,

anche i più lontani

ma nessuno risponde

al mio richiamo.

 

Il sole sembra malato

malgrado si sia in piena estate,

solo il vento sembra voler interloquire

ma l’aura che aleggia d’attorno

tende a rompere ogni approccio.

 

So che la consuetudine

non è dei tempi spezzati,

si formano mancanze e vuoti

impossibili da colmare.

Non si può rincorrere

ciò che non c’è più,

meglio custodirlo

al fondo dell’anima

come prezioso segreto.

 

Grazia Denaro

*

Sogno inebriante

 

Felpati i tuoi passi
come passi di bolero
piccoli soffi di desiderio
arenati in momenti d'ascolto
del mio cammino che converge al tuo
e all'incrocio dei nostri corpi
saturi d'amore.

 

Del tuo amore
m'avvolge il profumo
pregno di rugiada d'essenze
che arriva all'anima
inebriandola di dolcezza
in questo nostro tempo meraviglioso,
  agognato, sconfinato
che c'abbraccia dolcemente.

 

Amo il profumo dell'erba verde
appena tagliata,
i fiori di campo dai tenui colori
  dolcissimi come il nostro amore.

I nostri abbracci, i nostri baci
beatitudine del cielo
ci danno momenti magici, unici
ed irripetibili

come sogno inebriante.

 

Grazia Denaro

 

*

Attese epifanie

 

Vorrei che fosse amore

questa emozione

che mi risveglia la tua vicinanza.

 

Sei luce

che si eleva fin dal mattino

ad illuminare la mia anima.

 

Sei quell’orma calda da seguire

che mi porta

nel mondo ancora sconosciuto

conducendomi con mano leggera

per dritte ed assolate vie

sboccanti in sentieri colmi di pace

tra solchi seminati e fluorescenti

nell’aria solerte di primavera

carezzata dal mormorio del vento

a portare il buon odore di sambuco.

 

Sento una melodia che accende il petto

aprente strada alla dolcezza

soffiante brezza beneaugurante

ad inviarmi attese epifanie.

 

Grazia Denaro

*

Quel ricordo ormai lontano

 

Sei rimasto adagiato

in quel vento

perspicace e leggero

che m’incantò con la leggiadria

delle sue sinuose carezze.

 

Per molto tempo mi pervase

il suo sussurrante bisbigliare

pregnante linfa di vita,

palpitante di sole

a disegnare arabeschi

sul mio cuore.

 

Abbiamo attraversato

pascoli azzurri,

vissuto momenti esaltanti

pregni di occhi e di mani

a cercarsi in simbiosi

nella gaiezza del sentimento

ma ciò è durato

il tempo di un’esigua primavera.

 

Dopo l’avvenuto mutamento

accasciatosi nel silenzio delle ombre

oscurando la poesia dell’anima,

qualche volta,

 solo un’eco mi raggiunge

 di quel ricordo ormai lontano.

 

Grazia Denaro

*

Ore inebetite

 

Ho di fronte muri ingrigiti

a chiudermi la visuale

e solo nere litanie

di liquido buio da contrastare

a farmi compagnia

tendenti ad aprire

un vuoto d’inedia

alla mia anima

abbandonata alla deriva

di una vita d’incompiutezza

che scorre giorno per giorno

in uno sciamare scalzo

di ore inebetite.

 

Grazia Denaro

*

Tu non ci sei

 

Il bosco ieri sera

era un fruscio di foglie

e rumore di passi sulla ghiaia.

 

Stamani col batticuore

ho percorso il viottolo

ho ascoltato il bosco

con i suoi tenui sussurri:

il ruscello cantava argentino

nel suo lieve scorrere,

ma tu non c'eri ad aspettarmi

sotto il nostro albero.

 

Sono tornata lentamente sui miei passi

delusa e confusa...

 

stanotte ho udito il lieve canto del vento

che accarezzava le fronde,

ho visto le lucciole

come lampade itineranti

sui rami degli alberi,

ho udito il frinire le cicale,

il calpestio in giardino

il canto dei grilli

le orme dei tuoi piedi

sull'erba crocchiante,

ed il respiro delle radici

che parlavano alla mia anima.

 

Grazia Denaro

*

Quel soffio che si chiama vita

 

Ogni mattina:

tu luce, tu parole

emanate

con voce da zefiro brioso

che agita i germogli

 in un profumo prelibato.

 

Arriva al mio pensiero

il tuo messaggio aereo

come una luce

che nasce nel candore

primordiale

ora che da lontano

misuro la distanza

della tua voce

e della tua parola

che tanto ambisce udire

la mia anima sempre fluttuante

al seguito della tua orbita

 da cui respira quel soffio

che si chiama vita.

 

Grazia Denaro

*

Linfa benefica

 

Esiste un orizzonte

che non è dato vedere

è racchiuso dentro noi

che si va a visitare

attraverso viaggi fantastici

dove tutto è bello e luminoso

e dove si può restare, si può partire

per poi ritornare

e sostare a lungo col pensiero

accompagnati dal tintinnio dell’emozione

in cui aprirsi ai lunghi respiri della vita,

ai desideri soddisfatti,

 alle aspirazioni colmate,

magari i più strampalati

perché non esiste limite né perimetro

dove si possa spaziare nella dolcezza

intrisa in quelle stille d’ambrosia e miele

di cui è colma la fantasia,

carezza per la mente

e rifugio per il cuore

che si pasce

nello scorrere festoso del sangue

irrorante linfa benefica ai nostri giorni.

 

Grazia Denaro

*

Dalle terrazze del cielo

 

Dalle terrazze del cielo

una farfalla vola

nel suo bianco velo,

poi scende

e di fiore in fiore si posa

a dissetare il cuore.

 

Oggi si respira il sereno

dei mattini chiari e colmi di luce

quando l’azzurro splende

come diamante blu

conducendo all’apertura siderale.

 

Gli slanci degli uccelli

spiccano voli pindarici

  stagliandosi gioiosi verso l’apogeo

accompagnati

dalla melodia dei cinguettii.

 

Il vento accarezza e sussurra

conducendo per contrade misteriose

 intersecanti le vie dell’anima gioiosa,

si poggia sulle piante lussureggianti

preparandole così

al rigoglio dell’estate.

 

Grazia Denaro

*

Ho le iridi infiorate

 

Oggi la valle

è una distesa verde

ed io dalla panchina all’ombra

osservo svolazzi e trilli di uccelli

che rallegrano il cielo

mentre il vento mi riporta effluvi

di piante in movimento.

 

Ho le iridi infiorate

dallo splendore emanante dalla natura

esaltata dai raggi fulgenti

che regnano incontrastati

sotto la volta blu cobalto

a regalare oro al paesaggio

nella divina luce del ridente giorno

deliziato dal suono

gorgogliante del torrente

che dona un canto di serenata

a questo meraviglioso contesto

dispiegato in tutta la sua aulica poesia

di cui interiormente mi sento parte…

 

… ed il pensiero ritorna

al tempo delle trecce, delle risa,

delle gioiose grida

quando le corse non le fermavano

neppure le sbucciature alle ginocchia.

 

Grazia Denaro

*

Dismessa guerra

 

Su questo poggio di gennaio

vorrei riprendere fiato

eliminare scheggia dopo scheggia

a quei passi portati a ferire

e piaghe purulente poter lenire.

 

E dopo ripartire

 per un sentiero condiviso

in cui due anime

camminino col sorriso

 azzerando

quel vivaio amaro, amaro

e ripiantarne un altro

come fosse prima 

e novella fioritura.

 

E tu a fianco

a carezzare mano e fronte

in un fruscio di dolci parole

a cancellare affanno al petto

per questa ormai dismessa guerra.

 

Grazia Denaro

*

Come fiore nel vento

 

Nel buio silenzioso della notte

a volte il cuore

accende chiarori rifulgenti

in ghirigori

che illuminano e scaldano

da quel freddo esteriore

che pare voglia ghermire

riportando a fronte

pensieri molesti

che puntellano il petto.

 

Guardo tra le pieghe

della coperta

e mi viene in aiuto

il tepore della sua pelle,

il suo respiro leggero

il suo viso sincero

che come fiore nel vento

mi rassicura emanandomi

il suo aroma gemmato

e penso confortata

che malgrado

questa primavera taciuta

da questo sole mancante

e da nuvole sparse

sono lontana

dal gelo dell’inverno.

 

Grazia Denaro

*

Nel buio dei crepuscoli

Si riaccendono ricordi

di voci stanche

ormai votate al silenzio

anche se sulla volta celeste

dominava il riso dell’universo

non riuscì a scuotere i cuori

impigliati nell’eco dei temporali

a soffocare il canto,

le risa, la gioia, le parole

e le purpuree emozioni

dentro al petto.

 

Poi anche il vento

smise di sibilare

alzando un muro di silenzio

a perpetrare

albe nuvolose e ghiacce

che crearono a lungo andare

un’ansia struggente

disciogliendo il sentimento

disperso

nel buio dei crepuscoli.

 

Grazia Denaro

 

 

*

I giardini di marzo

 

Nella sera d’oro di prima estate

il sole abbraccia le stelle

d’un ambrato tramonto

non scalfendo la tristezza

che mi vige dentro.

 

Sul filo dell’incertezza

corre il sentimento

sovrastato da nuvole scure

che come pietre pesano sul cuore.

 

Nei miei occhi

non si riflettono più

 giorni baciati dal sole.

 

M’aggiro smarrita in un arido deserto

dove non scorgo più l’orizzonte

mentre ogni respiro

attanaglia le ore.

 

Ormai sono lontani i giardini di marzo

vissuti sotto i raggi della luna

in cui il vento trasportava

essenze olezzanti

donando dolce languore

avviante alla gioia e all’incanto

di quel sogno ormai infranto.

 

Grazia Denaro

*

Nella stupenda primavera

 

Nella stupenda primavera

quando ogni gemma sbocciava,

nel mio cuore l'amore germogliava.

 

Nella stupenda primavera

quando ogni uccello cantava

ti confessai la mia anelante brama.

 

Quando ti fisso negli occhi

svanisce ogni pena e dolore

e quando bacio la tua bocca

mi sento del tutto risanata.

 

Quando mi chino sul tuo petto

 un'estasi m'avvolge

e quando mi dici ti amo

l’uragano s’insinua in me e mi pervade.

 

Sono gemma che trema senza radici

adagiata ad una siepe che sfoglia sospiri

a ghirlande di dolci sorrisi:

- fruscio di desideri incollati al mistero -

 

Grazia Denaro

*

La silente magia della sera

 

La silente magia della sera

adagiata in un’aura sospesa

nel momento

in cui il suo cielo cangiante

va dal rosso al cinerino

mi riflette il passaggio

della vita alla morte

e, nel mezzo quel frammento

che dalla luce del sapere,

dall’aver visto

trasporta nel mistero più assoluto

inoltrandoci in mondo

che non avrà più un domani.

 

Un mondo senza cielo, senza alberi

e senza mare.

 

Sarà forse un interminabile labirinto

cieco di splendore la dimora ultima

che ci attende?

 

O forse dall’altra parte del tramonto

dopo il buio che ci ingoierà

ad ogni porta che si chiuderà

dietro a noi nuovi inquilini

si presenteranno archetipi e splendori?

