chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Raffaele Piazza
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Alessia coltiva i verdi

Serra di piante nel Parco Virgiliano

magico luogo per Alessia

tra lampade e vetrate

per i verdi gemmanti

nella stora di un bacio

nella serra un anno fa.

Nella serra attende Giovanni

ragazza Alessia per fare

secondo natura che sono

i verdi delle piante l'amore

e sta infinitamente

tra azalee e begonie e bonsai

tra le stelle e la luna ostia

di platino e coltiva la tinta

e il colore che è quello della cita.

*

Alessia e il primo bacio

Lui la mette nell'erba del posto

delle fragole e bacia Alessia

ragazza al colmo della grazia

nel sentirsi donna e cerca di lui

gli occhi di ragazzo nel non

essere più sola ma una sola cosa.

Piacere per Alessia a irradiarsi

dalla bocca al sesso di Alessia

ragazza che è vergine. In estasi

Alessia e spera che dopo non

la lasci e pensa a quando

faranno l'amore e l'erba

si fara azzurra di cielo.

 

*

Attimo d’incanto

Poi nella luce nel toccarti

con gli occhi la ripetizione

della selezione delle parti

belle dell'amore che prosegue

e il tempo si ferma

in un presagio di Parco e la

vita è nel melograno

frutto del giardino di Mirta

ora sulla mia mensola

bagnata dalla luce della luna

che è rimasta dalla sera che

non torna. Ed entro in te

ed è una sola e duale carne

mentre le parti di noi

nel ricomporsi s'illuminano.

*

Alessia non ha paura di avere paura

Si scioglie sul viso di Alessia

il rimmel azzurro nel pianto

cosmetico messo per lui

e la stanza è un albereto fantastico

di pareti e il letto. Ritarda l'amato

all'appuntamento e si dispera

ragazza Alessia perché

ha paura di avere paura.

Poi la porta di casa soglia

da consumare in due e lui

entra con le chiavi e poi 

in Alessia felice nell'estasi.

*

Alessia e il bianco di farfalle

Poi nell'interanimarsi con il bianco

cartavelina di farfalla per fotocopiare

la gioia e tutto pari a sé resta uguale

per Alessia ragazza nella vita

che non è nuotando esistere

fino all'albereto del Parco Virgiliano

natura dei responsi. Si sporge Alessia

dal balcone dell'anima e la finestra

s'illumina di verità.

*

Alessia trova il numero telefonico

Poi ansia a stellarla Alessia ragazza

Alessia perché Giovanni è in ritardo

di tre ore nella telefnata della vita

e piange Alessia nel denso azzurro

sciogliersi del trucco sulla terra del viso

e sta infinitamente (telefonino tra le mani).

Poi il tasto premuto a caso e stupore

di verde gioia e rosa felicità

nel vedere il suo numero

(quindi ha telefonato e mi ama).

Si sporge Alessia dal balcone dell'anima

sul confominiale giardino in un 

bianco battere di ali di farfalla

e tra la magnolia centrale gli eucalipti

e piante senza nome a entrare

nell'anima dagli occhi e poi di nuovo

il telefonino squilla (è lui!!! è lui!!! è lui!!!)

*

Alessia nel presagio del Parco Virgiliano

Cameretta - porto per Alessia e 

non pareti ma infiniti alberi

e la ricompensa è il Parco

Virgiliano nella sera precedente

che ritorna, luogo di misticismo

naturale dove ieri Alessia

ragazza ha fatto l'amore secondo

natura delle cose belle 

e sta infinitamente Alessia

in un vento d'ala di cartavelina

di candida farfalla fino

al tempo in limine alle rose

del paesaggio iridato.

E così esiste nella preghiera duale. 

*

Alessia aspetta Giovanni

Ansia a stellare Alessia

al colmo della grazia

nell'attendere Giovanni

dalla torre di vedetta

del balcone e lui porterà

ragazza Alessia al posto

delle fragole a fare l'amore.

Tenerezza attende Alessia

nel vestirsi con mutandine

nere come a lui piacciono

e tutto resta uguale

come se fosse il Parco Virgiliano. 

*

Pervasivo giardino

La rosa, ovviamente,

entra in scena nell'attimo di tegole,

una goccia di adolescenza

cade in pioggia

o in acqua sul balcone

dov'è il tempo?

O forse consumano i giorni

nei gualciti quaderni ragazze

che non conosci,

traggono gioia da quanto avviene

in campus in paesaggi

ragazzine di rosa sbocciate in linfe

insegnano a tessere trame

mosaici, arabeschi, il senso del tempo

della vita e il fiume si ferma: riproviamo

messaggio su internet interrotto

 

lei portava un jeans

si chiama Alessia, ama il mare

studia medicina, ha avuto ventuno ragazzi

vuole avere un bambino.

