chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Stefano Amadei
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Insuperabile!

Insuperabile!

 

Suona già la campanella

di scuola il primo giorno

con indosso la cartella

ti guardavi tutt’intorno.

Giorni meravigliosi

ti portaron a surfare

tra le onde e i marosi

della conoscenza il mare.

Saltellando allegramente

compiti e interrogazioni

superavi bellamente

senza troppe esitazioni.

Complimenti per davvero

per il grande risultato

voglio essere sincero

molto, molto meritato!

E’ finita la lezione

nulla resta da studiare.

Ora come il Sol leone,

forza, è ora di brillare!

 

Dedicata a mio fratello Andrea laureato 110 e Lode

*

’Na Malatia - (Dialetto Varesino)

‘Na malatia - (Dialetto Varesino)

 

Al me om gh'a fai 'na bela malatia

da fa 'l giardin, gh'a rid a drè tuta la via:

i zuchin gh'han fai duma i fiür

par catà i curnett i vesp l'han fai cür

quand l'è nai a ciapà l'uga

l'è 'nciampà su la tartaruga.

Anc al prà al par ribelass

l'erba grama vor mia fermass.

Da vert mi credi ca gh'ha duma

i pomm ca la grandin gh'ha murelà

 

Versione Italiana

 

Una Malattia

 

Mio marito ha una bella malattia

di fare il giardino: gli ride dietro tutta la via:

le zucchine gli ha fatto solo i fiori

per prendere i cornetti le vespe l'ha fatto correre

quando è andato a cogliere l'uva

è inciampato nella tartaruga.

Anche il prato par ribellarsi

l'erba grama non vuol fermarsi.

Di verde credo che abbia soltanto

i pomodori che la grandine gli ha segnato.

*

Gh’ho ’na dona... - Dialetto Varesino

GH’HO ‘NA DONA...

 

Gh’ho ‘na dona, che disperaziün:

Tutt i dì la stessa canzün!

 

Gh’ho ‘na dona, ma fa disperà:

Tutt i dì l’è ‘n gesa a pregà!

 

Gh’ho ‘na dona, ma fa disperà:

Neti cà, ghe fo da mangià!

 

Gh’ho ‘na dona, che disperaziün:

Anca a lècc la par un matün!

 

Ti te vôret la verità?

Sposas no, par carità!

 

Versione Italiana

 

 

HO UNA MOGLIE...

 

 

 

Ho una moglie, che disperazione:

 

Tutti i giorni la stessa canzone!

 

 

 

Ho una moglie, mi fa disperare:

 

Tutti i giorni è in chiesa a pregare!

 

 

 

Ho una moglie, mi fa disperare:

 

Pulisco casa, faccio da mangiare!

 

 

 

Ho una moglie, che disperazione:

 

Anche a letto sembra un mattone!

 

 

 

Vuoi sapere la verità?

 

Non sposarti, per carità!

 

 

*

Al Scir Bonaventura Pizzicagn - (Dialetto Varesino)

AL SCIUR BONAVENTURA PIZZICAGN - (Dialetto Varesino)

 

Chi cumincia l’aventura

Dal Sciür Bonaventura

Che p’ai cunt far quadrà

Al ghe tuca lavurà

 

Va la gent dal pizzicagn,

ciapan tutt, fin i lasagn,

l’è con questa confusion

che succede la question.

 

Da la porta, là, un basòtt,

ràtt, al scapa cunt filott

de salzizz in t’à la via

curgh’a drè, mamma mia!

 

Al Sciür Bonaventura,

al cür tutt de premura,

a fermar quel ladar can

de ripien de bon pan.

 

Al Marchès de Milvünsold

Gh’ha fermà al manigold:

“’N do ti sèvat, por Quattrin:

Ta cercavi par benin!”

 

Ma chi l’è quel pizzicagn

Che ta cür a drè me ‘n ragn?

Al me can l’ha ritrovà

Ma ‘l veniva a repurtà!”

 

E t’ha anca ben sfamà:

al va ben compensà.

Bon omm, da bum,

Va regali un bel miliun!”

 

Versione Italiana

 

 

IL SIGNOR BONAVENTURA PIZZICAGNOLO

 

 

 

Qui comincia l’avventura

 

del Signor Bonaventura

 

Che per far quadrare i conti

 

Deve per forza lavorare.

 

 

 

Va la gente dal pizzicagnolo,

 

comprano tutto, anche le lasagne,

 

è con questa confusione

 

che succede la questione.

 

 

Dalla porta, là, un bassotto,

svelto, scappa con un filotto

di salsicce per la via

corrigli dietro, mamma mia!

 

Il signor Bonaventura,

corre con gran premura,

a fermare quel ladro cane

di ripieno di buon pane.

 

Il Marchese di Milleunsoldo

ha fermato il manigoldo:

“’Ma dov’eri, pover Quattrino:

ti cercavo per benino!”

 

Ma chi è quel pizzicagnolo

Che ti corre dietro come un ragno?

Il mio cane ha ritrovato

me lo veniva a riportare!”

 

E t’ha anche ben sfamato:

va ben ricompensato.

Buon uomo, ecco qui,

Vi regalo un bel milione!”

*

Quel che faccio

Strano vi potrà sembrare
amo scrivere novelle
per il gusto di donare
quelle fiabe mie più belle
ai bambini d'ogni dove;
raccontare indovinelli
filastrocche; riportare
al cuor momenti belli
e tornare sì a giocare
assieme a veri amici:
spensierati, divertiti,
mille corse con le bici
nei giardini rifioriti.
Della vostra fantasia
vi rivoglio fare dono
e lasciare ch'essa sia
il più ricco e saggio trono.