 

Grazia Denaro

*

Una sola melodia

 

Fu il rosa tenue del cielo

ad incantarci in quella mattina

d’inizio primavera,

quel frusciare di spighe

che l’alito di vento sprigionava

tra il rifulgere del sole

che unì nell’abbraccio

le nostre essenze.

 

Fu quel navigare in simbiosi

colmo di parole suadenti

tra il cielo dei nostri sguardi

con le mani nelle mani

come chicchi di frumento

posti sotto un caldo manto

che agì come rintocco

di campane a festa.

 

Nella bellezza della natura

sentimmo come

se ogni cosa per noi

fosse stata creata

apposta in quel momento

i fiori, la primavera, il firmamento:

 

gioia e fine coesi

in una sola melodia.

 

Grazia Denaro

*

I tuoi passi in quelle sere d’oro

 

Ripenso ai tuoi passi in quelle sere d’oro

quando mi aspettavi paziente lungo il vialetto

con lo sguardo sorridente e colmo di domande

e, quegli abbracci delle tue amorevoli mani

li sento ancora, madre…

 

ti rivedo nella grazia dei movimenti

girare nell’aura delle stanze affaccendata

e le voci rivivono gioiose come allora.

 

Di pace e di dolcezza era abitato il tuo cuore

che trasmettevi al mio attraverso le tue carezze

percepite ancora sulla pelle.

 

Fosti mio rifugio

ed equilibrio nel desiderio di giustizia

che m’inculcasti e nel quale trovo spazio

per sperare e mai disperare

rifugiandomi in quella musica descritta

nel tuo spartito che mi riporta te

 quando il mio sole si spegne

lasciandomi desolata e triste.

 

Quando la tua mancanza

diviene sofferenza, io irrequieta vago

per sentirti ancora in me

e  per sentirmi ancora parte di te

accarezzata seppure dalla tua ombra.

 

Grazia Denaro

*

Il raro fasto della natura

 

In questa magnifica giornata

la luce ed i profumi

si espandono su terre distese e solari.

 

Candido il giorno batte il tempo

nel suo lento trascorrere delle ore.

 

Messi ondeggiano al vento lieve

in un suono che inneggia a vessilli di quiete.

 

Il cielo di maggio echeggia dei voli

e dei canti degli uccelli

adagiati tra i rami degli alberi

che incorniciano la radura

mentre il cielo d’azzurro vestito

si rispecchia nei nostri occhi incantati.

 

Lo splendore della natura

è acqua e luce del mondo

dono di cui s’imbeve la nostra anima

irretita da questa lingua sconosciuta

ma finalmente assimilata

ché ci parla con immagini rifulgenti

atte a far risaltare il suo raro fasto

che ci avvolge e nella gioia ci contiene.

 

Grazia Denaro

*

Variare i tempi del presente

 

Assorta in segreti pensieri

questa sera ho nostalgia dei tuoi silenzi

e del tuo guardarmi sorridente

ai rimbrotti affettuosi che ti rivolgevo sovente.

 

Tu hai abitato da sempre il mio sentire

era un amarci colmo di  voci

che sgorgavano sincere dai nostri cuori.

 

Col tempo si erse fra noi un muro

e non riuscimmo più a comunicare.

 

Ho tolto la tua ultima foto,

ho dovuto cambiare le parole,

variare i tempi del presente

girandoli al passato.

Il noi non c’è più, ora governa l’io

e s’esalta l’imperfetto.

 

Incontrarti oggi, anche casualmente

è stato un grande dolore.

 

Ricordo il pontile delle nostre passeggiate,

il  fantasticare sul nostro futuro

da me tanto desiderato.

 

Ma non eri tu

 il ramo portante del mio tronco

e neppure il soggetto dei miei versi dedicati.

 

Grazia Denaro

*

Un tempo che non varia

 

Non so dove appigliarmi,

sarà forse l’indole cupa del tempo

o la scura incrinatura del cielo

che mi sovrasta

rendendomi malinconica

ed apprensiva

nel vedermi davanti

un muro invalicabile

ed io arresa davanti al nulla

della tua mancanza

che mi aspetta

vestendomi i giorni di pena

velati da quella spenta luce

che non conduce

 ad orizzonti di aurore

ma invia ad inverni avari

 di colore?

 

 Sento l’aria pesarmi fortemente

sulla fronte e sulle spalle:

 farfalla abbandonata

in una stasi solitaria

di un tempo che non varia.

 

Grazia Denaro

*

Ventagli di luce

 

Spighe rilucenti

fino allo splendore dell’oro

 baciate dal sole e carezzate dal vento

mi accolgono:

 

- purezza di chi può tornare risanato

alle antiche sorgenti –

 

ripercorrendo quelle strade smarrite

e finalmente ritrovate

respirando spire di risveglio

nell’aria nivea della luce del cielo

a riaccendere giorni di serenità e pace.

 

Ho cancellato quel mistero che fu pioggia

lontano dall’azzurro firmamento

che mi tenne rannicchiata ed impaurita

in sottoscala umidi e scuri

donando false fioriture

gelando lo sguardo

perché colmavano d’ombra

le cose future.

 

Oggi ho imparato ad apprezzare

quei ventagli di variegata luce

che ravvivano la vita

nelle loro cangianti sfumature.

 

Grazia Denaro

*

Ogni tua liquida parola

 

Due laghi alpini i tuoi occhi

limpidi e trasparenti

come puro cristallo

che trasmettono

immagini raminghe di poesia

trascinanti in un volo surreale

e suggestivo ad incontrare un angelo

che attrae l’anima

sciorinando gesti di tenerezza

orizzonti azzurri al margine del cielo

atolli di rose profumate

battuti da venti lievi

che sussurrano d’amore…

 

... ed io rapita d’emozioni

mi nutro

d’ogni tua liquida parola.

 

Grazia Denaro

*

Curvando angoli appuntiti

 

Il vento mi riporta
antichi suoni
di dolcissime carezze
e lemmi appassionati
di una vita di respiro
dal continuo e ameno variare.

 

Erano lucciole in volo, farfalle leggere
fiocchi di neve le note danzanti
del nostro cammino.

 

Ma l’esistenza è anche
passare attraverso l’ombra,
a nuvole in cielo, a momenti di stasi,
a sprazzi di luce e nuovo cammino.

 

La vita rispunta dai tronchi potati
che fanno posto ai germogli
da nuova linfa nutriti
ed irrorati.

 

A ricomporre l’armonia
di cuori straniti
servono gesti e parole congeniali
atti a risorgere l’intesa
donando appiglio
alla levità delle cose
e curvando angoli appuntiti.

 

Grazia Denaro

*

Rimani qui

 

Rimani qui

dove lo zefiro torna a carezzarci

con le lusinghe della primavera

lasciando il suo messaggio

di gioia e fiori

su cui il sole riscalda e rifulge

mettendo le ali agli occhi

 e regalando sorrisi al cuore

che corre su itinerari

di dolci capriole.

 

Qui tutto parla di noi

delle albe rosate lucenti e cristalline,

delle sere vissute

nella bellezza del nostro sentire

di anime prese l’uno dell’altra

interagendo

in quella lingua infiorata

aperta al linguaggio

degli irresistibili istinti

intinti in pennellate di sogni

atti ad innalzare l’anima

verso l'apogeo del cielo

per rimirare le costellazioni

ed il loro incanto.

 

Grazia Denaro

*

Rinascere a nuova vita

 

E' un avvicinarsi all'argine

questa pace che sento.

 

Dopo tanto nuotare

trascinata dal vortice impetuoso

di correnti e mulinelli

atti a ghermire

in un'ansa scevra di luce

attraendomi in un assedio

esiziale di minuti, di ore, di giorni infiniti

nel risucchio di un affondo

impedito dall’impatto di una pietra.

 

Ma un tranquillo golfo

m'accoglie stamattina

nell’approdo di un’aria di clemenza

e riflessione.

 

Da una fine drastica

può scaturire il bene più sublime

risorto e ritrovato

in un culminante rinascere

 a nuova vita.

 

Grazia Denaro

 

Dedicata a tutte quelle donne che sono scampate al  loro carnefice.

*

La serenità dell’esistenza

 

Quando lo sguardo s’invola al cielo

perché troppo fitta è stata la notte

e troppo buio è il bosco dell’anima

credo bisogna schiudere l’uscio

ed imboccare la via che conduce per mano

a quel sacrario d’ombra e d’oro

immerso nell’aura del manto celeste.

 

E’ saggio abbracciare quei sentieri

che si stagliano nel chiaroscuro della luce

atti a risvegliare valide riflessioni

ed intendimenti equilibrati

che regalano la pace interiore

e la serenità dell’esistenza.

 

Grazia Denaro

*

Un palpito d’azzurra emozione

 

Quest’anno manchi alla primavera

che gioiosa e solare

apre le porte alla rinascita

facendo da contraltare alla mia tristezza

contornata dalla tua mancanza che pesa.

 

Io sfiorita tra il rigoglio della natura

e il lampo della sua luce

tendente a rimarcare dolorosamente

la mia immane solitudine.

 

Un mesto sorriso affiora

al ricordo di quel giorno lieto

quando incontrai il tuo sguardo audace,

la prima volta che ti vidi.

 

Mi colpirono i tuoi occhi così belli

due laghi azzurri, trasparenti,

mi trasmisero dolci melodie senza tempo

nell’aria assolata di quel lungo viale

tra il frusciare delle betulle

ed il canto degli uccelli.

 

Fissai in te la mia dimora

in un palpito d’azzurra emozione.

 

Grazia Denaro

*

Nell’aspettativa del nulla

 

E’ pesante l’andazzo della vita

per alcuni

che stanchi e delusi

cercano di deviare il cammino

imboccando altre vie

alla ricerca di sorrisi ignoti,

di sguardi interessati alla propria persona,

di parole non dette

che il cuore gradirebbe sentire.

 

Si va in cerca di conforto e riposo

sotto la vastità di un cielo sentito avulso

che pare ripudiare il respiro vitale

alimentando ansie

e preoccupazioni nel presente

non donando agio di poter raccogliere

alcuna briciola di serenità.

 

Ogni stagione presenta solo vuoti e deserti

come percorso.

 

E’ un morire in silenzio - piano piano -

nell’indifferenza di chi è accanto,

 nell’aspettativa del nulla…

 

Grazia Denaro

*

Ombre opprimenti

 

Oggi il respiro del vento

mi riapre un cammino di parole

diretto proprio al cuore delle cose

che carezzano e pungono il mio sentire

 opponendo un muro di silenzio

ai miei quesiti.

 

No, non mi lascerò sopraffare

dal disincanto di questa distanza

che ci rende muti

ma cercherò di abbattere quel muro

che mi pesa tanto.

 

Abbraccerò con la mia anima

la luce solare del tuo sguardo

ed i nostri cuori batteranno 

nuovamente all’unisono

sincronizzati al ritmo del nostro sangue

cancellando quelle ombre opprimenti

che hanno alimentato le distanze

in un silenzio scheggiante

che ha trafitto.

 

Grazia Denaro

*

Il tuo riflesso

 

Il tuo riflesso  - palpito -

mi accompagna

anche quando non ci sei

e quando sei lontano

sento lo sfiorarmi delle tue dita.

 

Ma quando sei vicino

un giorno fulgido s’accende

dalla finestra aperta su un cielo grande

di sorrisi e canti in armonie accordate

al suono degli eventi.