*

Alessia ricomincia da otto

Alessia ricomincia da otto

dopo il rimando in storia

e studierà nell'estate 2021.

Piange Alessia davanti

ai quadri della scuola dei responsi

e poi squilla il telefonino

e riparte da otto Alessia

per la gita con lui a Capri

i libri nello zainetto Invicta.

*

Felicità ti chiedo

La forma del sorriso di te

a scendermi nel pozzo

dell'anima al Parco Virgiliano

e la tua risata sul verde dell'erba

nel farsi azzurro specchio

di un cielo perfetto che non turba.

Poi nell'aria polita la vita

che è una da stringere

nel cerchio magico

dove eravamo già stati.

*

Fiuggi

L'acqua delle terme ed io bambino

ad abbeverarmi a redenzioni di gioia

ad ogni passo. Dell'albergo il giardino

e il ping pong gioco che m'insegna

la bambina nel desiderarla anche io

bambino. E i nonni felici dell'incanto

e il luogo dove si andava in groppa

all'asinello e il primo a sei anni

innamoramento (per Luciana

di Salerno). Atmosfere ora a entrare

nell'anima e nel cuore per rigenerazioni

quando si è persa l'innocenza.  

*

Alessia coglie i gelsomini

Candido profumo nell'interanimarsi

con lo spazio e il tempo e regna

la vittoria di ceste di fortuna.

Si aprono le porte della notte

e la finestra dà barlumi Alessia

rosavestita per la vita. E tutto resta

uguale al tempo di Mirta in vita.

E Mirta si è ammazzata e piange

Alessia sulla sua fotografia

accanto al cipresso che dice

di non avere paura in una goccia

di compassione lacrima di linfa. 

*

Alessia e la felicità

Tocca la felicità Alessia

tra le dita l'anello di Giovanni

platino a scendere nell'anima

di Alessia a rinfrescarla

e non ha paura Alessia.

Il campo di grano dell'amore

profano attende i fidanzati

per l'amore nel consecutivo

giugno e lui respirerà il suo

afrore e l'odore del sesso

di Alessia nel donarglielo.

 

*

Alessia e il bel presagio

Sole d'energia trasparente a irradiare

di Alessia di diciotto grammi l'anima

e sta infinitamente dopo la prima

volta con piacere e orgasmo senza

dolore e il presagio è buono per i prossimi

secondo natura amplessi

scritti sulla linea delle mani delle parole.

*

Alessia surfista sul’onda

Australiano sembiante per Alessia

e il mare dove ha messo gli occhi

mentre in bilico su surf affronta

alta come due palazzi l'onda

e non parla Alessia ragazza.

Guarda il cielo azzurrissimo

nell'intonarsi dello sguardo

dove era già stata e pensa a Mirta.

*

Alessia e la luna fiorevole

Luna fiorevole contemplata 

dal Parco Virgiliano

lucore fiorevole a interanimarsi

e Dio le cammina accanto Alessia

e la ferita per il suicidio

non si rimargina di Mirta.

Oh luna fa che Giovanni

non mi lasci

nella mano affilata il Rosario

e così esiste Alessia.

*

Mirta Requiem

Mi volevi bene, Amica Mirta,

più di una sorella e il giardino

della villa faro dove mi dicesti

che ero invidiato prima di cogliere

l'arancia. Requiem per in musica

di versi e il girone all'inferno

dei suicidi non esiste superata

la concezione medievale.

Suididio scemografico

(bella tu e la Reggia di Caserta.

*

Alessia attende il sonno

Poi nella cameretta porto Alessia

il sonno attende nel pregare

e la vita si fa attimo prima del

prealbare lucore a ridestarla.

Sonno simile alla morte e risorgerà

Alessia in limine all'esistere

e sarà una buona cosa nel ridere

felice nella gioia primeva

dell'esame superato e il ciclo

è venuto e non è incinta.

*

Alessia e la vigilia infinita

Tutto viene a chi sa aspettare 

(Alessia nella vigilia infinita)

prima di pregare e il cielo è azzurro

campita Alessia nella tinta.

Poi nuvole dipinte da Dio

per redenzioni ad ogni passo

prima di fare l'amore e prima

dell'interrogazione in matematica

ptima del suo afrore.

Poi prega Alessia la Vergine di maggio.

