Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 271 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 28 16:46:37 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Diario di un maestro di Vittorio De Seta

Argomento: Cinema

di Martina Dell’Annunziata
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/06/2020 15:52:35

“La sua è una classe di risulta”, asserisce con convinzione la vicedirettrice all'arrivo del giovane maestro Bruno D’Angelo. Nel quartiere romano di Tiburtino Terzo la scuola, squallida e sporca, assomiglia ad una prigione mandamentale. Si dettano regole, si rispettano pedissequamente le procedure burocratiche, ma persino fra gli insegnanti regnano disordine e rassegnazione. Neppure sono incoraggianti le prime impressioni avute in classe, a lezione, nella quinta elementare che gli è stata assegnata. Gli studenti appaiono svogliati, pronti all’insulto e alla lite, disinteressati ad ogni argomento che, nel migliore dei casi, è rimasticato goffamente e ripetuto a memoria. La sfida che il maestro è chiamato ad affrontare non può essere che questa: salvare i suoi piccoli alunni dalla dispersione.

Ma come superare la percezione che la scuola, con i suoi astratti insegnamenti, con i suoi maestri indifferenti, sia del tutto estranea alla vita? Senza esitare a prendersi qualche rischio col direttore, Bruno D’Angelo si dimostrerà formidabile nell’impresa di ribaltare i rigidi schemi imposti dalla verticalità del rapporto allievo-maestro (emblematica, ad esempio, la riutilizzazione della cattedra come libreria), per andare alla ricerca dei ragazzi non frequentanti e delle loro famiglie, perseguendo il solo obiettivo di dare sostanza ad un’autentica comunità umana, senza autoritarismo né competizione.

Diario di un maestro (1973) di Vittorio De Seta è un capolavoro immeritatamente dimenticato. Ispirato all’opera autobiografica di Albino Bernardini, Un anno a Pietralata (1968), il film-documentario registra l’esperienza del costituirsi di una scuola che non è pensata per accogliere solo “i figli dei dottori”, bensì per porsi come antidoto e come lotta contro la sensazione di sentirsi ai margini, di credersi meno di quel che si è. Per questo "maestro di strada" un bambino non è un problema didattico, ma un patrimonio di istinti, di interessi e di slanci che la routine scolastica troppo spesso rinnega.

La scuola descritta da De Seta e Bernardini è la scuola che combatte contro i rischi della regressione. E non possiamo che sorridere, fors'anche amaramente, di fronte ad una scena che sembra parlarci dal passato: quella in cui il maestro D'Angelo, aiutato dai suoi alunni, fissa una cabina di plexiglas in aula. Per farne insieme un vivaio di lucertole.

 

***

MD


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martina Dell’Annunziata, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martina Dell’Annunziata, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] L’ isolitudine di Gesualdo Bufalino (Pubblicato il 07/11/2020 23:42:06 - visite: 370) »

:: [ Letteratura ] La resistenza gentile di William Stoner (Pubblicato il 12/10/2020 12:11:23 - visite: 323) »

:: [ Letteratura ] Ripeness is all. Note su Cesare Pavese (Pubblicato il 07/08/2020 14:30:55 - visite: 311) »

:: [ Arte ] Vincent Van Gogh: sulla soglia dell’eternità (Pubblicato il 30/07/2020 11:23:07 - visite: 82) »

:: [ Cinema ] The Imitation game: un omaggio ad Alan Turing (Pubblicato il 30/06/2020 11:48:09 - visite: 91) »

:: [ Cinema ] Prova d’orchestra di Federico Fellini (Pubblicato il 05/06/2020 19:18:05 - visite: 165) »

:: [ Letteratura ] Le voci di dentro di Eduardo De Filippo (Pubblicato il 25/05/2020 16:28:56 - visite: 181) »

:: [ Cinema ] Il racconto dei racconti (Pubblicato il 20/05/2020 15:40:52 - visite: 83) »

:: [ Cinema ] Favolette e Favolacce (Pubblicato il 17/05/2020 22:47:22 - visite: 399) »

:: [ Letteratura ] La sindorme di Oderisi da Gubbio (Pubblicato il 29/03/2020 15:13:56 - visite: 207) »