 

Così procede l’impronta impressa

e calpestata dai nostri cuori schiusi

che portano agli altari membra calde

tra spighe di grano ondeggianti

accese di suoni sotto pelle

pregustando il pane quotidiano

tra i dolci frutti dell’azzurra magia

che fa dimenticare quei venti incostanti

che a volte hanno alitato

scacciati da un astro [sempre risorto]

di caldo ristoro.

 

Grazia Denaro

*

Il tuo riflesso

 

Il tuo riflesso  - palpito -

mi accompagna

anche quando non ci sei

e quando sei lontano

sento lo sfiorarmi delle tue dita.

 

Ma quando sei vicino

un giorno fulgido s’accende

dalla finestra aperta su un cielo grande

di sorrisi e canti in armonie accordate

al suono degli eventi.

 

così procede l’impronta impressa

e calpestata dai nostri cuori schiusi

che portano agli altari membra calde

tra spighe di grano ondeggianti

accese di suoni sotto pelle

pregustando il pane quotidiano

tra i dolci frutti dell’azzurra magia

che fa dimenticare quei venti incostanti

che a volte hanno alitato

scacciati da un astro [sempre risorto]

di caldo ristoro.

 

Grazia Denaro

*

E’ in te che mi ritrovo

 

Quando in me mi perdo

nel bosco degli affanni

che la notte mi dipinge più cupo…

 

tu, amore vienimi incontro,

accoglimi tra le tue braccia

e colma quell’assenza come isola di luce

che mi accoglie e mi scalda col suo tepore

avvolgendomi nei suoi profumi

ristorandomi.

 

Vorrei cancellare in quei momenti

l’irrequietezza che mi avvia ad adombrarmi

nell’andare alla ricerca delle cose inespresse

che mi precludono

di afferrare il colore di un raggio di sole

e la gioia della divina luce

rigettandomi nel buio dei miei passi incerti

quando in me cristalli d’essenza

in acuto grido perforante s’infrangono.

 

Perciò è in te che mi vinco e mi salvo,

è in te che mi ritrovo.

 

Grazia Denaro

*

Nel tumulto del mio petto

 

E’ fiorito il mirto come se la primavera

che dovrà arrivare lo avesse carezzato

col suo caldo tepore e col suo vento lieve.

 

Anche se l’inverno non è ancora finito

in queste tiepide giornate sento profumi

che olezzano per l’aria…

 

pure il melo appare trasformato:

è trapuntato di stelle profumate.

 

Osservo la dolcezza della terra

che calpesto

nei soffici solchi vangati,

in essi sento la pienezza

di un ventre gravido di sole

che attende

di germogliare i suoi frutti.

 

Straripante è lo splendore

e la fragranza di questo giorno

i cui lampi azzurri e chiari

di questo cielo trasparente

si riversano nel mio sangue

che scorre veloce ardendo 

nel tumulto del mio petto.

 

Grazia Denaro

 

*

Poliedrica creatura

 

Amo le vie colme di luce
turbinose di vento

che accarezza e ricuce la memoria

in scaglie fulgenti nel clamore dei pensieri
che mi riportano ai bagliori di ieri.

Amo i paesaggi mattutini
dorati di sole, nel fruscio delle foglie
che il sangue accendono in un fluidificare
di pensieri palpitanti emozioni.

Amo cogliere la bellezza pura
nell'incanto della natura
nel suo verde brillante
e nella magia di un tramonto
che di rosso tinge l'orizzonte.

Amo l'imbrunire

quando scendono le ombre scure
di quelle meravigliose sere azzurre
di danzanti stelle che colmano il cuore

di mille fiammelle.

Amo l'uomo da me prescelto
essere che attrae la mia fantasia
colmandola di magia

 in quell’esultanza che m'abbraccia

e mi contiene nella bellezza della vita.

 

Grazia Denaro

 

*

E’ splendente la luna stasera

 

E’ splendente la luna stasera

gli alvei sembrano occhi

tesi a spiare la terra.

 

Osservo dalla finestra

i campi che hanno cambiato aspetto

sono un timido brillio di verde

in  movimento.

 

Agli alberi sono spuntate

le nuove foglie e nel loro incavo

sono incastonate timide gemme,

il vento gioca tra i rami

facendoli frusciare in armonioso suono.

 

C’è un’aria nuova:

l’inverno apre le porte

alla primavera che s’appressa

e tutto è nel fermento

della nuova germinazione.

 

Ciò schiude il cuore alla speranza:

mi sembra di essere un fiore

sotto questo cielo d’argento

mentre il pensiero corre alla farfalla

di quel bacio sulle labbra

di cui ne sento ancora il sapore…

 

ed il petto mi s’irradia d’emozione.

 

Grazia Denaro

*

Il suo esaltante Frastuono

 

Mi gemmi nel cuore

in quel dolce sentire

che come assolo di violino

accompagna i miei giorni

quando mi rifugio nel silenzio

per poterti meglio percepire vicino.

 

E’ allora

che mi scorre in petto

quella musica soave e magica

avente la tonalità

della tua voce profonda

quando si rivolge a me

nei momenti d’abbandono

quale sovrana meraviglia

coinvolgendo

il cielo, la luna, le stelle

ed il creato tutto.

 

Ed io come viva meridiana

tra lo scorrere magnifico del tempo

a cadenzare il tocco tuo solenne

che mi coinvolge

nel suo esaltante frastuono.

 

Grazia Denaro

*

La vita non ha più colore

 

Era appena ieri

anche se nell’incoscienza

e nella lontananza t’incontravo.

 

Stamattina il viso immobile,

il cuore ha cessato il suo pulsare

e con esso il mio.

 

Ormai la vita non ha più colore.

quest’alba gira lontana,

corre verso la notte

rannicchiandosi

in un buio senza riparo…

né giunge alcun rumore:

spietato è il silenzio

che si assiepa attorno a te.

 

Una lama affonda il fendente

in mezzo al mio costato.

 

- Tutto si è fermato -

il sangue s’è pietrificato dentro mie vene,

vertigine mi coglie ledendomi il respiro

 azzerandomi la voce.

 

Grazia Denaro

*

Nel gelido giaciglio dell’inverno

 

Adesso sei esamine

e all’ombra emani il tuo flebile respiro.

 

Le mie fragili speranze alberganti nel petto

ogni giorno divengono più labili

come filo che si sfilaccia piano piano.

 

Ogni momento ti spingi sempre più

nel grigiore della distanza

 che ti conduce

lungo il corridoio dell’assenza.

 

Sei stato succoso frutto divenuto secco,

ora sei isola dai contorni indefiniti

a fluttuare nel mare della lontananza.

 

Sei sogno brumoso

ed evanescente delle notti

che imprimono

il marchio alla mia sofferenza

e all’instabilità dei dì

in cui il bisbiglio d’oro

non riflette più i suoi raggi

confinandoci

nel gelido giaciglio dell’inverno

circondati da cristalli infranti

emananti riflessi obliqui

che feriscono gli occhi e le carni

fino a farli sanguinare.

 

Grazia Denaro

*

Al cielo s’espande

 

Vivo giornate di attimi imperfetti

in questo scorcio di tempo

scevro di albe,

appeso all’attimo del momento

nell’attesa angosciante

che arrivi lo scialbo tramonto

e poi la notte nera a rapire l’anima

generando quella metamorfosi definitiva

adagiata in una mongolfiera solitaria

che eleva verso il cielo l’entità in attesa

di arrivare nella sua collocazione

lasciando sulla terra il suo ultimo giorno

e l’involucro che rimane nei ricordi

di chi gli è vicino in una pace arida, attonita

che ha bisogno di scavare miniere pregne

di quella rugiada che scaturisce

dal profondo del petto

a fluidificare respiri di pace

non riuscendo a staccare la spina

da  quello sguardo profumato

di grano maturo

che al cielo s’espande.

 

Grazia Denaro

 

*

Vento spicchi di luce e cieli tersi

 

E sento il canto del vento

in questo tempo che scorre inesorabile

sotto l’azzurro o grigio cielo

a seconda delle giornate

in cui le foglie appese sui rami inquieti

cadono in terra accartocciate.

 

Sul fiume c’è un battere di remi cadenzato,

le sue onde scorrono leggiadre

con un fruscio di seta stropicciata

nel silenzio della giornata vellutata.

 

Osservo la natura nell’aura rosa del mattino

e i ricordi scorrono lenti

sotto forma di figure a rallentatore

a risvegliare nostalgie di quei verdi e azzurri

che avvolgevano cori e risate

in armonie di mani intrecciate.

 

Mi torna all’improvviso un assillo

di sete insoddisfatta di quei momenti

tale da risvegliare un languore

che prorompe dal fondo del mio io

come un fiume che sfocia in canto

a rinarrare vecchie storie di arpeggi

che sanno di vento,

spicchi di luce e cieli tersi.

 

Grazia Denaro

*

Ombra lontana

 

Ho cercato di raggiungere

quel sogno custodito

nello scrigno del mio cuore.

 

Sei stato così vicino

esaltandomi emozioni

di albe cristalline roride di rugiada

aperte ad un cielo dipinto di rosa

che si rifletteva in noi.

 

A volte mi chiedo

se sia stata colpa

del disegno mal tracciato

che non ha dato quel dolce richiamo

o soltanto un gioco fra di noi.

 

E’ stato difficile estirpare

il mio sentire:

- gloria immaginata -

ché i palpiti ad ogni tuo sguardo

scoppiavano nel petto.

 

Oggi sei ombra lontana

immersa nella nebbia

distante

dallo scorrere del mio tempo.

 

Grazia Denaro

*

Nell’aria di cieli tersi

 

Quel silenzio che si riflette

in quelle sere offuscate dalla bruma

rabbuiando prematuramente la luce

non profonde né rugiada né canto

alla nostra anima

lontani come siamo dai gioiosi mari

lasciati nei ricordi degli anni

che s'affacciavano

sopra i raduni degli imbarcaderi.

 

Dove viviamo adesso

c'è il sibilo sel vento

che dopo il gran bisbiglio d'oro

cade sui monti singhiozzando

in una tonalità che non rincuora.

 

E quando s'incontra una fonte

che scroscia cantando argentina

risveglia i tempi lieti

di cui si sentono con nostalgia

gli echi di amate voci

volate via

nell'aria di cieli tersi.

 

Grazia Denaro

*

I tuoi sguardi silenti ed infiniti [Dedicata]

 

In quei momenti tristi

ed attoniti

in cui la vita mi bastona

lasciandomi segni pesanti

ardui da sopportare

e difficili da cancellare,

mi sciolgo

quando tu mi sei carezza 

col tuo amore

sussurrato lievemente

come il fiore

che poggia esile sullo stelo

 ma mantenendo il perfetto equilibrio

ché la corolla non reclini il capo

ed allo stesso tempo

emani quel profumo

che inebria

come dolcissima poesia:

 

- elisir di vita, soffio -

ad addolcire l’interiorità

di sensazioni fugaci, emozioni

proprio come fai tu

con i tuoi sguardi silenti ed infiniti.

 

Grazia Denaro

*

Questa lontananza

 

Quella tristezza ostinata

che mi stringe e mi confina

nello scolorire del grigio della sera,

si rasserena solo quando il sorriso

mi si schiude sulle labbra

[almeno per qualche momento]

nell’immaginare le vostre amate voci

che recepisco in lontananza

atte a lenire la mia vita abulica

e  priva di armonia

che mi getta carponi nel graffio

 del mio tempo arido e sofferto.

