chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Luciano Stefanelli
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Se morendo

 

Se, morendo, dovessi mancare,

fate, volendo, un bel girorondo,

fingendo che mi nasconda

sotto il granito o dentro un'urna,

o che sull'Annapurna

sia scappato,

io,

che il mondo l'ho sempre amato.

Ma, se volete, potete cantare,

cantare una canzone,

come soluzione finale:

chessò: Over The Rainbow,

The Boxer, My Way;

e poi, senza fiatare,

e senza farvi male,

potreste andare a bere 

due bute.. alla salute..

alla Fiera degli Oh bej Oh bej.

 

*

Mille soli.

   

   Caro limone che allevai

   nato da un piccolo solo seme

   le somiglianze tu ce le hai

   con un umano che assai teme:

   teme la morte come fine

   del suo supporto ad altri amati

   temé la vita nel suo confine

   all'invadenza d'altri primati.

   Tu non puoi prole

   lui non ne ebbe

   due braccia sole

   sei ne vorrebbe

   per circondare

   quei pochi amati

   ricchi di tare

   ma con lui nati

   dentro una vita

   con una storia

   lenta e sguarnita

   di vera gloria.

   Cosí sei tu

   caro limone

   o meno o più

   in proporzione

   tra un vegetale

   e un animale

   con in comune

   l'essere soli

   amar le lune

   e i mille soli.

 

 

*

A che cosa serve una morte.

  

              

   C'è una morte

   appesa

   a rami di rovo

   a spine di rose

   a gelsomini

   e caprifogli,

   sospesa 

   sui nostri progetti

   e sulle stanchezze,

   viatico a notti

   di quiete

   e meritato riposo.

   C'è una morte

   di chi ci insegna

   a morire

   da una cassa 

   di rovere chiaro

   con le parole

   di chi amava

   e l'amava;

   e a vivere

   amando.

   C'è una morte 

   sola,

   che ci guarda

   da lontananze

   di nadir

   e di zenit,

   e attende

   paziente

   o fremente

   come una stella

   in estro,

   una supernova

   buco nero,

   è lí e fa cenno;

   rispondere è cortesia,

   ignorarla un sogno.

*

Se morendo »
Questo testo in formato PDF (1 KByte)