Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 21 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 7 01:08:12 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

The Imitation game: l’omaggio ad Alan Turing

Argomento: Cinema

di Martina Dell’Annunziata
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/06/2020 11:48:09

La vicenda intellettuale e biografica di Alan Turing (Londra, 23 giugno 1912 – Manchester, 7 giugno 1954) sembra essere inscritta nel segno della brevità. Non soltanto a motivo del fatto che la sua esistenza s'interruppe precocemente, a soli 41 anni, forse stroncata, come in una fiaba senza lieto fine, dal morso di una mela avvelenata. Il matematico britannico aveva dato prova di un acutissimo ingegno fin da bambino, quando l'incontro con Christopher, suo compagno di scuola, si rivelò l'occasione fortunata per la nascita di una passione duratura - quella per la matematica - e di un legame intenso destinato a lasciare una traccia profonda nell'animo di Alan. La morte prematura di Christopher fu il primo drammatico scontro con la tirannia del tempo che tutto divora, talvolta mangiando i suoi figli con una tale voracità da anticipare se stesso.

 Non è detto che Turing non abbia poi trovato proprio nelle astratte regioni del calcolo e della logica una stabile rocca in cui acquietarsi contro il fluire incontrollabile delle cose. Certo è che la matematica fu una fortezza anche per la civiltà europea minacciata dal giogo nazista durante la seconda guerra mondiale. Senza il sistema di decriptazione messo a punto da Turing non sarebbe stato possibile decodificare "Enigma", il linguaggio in codice utilizzato dai tedeschi per lo scambio di informazioni durante le azioni militari.

Nel film di Morten Tyldum, The Imitation game (2014), dedicato alla straordinaria figura del matematico inglese, Alan Turing è presentato, e non a torto, come uno dei "vincitori" della seconda guerra mondiale. Le sue geniali intuizioni non solo consentirono di rispondere ad un problema cruciale di ordine logico, ma anche di giungere alla soluzione nel modo più intelligente e veloce possibile, in una vera e propria corsa contro il tempo. Il biopic, tratto dalla biografia di Andrew Hodges, attraversa la vita dello scienziato concedendosi qualche libertà narrativa e contando sulla presenza di un eccezionale interprete come Benedict Cumberbatch, che mette in scena un Alan Turing visionario e tormentato, la cui storia è ricostruita a poco a poco per salti in avanti e flashback. Ne viene fuori l'immagine di un uomo audace e sorprendentemente sensibile, "suicidato" dalla società e dal pregiudizio della "diversità" omosessuale.

Un doveroso tributo a Turing e a tutti gli outsider della terra.

 

***

MD


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martina Dell’Annunziata, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martina Dell’Annunziata, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] Diario di un maestro di Vittorio De Seta (Pubblicato il 11/06/2020 15:52:35 - visite: 110) »

:: [ Cinema ] Prova d’orchestra di Federico Fellini (Pubblicato il 05/06/2020 19:18:05 - visite: 97) »

:: [ Letteratura ] Le voci di dentro di Eduardo De Filippo (Pubblicato il 25/05/2020 16:28:56 - visite: 106) »

:: [ Cinema ] Favolette e Favolacce (Pubblicato il 17/05/2020 22:47:22 - visite: 265) »

:: [ Letteratura ] La sindorme di Oderisi da Gubbio (Pubblicato il 29/03/2020 15:13:56 - visite: 118) »

:: [ Letteratura ] Come quei che porta il lume dietro e sé non giova (Pubblicato il 27/03/2020 16:44:31 - visite: 220) »

:: [ Arte ] Il maledetto Modigliani (Pubblicato il 25/01/2020 15:42:33 - visite: 326) »

:: [ Poesia ] Piste ulteriori per oggetti dirottati di P. P. Del Giudice (Pubblicato il 28/10/2019 13:23:57 - visite: 633) »

:: [ Filosofia ] Un’autobiografia in forma di critica (Pubblicato il 24/08/2019 18:59:31 - visite: 306) »

:: [ Arte ] Ancora vita. La pittura di Giorgio Morandi (Pubblicato il 01/07/2019 20:41:11 - visite: 262) »