 

Il mio respiro brama disperatamente

una fonte gorgogliante

alla quale potersi dissetare

e ch’esalti vita facendomi rifiorire.

 

Brucia e consuma questa lontananza…

 

Grazia Denaro

*

Sono pagine di muschio i tuoi occhi

 

Il gelo di questi giorni,
questa neve
mi portano a trascorrere
momenti blandi e sottotono
come vivessi in una notte eterna
per la tua indifferenza
che mi tocca fin nel profondo
oscurando il cielo a me
  fiore reciso e buttato in un canto.

 

Mi sento come stessi assistendo
ad un’opera solenne di Requem
o a un De Profundis
con il peso di un masso
sul cuore che non si arrende
dallo schiacciarmi
specie quando incontro
il tuo sguardo
e sento ancora
che sono pagine di muschio
i tuoi occhi.

 

Grazia Denaro

*

Sono lontani i tuoi occhi

 

 

Sono lontani i tuoi occhi

da questi prati

che odorano di umido fieno

con l’aria fina intorno alla campagna

aleggiante fino al blu del mare.

 

 Tutt’attorno pietre e ginestre

a far da cornice alla mia solitudine

che penetra senza rumore

attraverso la pelle, assorbita dal sangue:

 

- veleno che corrode l’anima -

 

in questo mio tempo labile, immobile

rimasto nei desideri sfuggiti dalle mani,

e incardinati nei pensieri con le loro ombre e luci.

 

Grazia Denaro

*

Nell’alienazione del respiro

Ad illuminare i giorni

era la sua parola,

la sua gioia, il suo sorriso

di un tempo ridente e sincopato

che vedeva la faccia di un bambino

che di questo cielo rimase felicità perduta

di giorni senza nuvole e senza vento

in cui non si muoveva

neppure l’erba del giardino,

né fronda, né ramo o fiori:

 

ma si sentì ad un certo punto

il fragore del pugno      

di com’è difficile vivere

in un universo avverso

che si proclama scevro di speranza

avulsa nella profonda notte

a sentenziare la costellazione del dolore:

 

 furiosa tempesta che incalzò

in una lingua nuda

cedendo il passo alle cose

in cui tutto si dissolse e s’annientò

nell’alienazione del respiro. 

 

Grazia Denaro

    

*

Elisir di vita

 

Quando osservo nei tuoi occhi

l’umidità di certe albe

penso sia bello naufragare

oltre quelle rive splendenti

in cui il tuo mare mi avvolge

con il suo canto silenzioso

fomentandomi il petto

con la sua armonia.

 

La tua vicinanza

tripudio di dolcezza aprente porte

ad attimi passionali scevri di recinti

in cui la vita è levità, gioiosa libertà

come se la primavera con la sua aura

arrivasse all’improvviso

e con i suoi colori, le sue fragranze

insinuasse in noi essenza

di elisir di vita.

 

Grazia Denaro

*

Un deja vu ammirato all’infinito

       

La luce quando nasce

comincia ad allargar la mente e l’animo

rivestendoli di un'aura lucente

che volge al bene

donando immagini solari

che ondeggiano in riflessi chiari

ed in controluce regala tela

da ricamare in alta fantasia

in un de ja vu ammirato all'infinito.

 

Grazia Denaro

*

Intensità

 

Io li chiamo intensità

quegli sguardi empatici

quelle conversazioni

che coinvolgono

e diminuiscono

le distanze fra due esseri

ad implicare pelle e  pelle

in una corrente sotterranea

che avvicina

dove le parole divengono azzurre

e la distanza diviene dolcezza di piuma

carezzevole e inattesa

ad elevare sogni

che non trovano ostacoli di sorta

ma viaggiano armoniosamente

a disegnare immagini toccanti l’anima

con la levità di carezze leggere

allontanando l’io afflitto

dal fuoco, dal vuoto

che aleggia intorno:

un mondo senza occhi,

senza mani

colmo di silenziosi alberi scuri

che gira sotto un cielo

velato di bruma.

 

Grazia Denaro

*

Nel serico silenzio della notte

 

Oggi sento nel cuore
un vago fremito di stelle
che in un abbraccio di luce
mi rifulge ricordi lontani
in cui fiocchi di baci aveva la neve
come in una fiaba incorniciata
da un’aura chiara ad illuminare
i sentieri più reconditi
in un vibrare d’aria tersa
riflessa in quell’incanto d’azzurro
che il cielo trasmetteva.

 

E quell’acqua chiara
incontaminata dei ruscelli
scrosciava cristallina
dai torrenti di montagna.

 

In quelle sere
in cui brillava la luna nuova,
il tuo respiro ed il mio
si fondevano all’unisono
interiorizzando la magia
adagiata nel silenzio e nella musica
che incantava i nostri cuori
nel serico silenzio della notte.

 

Grazia Denaro

*

Oggi la nebbia fende l’aria

 

Oggi la nebbia fende l’aria

giro per la casa vuota:

il silenzio è un masso

che schiaccia il cuore…

 

tento di seminare il dolore

ma il ricordo di te mi prende

- aleggia per la stanza -

s’infiltra in ogni cosa.

 

Anche le finestre

elargiscono meno luce

di quando in questa casa

soggiornava la tua ombra.

 

Grazia Denaro

*

Affiancati passi


Affiancati i nostri passi

seguono un ritmo coordinato

e in sintonia.

 

Sento la mia fragilità nell’ascoltare

la tua assennatezza nel dissertare

su ciò che da ora sarà il nostro futuro

e dei giorni che si apriranno

a questi viali tanto belli e sconosciuti

in cui un vento nuovo ci accompagnerà

in un cammino condiviso.

 

Tutto è più vasto e più umbratile

in questo giorno di foschia,

ma i timbri e i suoni che aleggiano nell’aria

mi giungono come i gradevoli battiti

di una danza.

 

Sento che amerò di cuore

questa città tutta da scoprire

che mi attrae per i suoi suoni ovattati

ed i colori grigi un po’ spenti:

 

dalla mia anima

già scaturisce un canto

rivolto al suo cielo

dall’aria densa e profonda.

 

Grazia Denaro

*

Quei dì ormai fuggiti

 

Oggi fischia il vento

e m’investe come schiaffo

in pieno viso…

 

ho una gran sete di sereno

e di canti nuovi

che cancellino quell’aura funesta

stampata sul mio volto.

 

Ma lui sbuffa di violento grigio

soffiando con veemenza

anche su tutto ciò

che ormai è incenerito.

 

Vorrei tanto risvegliarmi

in un mattino che elevi un canto

ad increspare in ristagni tranquilli

che riempia di speranza

e di pensieri a planare

nel giubilo dei giorni

adagiati in stagioni d’azzurri

e nel bisbiglio d’oro

di armonica luce

di quei dì ormai fuggiti.

 

Grazia Denaro

*

Desiderio di vita

Ritornano ricordi di fioriture mute
vissute sotto un cielo crepuscolare
che mi portarono per lungo tempo
gli occhi a lacrimare.

 

Un tempo che mi tenne
esiliata all’angolo
lontana da quella gioiosità
nell’abbandonarsi alle cose desiderate:
agli azzurri brillanti di cieli sereni,
nell’essere baciata da spire di luce
e nel poter assaporare l’aroma del mare.

 

Per tanto tempo fui sostenuta
dal cerchio scarno delle mie braccia,
ansante nel respiro
e scevra di desiderate parole,
fui costretta a vivere
lambita da un’ombra tetra
e privata dalla bellezza dei colori dell’iride,
non ci furono né sole o pioggia
a cui potermi rigenerare:

 

elementi pregnanti ch’elevano lo spirito
alla leggerezza e alla bellezza
ch’esalta il cuore e accende quell’ardore
che è desiderio di vita.

 

Grazia Denaro

 

*

Quel filo rilucente

 

Ascolto il gran silenzio che mi circonda

ed i miei pensieri divengono aerei

vicini al cielo:

 

oggi prediligo la solitudine

e nella leggerezza che sento

azzurri scorrono i desideri

carezzati da un vento interiore

che mi incita

per strade e sentieri inesplorati

con l’ansia di frugare

tutto ciò che attecchisce e avvicina

alle cose origliate

alla madre splendente e vivida natura

che parla con lettere celesti emozionali:

 

- trame sottili di pensieri gioiosi e puri –

in cui risplende quella fiamma necessaria

alla vita a cui ci ancoriamo.

 

Rivedo i miei capelli al vento

e quel tempo delle corse nei prati

col sole sulla pelle

raggiante nell’aria splendente.

 

 La risaia d’argento gorgogliante

mi risplende ancora negli occhi

riempiendo tutti i miei pensieri

facendomi smarrire nel voler districare

quel filo rilucente…

 

Grazia Denaro

*

Quel lampo impazzito

 

Quel continuo cercarsi

di noi due

sotto il cielo blu cobalto

di giorni candidi ed inflessibili

in cui batteva il tempo

il metronomo sul piano

ad accordare musica emozionale.

 

I nostri sguardi a mirarsi

con le pupille accese:

- urli nei quali il cuore si scuce -.

 

E momenti interminabili di parole

nel lento trascinarsi delle ore

sentendosi planare addosso

la magia in un dischiudersi

di momenti pregni

d’essenza interiore

a condurci in una simbiosi

serena ed imprevedibile

nei passi dei giorni

lungo la scia luminosa

di quel lampo impazzito

che nasce dal cuore.

 

Grazia Denaro

*

Folgore

 

La voce è ferma

dove il canto andava:


a quei momenti

in cui gli spazi sterminati degli arenili

la loro luce nitida e rifulgente

emanavano sete di libertà

e fame di conoscenza verso il mondo:

 

non ci si sazia mai della bellezza

e del suo splendore e neppure dell’osservare

le meraviglie dell’universo e portarle appresso

tra le vie dell’anima in modo da poter gioire

rivisitandole nei ricordi.

 

Il tempo scorre lentamente

ma inesorabilmente

soffermandosi

tra le nostre tappe e le nostre mete

che rispecchiano il vissuto

in cui abbiamo gioito, ma anche patito

per le ore cineree e la solitudine ribelle

che ci ha confinato in sere scure senza scampo

inviandoci a ricercare quella luce

che lenisca le sofferenze…

 

 … accade invece che

dell’agognata luce

s’incontri una folgore

che incenerisce…

 

e la vita è terminata.

 

Grazia Denaro

*

Sogni ad occhi aperti

 

Era il tempo in cui vivevo
attraverso sogni ad occhi aperti:

vedevo orizzonti sconosciuti
da esplorare
pregni di luci eccelse
e di magnifici colori
che mi scorrevano interiormente
come perle iridescenti
tra lo splendore del cielo,
il placido mare
ed il vento tra le fronde
a carezzare lievemente l’anima.

 

Scorreva dentro me
bisogno di sensazioni nuove
da assorbire
con tante domande mute sull’andare
e tanti desideri di un percorso
di passi ambiti
che m’inviassero alla meta
in un volo di dolcezza
pregno di un’altana di emozioni
tale da far fibrillare il cuore
per quel mondo immaginato
ed allo stesso tempo tanto desiderato.

 

Grazia Denaro

*

Fiamma verticale

 

Cos’altro farei qui

se un giorno

il mio sole non brillasse più?

