:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 372 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 13 17:48:00 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La ’giustizia sportiva’ e... l’illiceità della previdenza!

Argomento: Giurisprudenza

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/10/2020 21:52:38

LA "GIUSTIZIA" SPORTIVA E... L'ILLICEITA' DELLA PREVIDENZA! Di Pasquale D'Aiuto, Avvocato. Quindici ottobre venti venti. Non ho potuto non leggere la stesura integrale della decisione del giudice sportivo sul caso Juve-Napoli. Ebbene, essa mi sembra risibile. Scritta male, argomentata peggio. Secondo questo paper (che definire "provvedimento" o, addirittura, "sentenza" è surreale, persino per un mediocre studente in Legge al primo anno), nel suo punto focale, "...Solo successivamente, ed in particolare con i chiarimenti da ultimo forniti dalla ASL NA2 il giorno 4 ottobre 2020 alle ore 14.13, il quadro diveniva all’evidenza difficilmente compatibile con la trasferta a Torino, e l’ “ordine dell’Autorità” assumeva valenza incidente e connotati prescrittivi chiari; quando però, ai fini della valutazione della forza maggiore ex art. 55 NOIF, la “prestazione” sportiva da parte della Soc. Napoli (che fin dalla sera precedente aveva proceduto a disdire il viaggio aereo programmato con apposito charter) era nel frattempo oggettivamente divenuta di suo impossibile, anche sotto il profilo logistico-organizzativo, avendovi da tempo la Società rinunciato". Dunque, parafrasando, il Napoli non poteva, effettivamente, rispettare il Protocollo Covid per il Calcio Professionistico perché non poteva giocare quella partita. Però è colpevole di averlo capito PRIMA. Cioè, la sua responsabilità è quella di aver interpretato, sin da subito, BENE (!) il volere dell'ASL, vale a dire sin dalle sue prime note formali - che, con un tecnicismo invidiabile, sono definite "i primi segnali dell'Autorità" - e di aver, conseguentemente, rinunciato alla trasferta ancor prima che l'Ente si esprimesse con la "chiarificatrice" (per il giudice) disposizione del 4.10 alle ore 14.13. Avete capito correttamente: il Napoli aveva ragione ma... lo ha scoperto troppo presto! E, per questo, deve essere punito. Il giudice applica male il seguente principio di diritto: "Il contraente ha l'onere di controllare la propria attitudine all'adempimento delle obbligazioni assunte: ne consegue che egli è senz'altro in colpa ove contragga, senza avere la consapevolezza, in base alla comune diligenza, di poter mantenere gli impegni assunti e può invocare l'esonero da responsabilità solo per quei fatti che non erano superabili o non erano affatto prevedibili (Cass. 04/04/1979, n. 1950; 07/01/1970, n. 44)". Lo applica male perché - sempre secondo la mia modesta opinione - al momento dell'obbligazione, contratta all'iscrizione al campionato e perpetuata con l'adesione al protocollo, il Napoli non poteva prevedere che l'ASL (che, fino a prova contraria, gestisce la nostra salute), lo avrebbe fermato in occasione della trasferta di Torino (che è seguente alla partita con il Genoa pluri-infetto, ricordiamolo!). Oppure, ragionando per assurdo, se anche l'avesse potuto prevedere all'iscrizione al torneo, comunque non avrebbe mai avuto facoltà di volare a Torino senza violare disposizioni normative a tutela - mai come adesso! - del fondamentale diritto alla Salute (art. 32 Cost.). Ecco perché la decisione è assurda, logicamente prima che giuridicamente. E vi dico anche dove ha reperito la giurisprudenza di cui ha stravolto il senso (cfr. primo commento): il caso è totalmente diverso. Buona lettura. E salute a noi.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Non è l’amore, ma l’invidia il sentimento più umano. (Pubblicato il 24/03/2021 14:27:35 - visite: 256) »

:: [ Società ] La sensazionale intuizione dell’arbitro Orsato – (Pubblicato il 07/03/2021 03:20:03 - visite: 283) »

:: [ Società ] Come stai? Stiamo tutti allo stesso modo. (Pubblicato il 27/02/2021 18:49:40 - visite: 366) »

:: [ Letteratura ] Quel che vorrei per il mio compleanno. (Pubblicato il 23/02/2021 09:43:53 - visite: 385) »

:: [ Letteratura ] Buon lavoro Cartabia. Sia una giustizia umana. (Pubblicato il 13/02/2021 12:28:20 - visite: 334) »

:: [ Letteratura ] Se ci vuole Un posto al sole per vedere un avvocato... (Pubblicato il 07/02/2021 17:41:58 - visite: 355) »

:: [ Società ] Occam ci chiamerebbe sudditi. (Pubblicato il 03/02/2021 16:30:53 - visite: 458) »

:: [ Società ] Augias e lo spam. Se la solitudine vanifica la cultura. (Pubblicato il 31/01/2021 12:04:12 - visite: 308) »

:: [ Letteratura ] Se i fotografi non sanno fare le foto (ma si ostinano). (Pubblicato il 26/01/2021 21:35:56 - visite: 228) »

:: [ Società ] Perché non usiamo i marciapiedi? (Pubblicato il 24/01/2021 11:48:12 - visite: 376) »