*

Alessia attende la vita intera

Atimo in lucore di luna 

e attende Alessia la vita

il luogo dell'albereto 

dove era già stata prima

dell'estasi controllata

nell'interanimarsi con

la luminosità a irradiare

di ragazza l'anima.

E sta infinitamente

attesa attesa attesa

ansia a stellarla dove

era già accaduto di un

orgasmo il prodigio

attesa attesa attesa

attesa attesa attesa

del prossimo letto.

*

Alessia prima di dormire

Non ha paura della notte ragazza Alessia

nell'interanimarsi con le stelle

e sta infinitamente. Buona è la notte

delle acque fredde del pozzo dell'anima

e se ne abbevera Alessia e si spoglia

e fa l'amore con Giovanni Alessia

e fuori piove acqua dal cielo

per rinascite di Alessia per un battesimo

dei frammenti della vita.

*

Aria fresca di seramaggio per Alessia

Aria fresca di maggio nell'interanimarsi

Alessia con il bianco delle farfalle in volo

e sta infinitamente Alessia ragazza

campita nell'azzurro prima delle nuvole

grandiose. Maggio e prega Alessia

di salvarsi in una vita intera sedici anni

contati come semi, Alessia dai seni rotondi

nello stringerla la vita e l'azzurro del lago

dell'anima trova pace nell'abbeverasrsi 

alle sue acque primeve Alessia ragazza.

*

Alessia non è incnta

Sono arrivate le cose sue con venti

di ritardo giorni, giorni del pianto.

Accende Alessia un cero alla Madonna

prima dell'Albergo camera 8 degli Angeli.

La chiesa azzurra e l'icona chiara

della Madonna misticismo naturale

di fuoco nell'attenderlo per

l'appuntamento e il lunario è nuovo.

Sparge la fragola Alessia.

 

*

Alessia tra i verdi del Parco Virgiliano

Campita ragazza Alessia nell'azzurrità

grano dei capelli e lampi azzurri degli occhi

nello scorgere tra i pini, il cipresso

e senza nome l'albero la pace dell'anima

ma non dei sensi e ha voglia Alessia

di fare l'amore la pelle a interanimarsi

con dell'erba la rugiada e poi sono

nella duale solitudine e Alessia lo prende

piacere creato da Dio e poi gli occhi

nell'orgasmo ad azzerarla.

*

Alessia attende lla fiorevole telefonata

Aria di maggio fresco dell'aria polita

del giardino di farfalle bianche

e tutto è pari all'azzurrità a campire

Alessia nell'infinito spazio e tempo

e attende Alessia la telefonata

tolta dalla tenda del letto e come

da torre di vedetta guarda il mare.

Poi si distende Alessia e il telefono

squilla. Alessia prima di dire pronto.

 

*

Notte d’incanti

Sotteso stellato a riemergerne l'anma

nell'interanimarmi con la polvere antica

modula lo sguardo la primavera privata

e luna ostia di platino in misticismo

natutale voluto da Dio,  notte, notte , notte

nel scrivere nel firmamento che si fa voce. 

*

Nostalgia di Mirta

Ti sei ammazzata per il tuo libero

arbitrio ma da quel nulla delle

tue ceneri qualcosa sporge

donna usa e getta per tanti.

Nella mistica notte tra gli angeli

e i morti ci sei anche tu, Mirta

non simulacro d'inesistenza

Mi dici Mirta di non avere paura

e sei vivissima ombra così bruna

e così donna e mi sorridi

nel tempo prima della felicità.. 

*

Tesse una musica

Tesse una musica il marino

fluire senza tempo, l'onda verde

che trasparente vola nella forma

di donna, di conchiglia che scolora

sulla spiaggia delle felici trame

ove nella tua notte posi l'ombra

tra la sabbia dei passi che riveli

un moto precedente di parole

presunto tra l'argento che ti sfiora

di una luna a pochi tiri

di sasso levigato dall'attesa.

*

Rinascita di Alessia

Dopo dieci giorni di lacrime 

a bagnare il cuscino del letto 

dell'amore sangue gemmante

a rossotingere di Alessia lo slip

(era solo un ritardo). Rinasce

Alessia come una donna

(16 anni contati come semi)

mentre il telefonino squilla

e lei gli dice: sono venute!!!

Felice Alessia ragazza pensa

che la prossima volta

staranno attenti.  

*

Alessia e il sole all’arenile di Bagnoli

Il posto è uno di quelli dove era

già stata e la felicità giunge per Alessia

da buone azioni ragazza Alessia

al colmo della grazia e l'Arenile

sorride ai vivi di Bagnoli dove

prende Alessia le rive del sole

sulla pelle e sta infinitamente

e Mirta così bruna e così donna

dopo il suicidio anima appare

ancora più bella di quando

aveva un corpo.