 

Sei tu il mio sole:

- soffio che mi scalda -

piacere dolce che mi ghermisce

 forza di marea a riempirmi il petto

melodioso canto che mi culla

con quegli accenti

a creare simbiotica armonia

alimentando frange di luce

a bagnarsi nel blu degli orizzonti

accompagnando il cammino

in un clamore gioioso

virando verso il caldo di quest’autunno

 per noi maturato

che accende ancora fiamma verticale

in mani di dare e dita di trattenere

 

Grazia Denaro

*

L’eternità

 

Vanno sulle strade

minuziosamente i pensieri

soffermandosi in un contesto disperso

divenuto coriandoli al vento,

gingilli frantumati o fiori strappati.

 

Vite che vanno in direzioni contrarie

al nostro cammino.

 

Hanno fame di cielo, leggerezza e pace

lasciano con sollievo o dispiacere

la pesante zavorra

che affligge la vita minando l’interiorità.

 

Spesso è un fuggire senza preavviso,

a volte senza poter raccontare

di un bel sole o di grigie nuvole,

di intimità condivise, di profumi assaporati

di sogni svaniti a causa di ali tarpate.

 

Alla fine nulla rimarrà di sé:

esseri non saranno più materia

perché andranno incontro

ad un tempo statico

che li abbraccerà per l’eternità.

 

Grazia Denaro

*

La stagione del raccolto

 

La ricerca di noi due

così sereni ed imprevedibili

vissuta nella pace

e nell’essenza di quel presente

mi riporta al desiderio

di quell’armonia

perduta piano piano

nel silenzio dormiente dell’anima

e nel non aver saputo accogliere

la pioggia di pensieri positivi

condividendoli

e coltivando nel contempo

 i nostri sogni

perché crescessero rigogliosi

come spighe di grano maturo

 abbracciando appieno

la stagione del raccolto

 

Grazia Denaro

*

Ruggine e crudo sale

 

Tu, misto di dolcezza e rabbia

splendido sole e grigia nebbia

amore muto in mezzo alle spire

passione che si teme senza pace.

 

Acceso è il fuoco più vivido

ma mai sediamo alla luce

della sua fiamma.

 

Riflessi vanno e vengono

e antiche brame si trascinano

nel sangue che scorre nelle vene.

 

L'aurora entra a piccoli passi.

 

Sarebbe l'ora di svegliarsi in amore

ma mi ritrovo in una stanza chiusa

con ruggine e crudo sale

nella strettoia della gola...

 

Grazia Denaro

*

Questo rosseggiar di foglie


A questo rosseggiar di foglie

si rispecchia la mia anima…

 

questo tralcio d’autunno

la infiamma vestendola

d’infiorata poesia

per la stupenda perfezione

del colore delle foglie, delle bacche

e degli aromi conosciuti

adagiati al margine di questo tempo

che è cambiamento di stagione

e di vita vissuta.

 

 Tutto arde

 sotto il manto azzurro del cielo

e come fiamma prigioniera

accende tumulto di emozioni

di gioia remota e dolore strisciante

che langue dentro le arterie.

 

Si fa mesto l’io nel rimembrare il dì

in cui il vile gesto della luce

si fece ombra e crepuscolo

per noi due.

 

Grazia Denaro

*

Il canto del tempo

 

E’ stato un grande sogno
vivere quegli anni
nella casa antica
che non c'è più.

 

Furono anni vissuti
in uno specchio
che rifletteva la gaiezza del cielo
nel cammino
effervescente di una strada
irradiata dal manto giallo
agognato dai nostri cuori
assaporando la luce
di albe carezzate
dai venti lievi dell’est
e ridendo

in un modo gioioso.

 

Oro, perle, ametista
riverberarono quel tempo
nel chiarore e nei profumi
dei fiori di nardo, di biancospino
e rose purpuree
a scandire
il canto del tempo dolce e fremente
di umide ciglia, pelle e calore.

 

Poi, si fece sera senza scampo

in cui un fuoco accidentato ed invasivo

alimentato da un vento furente

spazzò via verso il nulla quell'armonia

 

Grazia Denaro

 

Dedicata ad Isabella

*

Ardite sentinelle

 

Alberi spogli

al richiamo del vento

lasciano cadere foglie

accartocciate

che volteggiano nell’aria

posandosi sui lunghi viali.

 

Solo i cipressi s’ergono dritti

nel loro verde intenso

e sul loro robusto fusto:

ardite sentinelle a costeggiare le vie

che conducono a questo sacro luogo

dove la vita di anime trapassate

hanno lasciato qui le loro spoglie mortali.

 

Il silenzio che aleggia

porta a composta riflessione,

sul passaggio della vita

e della sua conclusione.

 

Si odono solo i passi dei visitatori

che calpestano la ghiaia e le foglie morte.

 

Un senso di pace e di quiete

aleggia nei sacri campi

immedesimandoci

al pensiero della morte

e  del suo mistero.

 

Grazia Denaro

 

*

Ci sono giorni

 

Ci sono giorni

in cui le crepe

divengono dilaganti

laghi d'acqua scura limacciosa

in cui ci si sente imprigionati:

giorni che ci si augura

di non più rivivere.

 

Sono giorni

in cui l'aria è disadorna

e si è estraniati da ogni ardore,

solo il tarlo a corrodere fino in fondo

a ricordare di essere ancora vivi

e abbandonati

sulla tavola del mondo inospitale.

 

Si brama una parola gentile

e rassicurante,

una carezza e un abbraccio

che sciolga quel senso di gelo

e di malinconia

che corrode il petto

appesantendo come masso

l'io disorientato.

 

Grazia Denaro

*

Inquietudine

 

Inquietudine

è un gorgoglio muto

d’interiore trambusto

che non riesce esteriormente

a scaturire.

 

E’ un uragano nel cuore

che ha nello sguardo

i solchi avari del sorriso

e vive in un gioco di distanze

tra se stessa ed il mondo

che non sente amico.

 

 Si auspica la clemenza del cielo

in quei momenti irrequieti,

sono giorni imperfetti

ché qualcosa preme nel petto:         

un macigno pesante a ledere il respiro,

una voce penosa che batte e ribatte

in una flessione di luce

che vira

verso un crepuscolo angosciante.

 

Grazia Denaro

*

Un calice scintillante

 

Come le foglie

mosse dal vento è la nostra vita

e nulla è uguale e ripetitivo

nel lungo percorso

che ci presenta i suoi colori.

 

Anche l’odore varia nelle orme del tempo:

 

infinite mattine, infinite notti,

a volte, va dolce il nulla

il dolcissimo nulla dell’etereo vivere

come lo scorrere del placido fiume.

 

Ma quando la conca dei mandorli è lì

a ricordarti le tue radici e il tuo fiorire

in una disamina approfondita

che ti rimembra la strada percorsa,

quanto hai pianto,

quanto hai riso e gioito dopo la tempesta

nel rivedere i colori dell’arcobaleno

nel giubilo dell’iride dell’altro

che si riflette nel tremito tuo

per una musica di note morbide e fresche

sognate in un connubio

ti rendi conto che la vita

è un calice scintillante

a cui dissetarsi con esultanza.

 

Grazia Denaro

*

Amore venduto

Tu farfalla innocente
nel tuo decentrato volo
non trovi mai fiori ma ortiche
perché suggi un nettare
né puro, né dolce che spesso ti nausea
ma che per non morire
devi tuo malgrado ingerire.
 
Farfalla ch'esplori sordidi sentieri
volando in cieli infimi e perversi,
 sopravvivi in discariche maleodoranti,
non respiri il sussurro del vento
e non segui mai
la benevola scia del sole fulgente.
 
La notte vivi in laidi gironi
accostandoti ad anime impure
che contaminano sprezzanti
le tue fragili ali
macchiando la tua levità
per un amore venduto.
 
Grazia Denaro
 

*

Il respiro del nostro domani

 

Tutto è più chiaro

in quest’alba morbida

come il tuo viso

che mi rispecchia i giorni di sole.

 

Affascinante il tuo sorriso

al risveglio della notte

sia che tu abbia lasciato indietro

qualche sensazione umbratile

o interiorizzato sogni belli

rimasti ad aleggiarti dentro l’anima.

 

Il mare oggi

 è di un azzurro limpido

e le sue onde placide cantano nenie

descritte in pagine di luce

che noi ascoltiamo

con un senso di beatitudine

sognando posti nuovi

da visitare in un connubio

che incrementi sempre più

l’amore ed il respiro

del nostro domani.

 

Grazia Denaro

*

Lo scrigno dei ricordi

 

Dalla banchina lacustre

che calpesto

come suono d’arpa gentile

note mi risvegliano colori

di un fine estate spensierata

vissuta tra i canali salmastri

in cui noi in barca vagavamo

tra i profumi delle piante acquatiche,

circondati dalle siepi selvatiche

nel dondolio delle foglie

e l’odore delle opulenti vigne

che ci affiancavano:

 

andavamo per diletto

alla ricerca di mitili

facendo il pieno di emozioni

attraverso i nostri sguardi

che si attraevano.

 

Fu sul finire di quell’estate

che congiungemmo i nostri cuori

e le nostre vite

incamerando quei profumi

e quei colori

assieme alle emozioni

che ci agitavano il petto.

 

Oggi quei ricordi

da cui è germogliato

il nostro albero di vita

sono serbati gelosamente

nello scrigno dei ricordi

come preziosi brillanti

che continuano a risplendere

e scintillare nel nostro presente

 

Grazia Denaro

*

Quell’alone di magia

 

Un venticello lieve

espande nell’aria la tua voce,

un dolce canto il tuo

che mi ha emanato negli anni

il puro suono con cui hai diffuso

il tuo prezioso sentimento

a colorare d’azzurro i miei giorni

donandomi quelle emozioni

che sono il mio interiore nutrimento.

 

I tuoi occhi

contengono

quello sguardo guizzante

del condottiero

che mi riportano alla mente

lo studente che mi ha stregato

con le sue strategie segrete di ragazzo

che sapeva condurre la partita

con una solerte danza

accompagnata

da un’occulta melodia

intrisa in quell'alone di magia

atta ad involarmi verso il cielo.

 

Grazia Denaro

*

Tra veglia e sonno

 

Tra veglia e sonno,

nel torpore del mattino

il tuo soffio dolcissimo

accarezza la mente e il cuore.

 

E’ un dolce cullare

l‘emozione che sento,

ma anche il ristagno del tempo

che vivo in una favola rosa

mi fa apprezzare

questo convivio colmo di pace

immerso nella luce

 che va oltre gli spiragli del tempo

donanti spire di sole

carezze di vento

qualche nuvola chiara

ad intrecciare le nostre essenze

in un pulviscolo d’universo

assorbito nella magia del sentimento

sospesi nella beatitudine gioiosa

 vissuta attimo per attimo

della nostra vita.

 

Grazia Denaro

*

Nella foschia serale

 

Nella foschia serale

di questi cieli settembrini

avvolta da pensieri molesti

cerco un punto fermo che fissi un confine

alle mie sicurezze, alle mie certezze.

 

In questo saliscendi della mente

che mi avvolge

come marea dilagante

avanza un silenzio inquieto

di cose nascoste e non definite

rimaste adagiate tra le pieghe dei perché

a cui risponde un oracolo sepolto

di cui non afferro le parole.

