Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 329 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 11 19:42:06 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Favolette e Favolacce

Argomento: Cinema

di Martina Dell’Annunziata
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/05/2020 22:47:22

 Favolacce, di Damiano e Fabio d'Innocenzo.

 

Il titolo è pasoliniano, il contesto non è più quello dei ragazzacci della periferia romana in cui ci aveva catapultato La terra dell’abbastanza (2018), opera d'esordio dei fratelli D'Innocenzo.

Siamo fra le villette a schiera e le colorate dépendances di un quartiere residenziale (si tratta di Spinaceto?), metafora di una condizione di media agiatezza in cui si svolge, apparentemente serena, la vita familiare di una borghesia decadente.

 Così, Bruno (Elio Germano), padre di famiglia che ha perso il lavoro, cerca di occupare il suo tempo sospeso senza rinunciare a vizi e capricci di un tenore di vita che forse non potrebbe più permettersi, provando a soddisfare alla bell’e meglio le sue voglie (tragicamente grottesca la scena del bagno in giardino, nelle acque torbide di una piscina gonfiabile aperta a tutto il vicinato), in cui vanità e pezzenteria, illusione e disperazione finiscono per confondersi. In questo mondo di adulti esasperati e bestiali, si muovono impassibili i bambini, più saggi perché più colti, silenziosi osservatori delle manie e delle ossessioni dei propri genitori, figure sclerotiche tipizzate fino al parossismo.

 Favolacce è soprattutto un tentativo di demistificazione: la preadolescenza dei piccoli protagonisti di questa storia – ispirata ad “una storia falsa poco ispirata”, ma certamente realistica – non è l’età del sogno e dell’incantamento, bensì il momento, forse l’unico della vita, in cui è possibile vedere le cose così come sono, "prodigio" concesso da una libertà e da una purezza dello sguardo destinate a perdersi nel gioco delle parti cui l’ingresso in società condanna. 

Un film volutamente disturbante, che di favolistico conserva la tersità dei colori, la bellezza nostalgica delle ambientazioni, la precisione della fotografia in cui il volto umano è catturato in una smorfia di dolore, in un sorriso isterico, nella fissità di un pensiero. La narrazione scorre misurata attorno ad un doppio punto di vista - quello fanciullesco di Alessia, “autrice” di un diario-manoscritto fortuitamente ritrovato, e quello adulto della voce narrante (Max Tortora) che ne racconta, pagina dopo pagina, le vicende - e ne conserva fino alla fine l’equilibrio, per poi chiudersi in una struttura circolare che sembra voler riflettere la sostanza stessa, ineluttabile, pessimistica, degli eventi.

 Tutto quel che si è raccontato, certo, era già scritto. Eppure, il diario di Alessia conserva ancora delle pagine bianche.

 

***

MD


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martina Dell’Annunziata, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martina Dell’Annunziata, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Ripeness is all. Note su Cesare Pavese (Pubblicato il 07/08/2020 14:30:55 - visite: 64) »

:: [ Arte ] Vincent Van Gogh: sulla soglia dell’eternità (Pubblicato il 30/07/2020 11:23:07 - visite: 43) »

:: [ Cinema ] The Imitation game: un omaggio ad Alan Turing (Pubblicato il 30/06/2020 11:48:09 - visite: 50) »

:: [ Cinema ] Diario di un maestro di Vittorio De Seta (Pubblicato il 11/06/2020 15:52:35 - visite: 180) »

:: [ Cinema ] Prova d’orchestra di Federico Fellini (Pubblicato il 05/06/2020 19:18:05 - visite: 121) »

:: [ Letteratura ] Le voci di dentro di Eduardo De Filippo (Pubblicato il 25/05/2020 16:28:56 - visite: 125) »

:: [ Cinema ] Il racconto dei racconti (Pubblicato il 20/05/2020 15:40:52 - visite: 58) »

:: [ Letteratura ] La sindorme di Oderisi da Gubbio (Pubblicato il 29/03/2020 15:13:56 - visite: 141) »

:: [ Letteratura ] Come quei che porta il lume dietro e sé non giova (Pubblicato il 27/03/2020 16:44:31 - visite: 260) »

:: [ Arte ] Il maledetto Modigliani (Pubblicato il 25/01/2020 15:42:33 - visite: 407) »