Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 63 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Feb 22 17:51:44 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Saggezza, interiorità e cura dei disturbi psichiatrici

Argomento: Filosofia/Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/12/2020 12:40:35

Guido Brunetti

Saggezza, interiorità e cura dei disturbi psichiatrici

 

Introduzione

Preliminarmente, dobbiamo precisare che la saggezza è differente dalla sapienza, e  che il suo significato varia in base alle teorie. Si tratta di un percorso di introspezione, analisi e autoanalisi, e conoscenza, sempre legato al senso di umanità, una qualità che si nutre di ragione e intelligenza, moderazione ed equilibrio.

 

Concetto di saggezza

La saggezza è distinta dalla sapienza, che è il possesso di conoscenza, un sapere acquisito con lo studio e l'esperienza. Nella Bibbia, la sapienza è considerata "un'emanazione della potenza di Dio", che risiede negli uomini "non abituati al male". Saggio può essere anche chi possiede limitate conoscenza e il sapiente può anche non essere saggio.

La saggezza ha una dimensione etica, è l'arte di "condursi" nella vita- afferma il grande psichiatra Eugenio Borgna nel suo nuovo libro "Saggezza" (il Mulino)- per conseguire quello che ci si prefigge come ideale morale. L'istanza etica è alla base della conoscenza di noi stessi e degli altri. E' poi un elemento importante nella cura dei disturbi psichiatrici.

Il concetto di saggezza varia in base alle teorie filosofiche. E' apatia e tranquillità dell'animo per gli stoici; atarassia per l'epicureismo; coraggio per Orazio; amore per il cristianesimo; entità etica per Kant, presenza di Dio per Kierkegaard; umiltà per Eliot.

 

Nella cura della sofferenza

Certamente, non è facile conoscersi, né conoscere gli altri, soprattutto chi soffre o è ammalato. Anzitutto, occorre scegliere le parole giuste, quelle che non feriscono, ma che fanno del bene. Il rischio è quello di usare comportamenti e parole che "generano" ferite, le quali non si "cicatrizzano più".

In psichiatria, i farmaci- precisa Borgna- non bastano. A venirci incontro è proprio la saggezza attraverso l'umanità, la gentilezza e la capacità di trovare le parole che "curano". E' la saggezza, questa "fragile e impalpabile somma di ragione e intelligenza, di intuizione e immaginazione, moderazione e mediazione" a scoprire le parole che "salvano" e abbattono le barriere del mal di vivere.

 

La saggezza come conoscenza di se stessi e degli altri

Valgono dunque le parole che si dicono, ma anche il modo in cui si dicono e il tono della voce. Ci sono voci gentili e voci sgarbate, voci rispettose, sommesse, educate e voci "gridate". aggressive e rozze.

Nella cura dei disturbi psichiatrici, è necessario anche "ascoltare" le parole dei pazienti, quello che le parole dicono e non possono dire. Dobbiamo interpretare e ascoltare il "silenzio" del paziente, quel silenzio che ha in sé "un valore terapeutico", poiché il silenzio esprime infiniti orizzonti di senso: si manifesta e si nasconde, compare e scompare, si avvicina e si allontana, affascina e atterrisce.

La saggezza è anche prestare attenzione nei rapporti con se stessi e gli altri. E' la capacità di rientrare nel proprio io e distaccarsi da sé, cercando di moderare le emozioni, le quali rivestono un ruolo importante nella vita ferita  dalla sofferenza e dalla malattia. Sono rivelatrici del senso e del destino dell'uomo. Fanno parte della sofferenza psichica, rivelando inquietudine e tristezza, angoscia e depressione, deliri e allucinazioni. Siamo chiamati insomma a "decifrare" cosa si nasconde nelle emozioni dei pazienti.

 

Il linguaggio degli occhi

In questo percorso di analisi, si rivela essenziale anche il linguaggio degli occhi, dei volti, degli sguardi, del sorriso e delle lacrime. E' il linguaggio del dolore, della tristezza e dell'angoscia. Gli occhi sono l'espressione della dimensione più profonda delle persone, perché consentono- precisa Borgna- di "scendere" negli abissi della nostra interiorità, là dove, come dice sant' Agostino abita la verità (In interiore homine habitat veritas).

Conoscenza delle terre incognite della ragione, delle emozioni, sentimenti, passioni. Dialogo con la nostra interiorità. Alla fine, possiamo scoprire che la saggezza è virtù, una qualità che determina ciò che è bene e ciò che è male. E' condotta di vita razionale che apre orizzonti di senso "sconfinati".

 

L'etica della saggezza

La questone della saggezza, in verità, può essere considerata, come concorda anche Schopenhauer, l'arte di vivere in modo piacevole e felice, orientando la propria vita secondo criteri di moderazione, adattando cioè il proprio comportamento alle esigenze, alle attese e alle speranze delle persone che la vita ci fa incontrare. E' l'etica della saggezza, che consiste nella disposizione a scegliere il bene e a evitare il male. In questo senso, essa ha una finzione "maieutica" di ascolto, di attenzione e di analisi degli stati d'animo, delle emozioni e del malessere esistenziale.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Scienza ] Moralità e coscienza nell’ uomo e negli animali (Pubblicato il 09/01/2021 09:07:25 - visite: 69) »

:: [ Letteratura ] I grandi scrittori della letteratura. Dostoevskij e Tolstoj (Pubblicato il 29/12/2020 18:06:28 - visite: 91) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Riflessioni sulla condizione umana (Pubblicato il 30/11/2020 18:09:39 - visite: 78) »

:: [ Letteratura ] La donna angelicata (Pubblicato il 28/11/2020 09:14:01 - visite: 85) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Una postmodernità misologa (Pubblicato il 16/11/2020 18:25:50 - visite: 81) »

:: [ Scienza ] Guido Brunetti autore di neuroscienze (Pubblicato il 14/11/2020 17:47:20 - visite: 247) »

:: [ Filosofia/Scienza ] L’ombra più dolce. L’uomo e il cane (Pubblicato il 11/11/2020 15:44:02 - visite: 81) »