 

Cerco indizi su risposte evasive

che mi fanno entrare in orbità di discordia

con l’altra mia metà

per quel muro che si è alzato fra noi

azzerando quel lievito felice

di un vivere in serenità.

 

Grazia Denaro

*

Scivolano le ombre

 

Ormai l’estate
non ha più il suo suono chiassoso
e ridimensiona i suoi colori
allentando il calore della stagione
che dà il passo all’autunno.

 

Già scivolano le ombre
nell’aria leggera e volatile
dove il gioco del vento fresco
muove le fronde degli alberi,
le pale eoliche
tenendo in sua balia
tutte le cose.

 

Il rosso comincia ad incombere
in ogni sua declinazione
facendo da contraltare
al verde ed al giallo della natura.

 

Stagione in fase di cambiamento
dona un’aura
un po’ soffusa all’universo
che col suo rumore intrinseco
svela la metamorfosi della terra
inglobando iprofumi muschiati dei boschi
in cui si respira meraviglia.

 

Grazia Denaro

*

Tocco di vita


 

Giorno di luce e parole

mi vieni incontro

in un soffio di voce

 con soffuso colore

attraendomi

col tuo dolce tepore.

 

Tu vieni a me

come biondo uccello

in rabbuffato sbalzo

a spaziare nell’immensità

del cielo blu

colmandomi interiormente

d’emozione gioiosa

con la carezza alata

del tuo respiro

che il cuore fa vibrare

nel margine del petto,

mentre il tuo profumo

è tocco di vita

ravvivata

delle tue affettuose dita.

 

Grazia Denaro

*

Melodie senza tempo

 

Riverberano tra i fili dei pensieri

raggi di melodie lontane

che di luci all’improvviso s’indorano

scortandomi per quei sentieri antichi

riportandomi al tempo nostalgico

ad accendere emozioni azzurre

dei miei verdi anni.

 

Rivivo dolci beatitudini,

grandi richiami interiori

vissuti tra il sole e le danzanti stelle,

accompagnata dalla carezza del vento

e lo sciabordio delle onde di quel mare

che fa da cornice a quella terra ancestrale.

 

L’uno all’altra in quel contesto

ci ritrovammo avvinti

in un cerchio di luccicante meraviglia

che ha portato all’intrecciarsi delle nostre vite

vissute nelle stagioni dei dodici raccolti,

atomi felici che si facevano materia

atta a sostenerci nei momenti di stasi

come poesia che nasce sul foglio bianco

e crea incanto.

 

Grazia Denaro

*

Sentirai la mia anima fluire

 

Il mio cuore è pieno di te!

 

Ti vidi in un giorno di primavera

ed i miei occhi s'incontrarono con i tuoi

mi prese uno strano languore

e per incanto mi si dischiuse il cuore…

 

come petalo turgido colmo di rugiada

gli stami divennero i miei sogni.

 

Nelle mie notti rischiarate dagli astri

che irradiano la stanza di luce argentea

guardando lo stesso cielo

sentirai il mio desiderio accarezzarti

sentirai i miei respiri e sospiri

ch'emanano il richiamo

del mio cuore che arde d'amore.

 

Quando l'odore dei gelsomini

nelle sere d'estate i sensi trasporta

sentirai la mia anima fluire

che si lascia sinuosa danzare:

 

si, tu la vedrai

in una soffice nuvola arrivare.

 

Grazia Denaro

*

Più nulla mi appartiene

 

 A volte

quando il giorno muore

si riflettono i ricordi che come pietre

di un granitico buio basaltico,

ostruiscono quella visione

d’immagini soavi a me care

che il tempo ha sfumato

ed opacizzato.

 

Stasera ho come fondo

il silenzio tra le stelle,

non un suono

né una parola si propaga

attorno a me.

 

Ormai in sabbia

si sono disfatte le mie dita

e nulla più si può ricomporre:

 

il vento ha disperso tutto

senza scampo,

le arpe sono appese

ai salici piangenti

e dell’esistenza

più nulla m’appartiene.

 

Grazia Denaro

*

Con la forza dei rami

 

Il nostro vivere è qui

dove poggiano i nostri sguardi

ad ogni risveglio.

 

E’ dolce l’incanto

nel mio guardarti dove brilli:

un po' più in là

nello splendore del sole

che tutto illumina

e tutto fa risplendere

nel rumore del mondo

che ci circonda

 ed osservo in silenzio

con gioia nella gioia

nel camminare sicura

alla luce del giorno con te:

un passo indietro,

un passo avanti

allungando le mani

con la forza dei rami

che s’incrociano toccandosi.

 

Grazia Denaro

*

Al timone dell’universo

 

 

Non senti l’odore dei gelsi

e lo stormire delle fronde

carezzate dal vento caldo

di questa stagione?

 

E’ un gioire di bambini

ch’elevano al cielo il loro tripudio

colmo di grida e di risate

in una festa che battezza l’estate.

 

L’aria adorna di profumi e voli

 induce all’ardore

accendendo la tavola del mondo

apparecchiata ed ospitale

verso noi fragili creature

che siamo qui a godere

di questa splendida natura

e dell’abbraccio

impercettibile dell’aria.

 

Osservo bene ombra e luce

che si posa sulle creature e sulle cose

e penso che siamo noi seme e zolla

al timone dell’universo.

 

Grazia Denaro

*

In controluce

Le nostre strade

non hanno più segreti.

 

Respiro e vivo

con la tua intensità

che si può trovare

sulle pagine dei giorni

segnati col segnalibro rosso.

 

A volte si pensa di andare in giro

per piccole storie,

incerte mete,

intimità provvisorie

e invece si trovano meraviglie

da gustare

come il sapore delle more

e ciliegie rosse d’assaporare.

 

Il sentire nel tuo corpo

l’odore del mondo intero

che si scuce

è una carezza che mi ritorna

in controluce.

 

Grazia Denaro

 

                  

*

Un abisso di pura magia

 

Respira il cielo

a questo splendore

che esalta la sera

con un vento accattivante

atto a far danzare

quest’alta marea

riflessa da una luna beante:

 

- astro risorto in questa notte -

a disperdere profonde incertezze

ma nell’accendere fuochi

alla veste del desiderio

e nel far fluire il sangue

verso le vie trillanti del cuore.

 

La notte emana

i suoi profumi arcani

nascosti nei riflessi dell’argento

dove noi due in simbiosi

ci adagiamo

nella culla dell’esultanza

che ci avvia

verso un abisso di pura magia.

 

Grazia Denaro

*

Settembre Acrostico

S corre il tempo

E largendo movimenti

T endenti all’azzurro e bianco

T ra  cirri che corrono lievi

E d eleganti

M odellando figure:

 

B ambagia ad ornare

R identi cieli nella carezza del vento

E cheggiante l’autunno.

 

Grazia Denaro

*

Raccolgo gli ultimi raggi del sole

 

Raccolgo

gli ultimi raggi del sole

che non s'arrende

come fuoco invade la mia mente

come i caldi raggi dell'estate

quasi volessero generare

succosi grappoli di piacere.

 

Il mio pensiero migra

alle emozioni,

agli istanti più belli

scolpiti nel cuore

quando c'eri tu

che con lance aguzze

irradiavi il tuo splendore...

 

Grazia Denaro

*

Un’ombra eterna [dedicata]

 

Oggi è più calmo il mare
ma il vento mi riporta in bocca
il gusto del suo sale
risvegliandomi quel fiele
che mi fa star male.

 

Non posso non constatare
che la vita ha su ognuno di noi
potere di pace e tormento.

 

Gli accadimenti spesso
non si lasciano prevedere,
specie quando la vita
viene recisa senza motivo
facendo mancare
i momenti belli da vivere
e il fulgido futuro che aspetta.

 

Essa decide

[ma sovente manovrata]
che in un tempo divenuto
stropicciato all'improvviso,
dalle sue pieghe occulte
violenti tornadi esplodano
  in tutta la loro violenza
abbattendosi su rami
che vengono recisi di netto,
ma anche i virgulti spuntati a primavera
non vengano risparmiati
disperdendo la loro linfa vitale
ed azzerando del tutto il loro vigore

che da un cammino di luce
a cui erano destinati,
li avvia inesorabilmente
verso l'ombra eterna.

 

Grazia Denaro

*

Lunghe strade

 

Come brandelli di una bandiera

di pace

corrono nuvole bianche

sul mio capo.

 

Il vento

tende in festoso pavese

i rami di una grande acacia

che mi sovrasta.

 

Penso alle lunghissime vie

che corrono in rettilineo

divorate dal sole

che le illumina e le rende liete.

 

Ammirandole i miei sogni misteriosi

hanno una continua evoluzione

dileguandosi di minuto in minuto.

 

In mezzo a tanta grandezza,

a tanto splendore

sono una piccola spora al cospetto

dell'immensità dell'universo.

 

Grazia Denaro

*

Un giorno nuovo

 

E così sei qui

disegnato nell’estate

scolpito

in un ozio senza superficie.

 

Ma ecco il dono,

il meraviglioso dono:

 

riscopro finalmente la tua luce

in tutto il suo fulgore

e nella gioia

che mi suffraga dalle incertezze

che mi hanno abitato interirmente

nell’ultimo periodo.

 

Penso sia meravigliosa la vita

accompagnata dai colori dell’iride

e da tutte le bellezze che ci regala l’universo

che mi accolgono lucide e senza più ombre

nello spicco dello sguardo.

 

Il cielo scorre nuovamente su di me…

e le nuvole sono un azzurro

visto di schiena.

 

Grazia Denaro

*

Pantalica

 

Il cielo d’un azzurro scevro di nubi

 si rifletteva nel passato remoto di quel luogo

ed attraverso le crepe che ha lasciato

canta ancora la sua arcaica storia.

 

Un’aura misteriosa

sprigionavano quelle pietre,

le grotte rupestri e la necropoli

abbarbicate su un terrapieno

digradante verso la costa.

 

Fui ammaliata

da quella natura selvaggia

in cui torrenti e piccoli fiumi

fluivano silenziosamente

incastonati lungo canyon

formatesi tra le calcaree rupi.

 

Il belare delle capre

che brucavano

sotto un portentoso sole

tra le siepi scarne

radicate fra le ripide pareti

poggiate sull’Anapo

che scorre fino a valle

fu l’unico suono di questo luogo

selvaggio ed antico.

 

E lì, sul margine del prato

nell’osservare quel contesto

 m’innamorai del vento

che carezzandomi dolcemente

mi sussurrava

i segreti ritmi di quell’antico canto...

 

Grazia Denaro

*

Rileggo

 

Da antiche pagine che rileggo

sgorga vita vissuta.

 

Tenerezza e rimpianto

che tutto sia passato

su quel piccolo ambito terrestre

che il suo frutto ha lasciato

con le cose fatte, le cose pensate

e ciò che la gemma sbocciata

ha assimilato.

 

Acuta nostalgia sgorga dall’anima

s’immerge in quei momenti

per riviverli appieno.

 

Un rivisitare quel suolo ameno

dove lo sboccio

determinava eterna primavera:

 

captare ogni sfumatura di colore

donata da creature consone

e specchianti chiarore

che furono fortezza e sicurezza

accompagnando con perizia

lungo percorsi da tracciare

ma su cui riluceva un cielo aperto

e irraggiante

pregno di luce e di calore.

