Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 283 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 31 16:58:20 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La resistenza gentile di William Stoner

Argomento: Letteratura

di Martina Dell’Annunziata
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/10/2020 12:11:23

John Williams, Stoner, Fazi Editore, 2012, pp. 332  

 

Non c'è nulla di straordinario nella vita di William Stoner. Nessuno sconvolgimento, nessun cambio di rotta, nessun imprevedibile colpo di scena. La sua esistenza grigia e monotona è attraversata da una necessità ineluttabile e scorre inerte come il movimento di un oggetto lanciato nel vuoto. È impossibile non provare una rabbia istintiva - sebbene mista ad un senso di spontanea compassione - per la pacatezza con cui l'umile professore, protagonista del più celebre romanzo di John Williams, sopporta le piccole e grandi ingiustizie subite durante la sua carriera accademica ed assiste al fallimento della sua vita coniugale. Ma poi, pagina dopo pagina, quel sentimento di riprovazione che si insinua da principio nel lettore inizierà gradualmente ad addolcirsi, fino a convertirsi in una convinta ammirazione per quella forma di resistenza gentile, benevola e duratura, alle avversità della vita che si cela dietro l'atteggiamento apparentemente dimesso di Stoner. E per questa ragione non possiamo che perdonarlo, mentre scopriamo con una chiarezza che viene con gli anni, e che Stoner mostra di possedere da sempre per dono naturale, che ciò che più di ogni altra cosa rende integra e straordinaria l'esistenza di un uomo qualunque è la capacità di restare fedele a se stesso.

 Arriva per tutti un momento in cui la vita sembra concentrarsi in un punto e costringerci al compimento di una scelta determinante, in cui è in gioco la definizione stessa del nostro essere. Cosa voglio diventare da grande? Per cosa vale la pena di vivere? Questo momento si presenta a Stoner quasi per caso, durante una lezione che ha a che fare poco o nulla con i suoi studi di Agraria. Eppure, la lettura di un sonetto di Shakespeare, un inno all'autunno, al crepuscolo, ad un amore sfiorito, consente all'ancora giovane studente di trovare se stesso, per la prima volta e definitivamente. L'incontro con la poesia è folgorante ed è forse l'evento fondativo della vita di Stoner. Pertanto, la scelta di dedicarsi, come studente prima e come professore poi, a quella 'necessaria menzogna' che è la Letteratura è ciò che gli permetterà realmente di compiersi come uomo.

 La possibilità di rinnovare ogni giorno la fedeltà ad un patto stipulato tacitamente tra sé e sé, ossia di tornare sempre a reimmergersi nei suoi libri, assicura a Stoner uno spazio di quiete in cui recuperare un rapporto autentico con la propria interiorità ed apprendere l'arte di dominare le passioni violente, al riparo da una guerra combattuta sullo sfondo e dentro le mura domestiche. Così, sentendo la morte prendere a poco a poco dimora nel suo corpo, William Stoner saprà accoglierla con animo altrettanto sereno e farle posto come si accoglie un amico che abbiamo imparato ad attendere.

 

***

Martina Dell'Annunziata


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martina Dell’Annunziata, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martina Dell’Annunziata, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Ripeness is all. Note su Cesare Pavese (Pubblicato il 07/08/2020 14:30:55 - visite: 249) »

:: [ Arte ] Vincent Van Gogh: sulla soglia dell’eternità (Pubblicato il 30/07/2020 11:23:07 - visite: 76) »

:: [ Cinema ] The Imitation game: un omaggio ad Alan Turing (Pubblicato il 30/06/2020 11:48:09 - visite: 84) »

:: [ Cinema ] Diario di un maestro di Vittorio De Seta (Pubblicato il 11/06/2020 15:52:35 - visite: 244) »

:: [ Cinema ] Prova d’orchestra di Federico Fellini (Pubblicato il 05/06/2020 19:18:05 - visite: 150) »

:: [ Letteratura ] Le voci di dentro di Eduardo De Filippo (Pubblicato il 25/05/2020 16:28:56 - visite: 165) »

:: [ Cinema ] Il racconto dei racconti (Pubblicato il 20/05/2020 15:40:52 - visite: 76) »

:: [ Cinema ] Favolette e Favolacce (Pubblicato il 17/05/2020 22:47:22 - visite: 383) »

:: [ Letteratura ] La sindorme di Oderisi da Gubbio (Pubblicato il 29/03/2020 15:13:56 - visite: 181) »

:: [ Letteratura ] Come quei che porta il lume dietro e sé non giova (Pubblicato il 27/03/2020 16:44:31 - visite: 329) »