 

*

Alessia prima di mettersi a pregare

Passeggiata sul balcone a mezzanotte

e attende Alessia la preghiera

e si prepara scrivendo una poesia.

Poi nella cameretta porto prende

il Rosario e chiude gli occhi

e vede gli angeli e i morti

nell'interanimarsi con Dio

e trova pace sul filo dei giorni. 

*

Sole in Alessia

Poi nella corsa azzurra dell'anima

fino alla portineria arriva posta

per Alessia nell'interanimarsi

con un sole grandioso prima

che Dio dipinga nuvole e sta

infinitamente Alessia nell'ascoltare

la lezione del Maestro che le dice

di essere se stessa. Si prepara

all'amore senza peccato a 16 anni

e lui ha di nuovo chiesto il nero.

Sole esterno alla vita di Alessia

con Mirta e la Madonna accanto. 

*

Alessia si affida a Gesù e Maria

Sola nella cameretta porto sera

ad avvolgerla ragazza Alessia

e si affida a Gesù e Maria

per non essere lasciata da Giovanni

dopo avergliela data per la prima

volta e chiede alla Vergine

se ha fatto peccato  fare

l'amore a 16 anni.

La Madonna le sorride

e le dice: non ti lascerà.

*

Attesa della poetica telefonata di Alessia

Prima di dire pronto Alessia ragazza

in attesa dello squillo del telefono

ansia a stellarla e sta infinitamente

nell'interanimarsi con la sera

del condominiale giardino dei morti

i vivi e gli angeli a tessere tele di tramonto

e le vele il mare attraversano

nel lambirlo di fianco e di traverso

e nella porto cameretta Alessia

sta in mistica e terrena attesa

che telefoni lui. 

*

L’ultimo ombrello (alle vittime dell’Olocausto)

L'attesa del nero entra subito in scena

tra grida che erano umane tra i digiuni di pianto

senza più bandiera o percorrenza limbale.

Prima era il giardino: adesso eviti con l'ombrello

la tua fame e con esso ti libri verso

una morte annudata di nero, non vestita,

o con l'ombrello ti liberi dal male per volare.

Piangi tutti i pianti del mondo e tra poco

ti sarà tolto tra ultime liquide

lagrime anche il viatico.

*

Alessia interanimata ai raggi di stelle

Lucore di stelle a irradiare di 18

grammi di Alessia di ragazza l'anima

prima di pregare, prima di pregare

prima di pregare e la pianta dà gemme

verdetenero nella casa di Alessia

e tutto resta uguale e la pandemia

finirà e sarà gioia per i superstiti

nel chiaroscuro morale e Alessia

conosce il male ha baciato

appassionatemente Piero

e ha paura che lo sappia Giovanni.

Luna ostia di platino e alla Vergine

Alessia chiede se fa peccato

a fare tutto a 16 anni.

*

Alessia e la verde meraviglia

Primevo incanto oltre il linite

del tempo Alessia nel trasalire

nell'interanimarsi con il verde

della vita e non esistere nuotando.

Sottesa al cinque maggio 2021

e al termine della pandemia

vede Alessia che il ficus beniamino

ha dato gemme verdine e tenerissime

sembiante a specchiare iridata gioia.

*

Alessia e il 5 ,maggio 2021

Attende ragazza Alessia la fine

della pandemia e adesso

è il tempo prima della felicità.

I sogni nel decriptarne il senso

e maggio è mariano e tutta accade

una vita in un battito di ciglia

dello sguardo quando il tempo

si ferma e sta infinitamente

sospesa Alessia entrando

nel platino dei cancelli della notte

per fare l'amore secondo natura.

*

Alessia nella Villa Floridiana

Entra nel captare Alessia ragazza

l'odore di valeriana nella Villa Floridiana

Alessia al colmo della grazia gratis data

e sta infinitamente nell'interanimarsi

Alessia col sembiante iridato

dell'arcobaleno dopo la pioggia

sette tinte contate come semi

e le piante dai verdi da rinominare

e ne conta cento ragazza Alessia

fino al belvedere dell'anima sul mare.

*

Alessia vince nella vita

Poi nell'interanimarsi con l'aria

polita vince Alessia nella vita

(gli occhi di lui hanno detto: ti amo!!!).

Poi telefonerà stasera Alessia

a Mirta in Paradiso dopo il suo suicidio

e tu lettore sappi che questo è vero

e ora pregherà Alessia ad angolo

con la terra da abitare poeticamente.