 

Grazia Denaro

*

In un’aura di pace

 

Profumi d’estate la brezza sussurra:

 

un’esca si fa miraggio gioioso

nella sera armoniosa

che con la complicità della luna

dona a dismisura

effigi di ciò che carezza

la mia cava più segreta.

 

Come forza di marea

tutto ciò che mi circonda:

la luna, le stelle, l’universo

colma il mio petto

d’incommensurabile

dolce struggimento

avvolgendo di fiamma esaltante

il mio io che vive

quest’ora di emergente magia.

 

E’ una di quelle notti

in cui la vita risplende

dal buio stesso con esultanza

e di luce e parole

si alimenta gioioso il mio costato

dilatandomi il cuore

mentre il tempo mi avvolge

in un’aura di pace.

 

Grazia Denaro

*

Dalla tua armonia


Nel cuore della notte

ti osservo

e sento il tuo soffio

che mi scalda

come canto ancestrale

che percorre l’anima.

 

E’ dolce carezza

che mi avvia al sonno

il tuo respiro:

 

- sussurro rassicurante -

a cui risponde il mio sospiro

con gli accenti

assimilati interiormente

dalla tua armonia.

 

Grazia Denaro

*

L’immensa ebbrezza dello spazio

 

Notturna apparizione

nel cuore della notte mi compari

come isola che il sogno popola

e brumosa ti sciogli

a riportarmi immagini

ritornate a respirare.

 

In te mi perdo

nel venirti incontro ad occhi aperti

seguendo le tue spire di sole

che fanno certi i miei passi

avviandoli verso cristalli

che fondono e s’infrangono

tra mille scintille

trascendendomi

verso il cielo silenzioso:

- strada e sigillo -

attraenti alla ricerca

della calamita dei tuoi occhi

che mi osservano dolcemente

nell’immensa ebbrezza dello spazio.

 

Grazia Denaro

*

Al timone dell’universo

 

Non senti l’odore dei gelsi

e lo stormire delle fronde

carezzate dal vento caldo

della nuova stagione?

 

E’ un gioire di bambini

ch’elevano al cielo il loro tripudio

colmo di grida e di risate

in una festa che battezza

l’inizio dell’estate.

 

L’aria adorna di profumi e voli

 induce all’ardore

accendendo la tavola del mondo

apparecchiata ed ospitale

verso noi fragili creature

che siamo qui a godere

di questa splendida natura

e dell’abbraccio

impercettibile dell’aria.

 

Osservo bene ombra e luce

che si posa sulle creature e sulle cose

e penso che siamo noi seme e zolla

al timone dell’universo.

 

Grazia Denaro

*

I bisbigli del cuore

 

S'addentra l'anima mia

lungo sentieri di orme leggere

percorsi in quelle limpide giornate

dove tra noi aleggiavano

i discorsi più veri

intrecciati tra stradine

battute dal vento d'aprile

e ammantati dall'azzurro del cielo

a donare gioia ed emozione

nel lasciare entrare nell'interiorità

la pienezza del sole a rifulgere sogni

di belle speranze

di virgulti ed aromatiche piante.

 

Nella cornice incantevole di quell'approdo

ambito dai bisbigli del cuore

noi cantavamo soavi melodie

irrorate di rugiada

atta ad alimentare linfa

da aspergere

lungo i viali della vita.

 

Grazia Denaro

*

Al singhiozzo del rauco canto

 

Un tempo gabbro

che pare sfuggire alla vita

perimetro irreversibile,

silenzio e durezza di pietra

a domande mute

di un cuore che batte smarrito.

 

Non scorre fiume in libera discesa,

aridità di venti risalgono la sponda

di cocci e di pietre aguzze disseminata

a ferire l’anima frastornata

adagiata sul gelo della paura e dell’incertezza.

 

Il fluire del mio tempo ristagna in crisalide

scevra di mutamento.

 

Vorrei tanto vivere un possibile cambiamento

finora soffio d’una luce svanita

 e consegnata

al singhiozzo del rauco canto.

 

Grazia Denaro

*

Il caldo vento degli alisei


Stasera le tue parole

lasciano impronta sul mio cuore

e gli occhi vedono azzurri mai uditi.

 

Incantata guardo la rotonda luna

che da lassù brilla per me

azzerando l’eternità della distanza…

 

... e il battito nel petto

comincia a navigare sulla tua rotta

spinto dal caldo vento

degli alisei.

 

Grazia Denaro

*

Il sogno

 

A volte la notte si schiude al sogno

e della sua dolcezza il cuore nutre.

 

I sensi invade di dolce sentire...

 

sono visioni che l'essere nutrono

e l'incanto pervade a placare la sete,

sono respiro stimolante

a saziare l'anima anelante.

 

Il tempo si ferma in un non tempo

che la vita pare rallentare

ma dona gioia e nutrimento

all'ego che l'accoglie

e l'abbraccia dolcemente.

 

Grazia Denaro

*

Il prodigio del tempo

 

Rimango qui

irradiata da questa luce

che mi riflette la gioia

della benedetta aurora

nei voli e nei canti degli uccelli,

 

e nell’attesa che arrivi tu…

 vola d’azzurro il cielo

nell’aria trasparente

e ristagna in me

il prodigio del tempo.

 

Grazia Denaro

*

Quella magia di cui ci facciamo dono

 

Quando in quelle sere che in me mi perdo,

giungono parole che fanno rallegrare

il campo circoscritto della mia interiorità

facendola tremare d’emozione

per l’esaltazione di quelle ali

che solo in due volano all’unisono

verso messaggi di fuochi avvolgenti,

aure profumate di fiori appena sbocciati,

di grappoli di ciliege in fiore

che con le loro rosate striature

inneggiano l’istane desiderato

in cui gli occhi si avvincono

ed i corpi eretti con le mani legate fremono:

 

- io in te mi perdo -

mio raggio di sole dei passi certi.

 

Sotto la luce delle stelle di un cielo rifulgente

è allora che noi emaniamo un unico sussurro

dalle assonanze pregne di quella magia

di cui ci facciamo dono.

 

Grazia Denaro

*

Ti amo poesia

 

Come freccia scoccata dal tuo arco

quando ascolto la tua voce

tanta luce solare in me raccolgo

che azzera quelle notti buie,

 travagliate e prive di stelle

tenendomi confinata

in un silenzio tenebroso.

 

Tu mi apri un cammino di parole

che va diretto al cuore delle cose

carezzate dall’eco del tuo canto

respirato al ritmo del mio sangue

con quella gioia di poter dire

senza disinganno

ciò che detta l’alito scaturente

del mio interiore sentimento.

 

Ti amo poesia

per la bellezza che emani

quando in crescendo canti

ciò che la mano scrive

e l’anima modella.

 

Grazia Denaro

*

Oblio

 

Oggi non è giorno di parole,

si sono arenate

tra le pietre e gli sterpi

di quel viottolo ripido e scosceso

precipitato nel burrone

degli inganni.

 

Un velo di dolore copre ancora

quella luce incontaminata

che mi fu amica

azzerata da un cielo vuoto

del suo azzurro:

 

- fendenti di dense nebbie -

occultarono quel percorso

di strade maestre

in cui i passi camminavano

fermi e sicuri

nel perseguire il cammino

di quella voce d’amore

persa tra gli echi

di una luce evanescente

scevra di suoni e colma di ombre

che il vento come lamento

ancora sparge nella mia aura

riportandomi di essa solo l’oblio

che non lenisce sofferenza.

 

Grazia Denaro

*

Il dolce frutto della vita

 

Cos’altro puoi dirmi

che non sappia già

di ciò che ho assaporato

avendoti vicino:

 

- noi due aria e fuoco

in uno scintillio di passione -

 

 vene di sole

che il sangue fanno scorrere

ad illanguidire il petto

in quell’ansimante sfrangiare

tra l’azzurro del mare

ed il rosso tramonto del cielo.

 

Sapore di salmastro

a toccare i pori della pelle

 facendola vibrare

quando l’onda languida

accarezza gli scogli

ed il vento batte il suo tamburo

in suoni e cadenze misteriose

come fa il cuore quando è accelerato

dal battito dell’ala misteriosa

ch’esalta l’emozione ed il desiderio:

 

- radici allo scoperto –

s’intrecciano in un edenico giardino

mano nella mano ad assaporare

il dolce frutto della vita.

 

Grazia Denaro

*

Quei chiari di luna

 

Ricordo quei chiari di luna

e fioriture di stelle

in quelle sere d'estate

in cui il cielo era una scia brillante

che illuminava la mia isola incantata

- o forse ero io che le magnificavo -

 

ma mi esaltavano il cuore

scaturendo sogni e chimere

che s'indirizzavano

a vie da percorrere in discesa

verso un futuro tutto da assaporare

nella coscienza e nella consapevolezza

che sentivo dentro me

pensando che il vento avrebbe sibilato lontano,

anzi, avrebbe avuto un movimento

di carezzevole danza

atta a purificare la luce dei  miei giorni

irradiandomi interiormente

ed accompagnando i miei passi consapevoli

di durata e percorsi lungo le strade del mondo

verso richiami di voci e desideri

che mi avrebbero avviata

nel volo meraviglioso della vita

osservando sempre quella volta celeste

che vige e protegge.

 

Grazia Denaro

*

E non ci sei

 

 

Hai oltrepassato quella porta

e con noncuranza sei andato via.

 

Mutata è la scena

è più tranquillo, più scarno

il mio vivere ora

ma il conto non torna:

pare la calma dopo la tempesta

ma non è il mio pane

e neppure il vino che ora degusto.

 

Ho viaggiato nella tua incongruenza

ora la mia,

nel tuo umore altalenante,

ho scavalcato grossi massi

coperti di muschio

tendendo sempre a scivolare.

 

Scevra d’equilibrio

per il pesante castigo della tua presenza…

e ora, non ci sei.

 

Grazia Denaro

 

*

Stille di luna piangente

 
Stasera in un cielo
 splendente di stelle,
seta trapunta di blu ed argento
nel suo bavero anteriore 
spicca un pò appartata
e silente la luna.
 
Astro lucente 
d'immaginifici pensieri
riempie la mente 
di storie fantastiche 
ed evanescenti.
 
Nel dormiveglia incantato
l'ombra d'un sogno m'accarezza:
sento un leggero fruscio, 
un volto sbiadito m'appare 
che io faccio fatica a distinguere.
 
Sfoglio le pagine del tempo
nella speranza 
di scorgere ancora quel viso,
ma danza vuota la risposta:
solo fogli ingialliti appaiono,
 paradgma di giorni incolori vissuti
di cui riesco a percepirne appena il sentore
che non percorre più le valli del cuore.
 
Il mio cammino ora è arenato
tra sterpaglie d'ombre e pietraie
che intristiscono le iridi 
ed il mio più intimo sentire
su cui colano stille di luna piangente
atte a dilavare pagine di sillabe vuote 
di un dialogo arreso su strade mai percorse.
 
Grazia Denaro

*

Osservando la notte

      

Credo

non ci sia limite all’emozione

quando si osserva la notte

ascoltandone il silenzio

che avvolge ogni cosa...

 

 respirare

il sentore dell’universo

nell’atto di porgere

le sue meraviglie e i suoi profumi

mentre il cielo è una trapunta

di stelle brillanti

capitanate

dal diamante lunare

che nel suo stile specchiato

illumina l'ombra occultata

 tra le pieghe del buio

accendendo meraviglia

ed  immaginazione

da incamerare in un equilibrio

di occhi ed anima.