*

Alessia verso il 3 maggio 2021

Silenzio di platino per Alessia ragazza

e ha fatto l'amore nell'albergo sul mare.

Prima di dire una sola parola

ci pensa bene Alessia a recuperarla

dal pozzo dell'anima e sta infinitamente.

I verdi delle piante e foglie d'alberi

a dare voci e tutto resta uguale

al tempo in cui Mirta aveva un corpo.

*

Il Mediterraneo e Alessia

Accende un cero alla Vergine

su del Mediterraneo il bordo Alessia

e prega Dio che Giovanni non la lasci

plenilunio sul mare luna ostia

di platino a comunicarsi con la natura

Alessia nell'infinito delle acque

tintadelfino da cavalcare

Alessia di vittoria amazzone.

sulla distesa a incresparsi.

*

Alessia non teme nessuna cosa

Poi rosavestita per la vita non teme

Alessia nessuna cosa in attesa

della telefonata dopo sogni belli.

Apre le porte a Dio Alessia

ed è fortissima dopo la preghiera

per Mirta una goccia di compassione

vera come di Giovanni l'amore.

*

A mio figlio

Giovane e forte dalla guida sportiva

affronti la vita e scaltro

m'insegni l'arte di disegnarla.

Eri bambino e ho seguito trepido

il tuo film. Sento in me stesso

la Voce di Dio e la tua voce, figlio.

Coltivo i verdi della fiducia

 ed è ogni giorno la festa degli uomini.

*

Alessia aspetta la telefonata

Ha bagnato di lacrime il cuscino

Alessia ragazza per la paura che

lui non telefoni alle 22. Sottesa

a Dio Alessia attende ansia

a sfibrarle l'anima poi h.22

squilla E' lui W la vita.

Allora non mi lascia

pensa Alessia i limine alla gioia

*

Alessia attende la telefonata

Rosa prealbare nella mente d'aurora

per Alessia nell'attendere lo squillo

del telefono (l'appuntamento

è a mezzogiorno.). Attende ragazza

Alessia e sta infinitamente.

Nel proteggere un sogno - verità

e Napoli ancora esiste. Resiste

Alessia nel deserto del giorno

e il silenzio è d'oro e la parola

d'argento nelle geografie dell'anima.

*

Versi smarriti

Si è acceso un cielo elettrico sopra i nostri

discorsi, la natura invernale dorme a poco a poco

in un mistico gioco tra le piante del cortile universitario.

Le linfe vagano di palo in frasca

nelle fanciulle intraviste in me che scrivo,

qualcosa di rotto si aggiusta

nella tinta della mia anima.

Luce di cielo voluta dal creatore

in grandi volute si spande nei corpi e nelle menti

di me e di te lontana. Quali fiori starai cogliendo

in questo momento magico

se tre chilometri a nord ci separano

e ti rivedo riemergere dal campo di gioco del letto?

Amarsi è dirsi quanto ci si vuole cambiando

dimensioni a noi e alle maree, soffrire e gioire

essere in un'altra vita solamente duale e nostra,

a ricercare conchiglie dal greto delle cose marine,

a fare di brina le parole e modellarle secondo

il tuo nome. 

 

*

Nell’invisibile tempo

La luna piena della sera che a lungo andare

corrode anche i corpi e li rigenera,

sentieri alberati nella mutevolezza del tempo

portano a scansioni vegetali gli occhi

nel rimirarne i margini di pini sparsi da una mano a caso,

se tu, fanciulla sposa, prendi i margini del tempo tra le dita

e la vita infinita diventa barlume

d'innocenza bianca.

La chiostra del tempo ci abbraccia e sta lì infinitamente

nei nostri sonni di sogni buoni che arrivano dal corpo

alle magiche movenze di una danza che non può finire,

poi tutta s'intravede la scena come in un cortile dell'infanzia

che ritorna nello sguardo stellare del figlio.

*

Tutto è passato

Tutto è passato in forma di rondine migrata

oltre tremila azzurri d'oltremare, il cielo vecchio

si è consumato in banda fluorescente di colore,

panno smesso per accedere alla favola.

Vedi venire gli uomini e le donne da arcane

provenienze luminose, antri subacquei

per fare nuovo il mare

e il fiore d'erba ti saluta allo sguardo di bambina

rapita dal tempo dello specchio.

Tutto è passato, gli indumenti dell'amore

ti danno nuova forma, adesso smessi sulla sedia,

la madia del tuo pane nella camera

aspetta nuovi gesti per ricomporsi d'aurora.