 

Grazia Denaro

*

In un’estasi di vita

 

Momenti,

giornate in apnea:

vivo in un letargo che fa il paio

con questa capricciosa primavera

accasciata

tra i limiti ristretti del tempo

che mi confinano in un limbo

senza colore

aspettando che passi la notte

a risvegliare un fiore,

una nuvola di sogno

su cui poter fantasticare,

un tono ambrato da riverberare

tale da risvegliare quella luce

che mi faccia elevare gli occhi

ad osservare

il sublime mistero dell’universo:

matrice che nutre

e plasma l’interiorità alla gioia

e alla libertà del proprio io

come acqua che all’acqua va

e di se stessa s’alimenta:

liquido che fluisce e rivive

in un’estasi di vita.

 

Grazia Denaro

*

Né vita né ritorno

 

 

I tuoi sogni volati nel vento

nel muto riflesso

di una sera illune.

 

Respiri affannati

ricordi svaniti

che tornano indietro

su passi irrisolti.

 

Sortilegio

di graffi sul cuore

sono deliri di dolore.

 

Ira della tormenta

stiletto duro invisibile

che s’infiltra

a forza nelle ossa.

 

Metamorfosi di luci

che piombano

in un buio profondo

dove non c’è vita

né ritorno.

 

Grazia Denaro

*

Pe un attimo soltanto

 

 

 

 

 

Dei giorni belli

non resta che quella luce

filtrata dallo sguardo

che arriva fino al cuore

tamburellante e sordo

come ingenuo primitivo

strumento di dolore

di quei dì colmi di tremore.

 

L’ assedio del dolore

in spire d’onde coglie

e mi rinchiude nelle segrete

della vita mia tradita

mentre l’anima nell’assolo del violino

su corde taglienti si dibatte.

 

Da quelle antiche terre mi raggiunge

la caduta di ogni suo frutto.

 

Ogni tua parola era un affondo,

un pezzo di bravura

tale da disgregare sicurezze

e annerire lo specchio

dove noi due abbiamo brillato

per un attimo soltanto.

 

Grazia Denaro

*

Musica dolcissima e controcanto

                                                                                                  

 

Quando il disgelo

scioglie la neve,

di lì a poco

meraviglie affiorano

come piume e stormi

in movimento

che si rispecchiano nella luce

del blu intenso

riflettendosi nelle iridi:

- finestre aperte verso l’alto -

che dipingono sali-scendi e gridi

di deja vu a scorrere sul filo

 della rinascita di nuovi germogli

in un inizio rifulgente di natura,

carezze interiori

donate da questo coro di musicanti

che ondeggiano

ad ogni solfeggio d’aria e di vento

sotto un cielo fissato al lampo

dell’intensa luce

donata da miliardi di sfere

e dallo spirare dolce

di zefiro tra le messi

in musica dolcissima

e controcanto.

 

Grazia Denaro

 

*

L’iter dell’esistenza

 

Quando il cielo è un’alba chiara

di sublime ombra e luce

e di viali profumati,

con te al fianco null’altro ambisco

se non la primavera

a sprigionare le sue meraviglie

che mi pare porti dentro sé il tuo amore

che mi elargisci dolcemente

nell’aria tiepida che risuona

di fremiti ed aromi.

 

E’ un echeggiare di magiche sinfonie

che la natura dona in tutta la sua armonia:

il dolce vento, il frusciare delle messi,

la scorrere del torrente nel suo letto

che mormora argentino sui sentieri

scortati dalle betulle colme di amenti.

 

Anche il cielo ed il mare abitano l’infinito

in un connubio di uguale colore,

il loro movimento è musica

di un canto ancestrale che gravido di sole

racconta al vento l’iter dell’esistenza.

 

Grazia Denaro

*

Del tuo frumento mi sono nutrita [A mia Madre]

 

Cammino lungo la strada dei pensieri

osservando ciò che dipinge il ricordo

rispecchiante i miraggi antichi con nostalgia

di quelle brezze leggere e profumate

che il mare in lontananza regalava

in quegli anni ameni e spensierati

di cieli azzurri e di sorrisi.

 

Ricordo che recepivo

con gioia la tua mano

che leggiadra mi accarezzava

e la tua voce che con dolcezza mi parlava.

 

Dalle bionde spighe di grano

che tu di anno in anno hai raccolto

e mi hai donato

i preziosi semi in terra feconda ho seminato,

e del tuo frumento mi sono nutrita

seguendo sempre la luce

del tuo amorevole sguardo:

- magnifico ventaglio chiaro -

che sempre ha illuminato la mia anima

donandomi quell’equilibrio

tra il sole e l’ombra che fanno capolino

nei momenti dell’esistenza.

 

Grazia Denaro

*

Fu dolce quell’ora

 

Fu dolce quell’ora di magico incanto

d’abbacinanti luci

 ed esaltanti tocchi di rosso fuoco:

-soffi suadenti adagiati al cuore-

 

S’accesero coni d’azzurro

in un pullulare d’afflati:

- emozioni di caldi fremiti -

che inviarono

a quella danza divina ed avvolgente

 di treccia d’amore irretente i sensi

in quel bagliore magnifico

che non arretra ma risplende.

 

Grazia Denaro

*

Il mio corpo diviene arpa

 

Quando mi guardi

nel buio delle notti

mentre la luna sfavilla in cielo,

il tuo lieve respiro incide dentro me

come un cesello

emanante richiami

che s’addentrano nei sensi

e liquidi scivolano

nell’anima mia crepitante

scaturendo fremiti

come le cadenze del vento

che alla pelle sussurrano imperiose voci

di canti nuovi lanciati nel richiamo

di fiori schiusi sotto il cielo

del cuore che arde…

 

ed il mio corpo diviene arpa.

 

Grazia Denaro

*

Stringimi

 

Nella varia immaginazione

del blando sonno,

dolci sogni tu alimenti.

 

 Ti dico con dolcezza:

- stringimi -

 perché l’anima mia si bea del tuo calore,

della tua essenza,

di cui ho tanta nostalgia.

 

 E ancora:

stringimi guardandomi negli occhi

e io canterò per te tutto ciò che sento

esternandoti le emozioni del cuore.

 

Noi siamo come gli uccelli

che nell'aria fanno l'amore,

le rose di maggio che splendono al sole,

il dolce fruscio delle fronde carezzate dal vento.

 

 Allora: stringimi

quando la sera sul cielo piove la luna

e argentea inonda i nostri volti

avvinti da quei desideri d'intesa

nell’aria tiepida che lambisce l'attesa...

 

Grazia Denaro

*

Di brama nella notte

 

In quelle notti silenziose

quando il sonno latita

ed i pensieri scorrono in un turbinio

affollando di confusione il mio io

con calma cerco di tranquillizzarmi.

 

A volte per rassicurare me stessa

individuo una scala di suoni

che divengono carezza e sussurro del vento

che avviino ad un cammino di parole

dirette al cuore delle cose

che si desiderano chiarire.

 

E’ un arrovellarsi nel trovare la maniera

di cercare di dirimere il dissenso

riproponendo ogni giorno l’eco di un canto

con frecce scoccate dall’arco di cupido

che smuovano l’intransigenza

ed alimentino il sentimento

in modo da toccare la radice

di colui a cui sempre porgo la mano

quando viene a cingermi

di brama nella notte.

 

Grazia Denaro

*

Ben arrivata primavera

 

Stamane mi sveglia il canto degli uccelli,

sono lieta,

penso che la primavera, finalmente, sia arrivata.

 

Sento addosso un’aria ed un’energia nuova

e noto che il cielo è terso e le nuvole sono così lievi

che sembra si possano smuovere col fiato,

infatti il vento le sposta a suo piacimento

col suo soffio lieve.

 

Si sentono per l’aria i pollini atti a fecondare

e il crocchio dei piccioni

sale e scende dai tetti e dalle terrazze

in cerca di rimasugli di cibo.

 

Osservo attentamente l’intorno

e mi sento catturata da una vertigine

ch’esalta il mio turbamento

perché scorgo al di là della finestra

segni di nuovo che si fanno strada

tra gli alberi ed i cespugli.

 

Finalmente il grigio ed il freddo

lasceranno il passo

al verde variegato delle piante,

al sole e al dolce zefiro.

Cambiamenti che da millenni si ripetono

ma da sempre desiderati.

 

Grazia Denaro

*

Ammiro l’infinito

 

Stamattina

 dalla finestra ammiro l’infinito:

un fremito mi coglie

come se un’ala di gabbiano

m’accarezzasse il petto.

 

Porto ancora in me

i sogni della notte

che mi sorridono

con trasparente levità.

 

Osservo gli spazi azzurri

che sanno d’immensità

cingendo di luce intensa

le striature rosa dell’alba:

- pizzi e merletti pregiati -

ad esaltare la magnificenza del cielo

che culla aliti d’armonia

adagiati tra le fronde

ch’elevano la loro voce

al cuore delle cose

in un linguaggio arcano

che è cantico di tenera melodia

di un sentire levigato

che ogni asperità nell’anima mia

ha cancellato.

 

Grazia Denaro

*

Quell’attimo sublime

 

E’ in quell’eterno fluire

di melodie lontane

che ritorna quell’eco di bellezza

in cui rifulge quell’attimo sublime

e poi il suo dopo

che ascese verso un azzurro cielo

tra le carezze di uno zefiro

e nel candore

delle lusinghe della primavera.

 

Grazia Denaro

*

Ti parlerò di noi


Sempre adorna del tuo riflesso

che incornicia la mia memoria viva

come lo è la natura

in ogni stagione dell’anno,

 

ti dico che ciò che ci lega

fino alla vertigine

al di là delle parole pronunciate

che sono memoria dagli albori

di quando gli sguardi s’intrecciavano

esaltando fremiti e sorrisi,

ancora oggi i nostri aneliti si fondono

in misure di mare e cielo

rispecchiandosi in un riflesso

che ci attraversa e c’illumina

opposto all’invasione della notte

e all’abbandono delle cose.

 

Ambiamo all’unisono

la complicità del cielo e del suo azzurro

e non abbiamo mai amato le nuvole

con le loro distonie.

 

Grazia Denaro

*

Nel fremito di vita

 

Palpiti interiori
in fluttuare d'onda
mi dona ogni tuo sguardo
che in scala musicale
scandisce attorno a me melodia
aprendo un cammino di parole
diretto al cuore dell'incanto.

 

Sei carezza d'ala che schiude
sorgenti d'acqua
col loro scorrere argentino
sciorinanti immagini
che accendono desideri
a toccare il profondo del mio io.

 

La tua stella di luce
si rispecchia nella mia anima
che in crescendo canta
percorrendo ogni senso della gioia
con assonanze armoniche di accordi
in cui si colora d'azzurro il canto
nel rimescolio delle emozioni
che mi contengono rimbalzando
nel fremito di vita.

 

Grazia Denaro

*

Ti rivedo

 

 
Ti rivedo in una sera
di dolce primavera
in cui i profumi emanati dalla natura
ed il cielo trapunto di stelle
risvegliano l'incanto
del nostro sentimento.
 
Ti rivedo in un incontro
di musiche e parole
ad arpeggiare le corde del cuore.
 
Ti rivedo in un fiore d'hibiscus
che con i suoi emananti profumi
e splendidi colori<