Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 313 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jan 20 03:40:12 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Se lo Stato sapesse davvero comunicare.

Argomento: Letteratura

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/12/2020 17:43:38

Di Pasquale D’Aiuto, Avvocato. Ventitré dicembre ventiventi L’altro giorno, un caro amico mi ha passato un video. Si vede una famiglia lieta, in una casa addobbata per Natale, scambiarsi i regali. Grandi abbracci, colori vividi, sottofondo musicale a tema. Tutti felici tranne il nonno, a dire il vero letteralmente affranto, svuotato, accasciato sul divano. All’improvviso, un lampo di genio e consapevolezza negli occhi del nipote: si avvicina all’anziano e gli porge un regalo! Non sembra qualcosa di voluminoso ma, quel che è certo, causa una reazione addirittura commossa dell’avo; quindi, ti aspetteresti una foto della nonna premorta o qualcosa di simile. Invece, no: la regia indugia sul tenero abbraccio tra i due e poi, proprio alla fine, illustra – finalmente! – il tanto gradito presente. Che è una card contenente l’abbonamento a PornHub. Penso anche alle campagne, sempre attuali e mai banali, divertentissime, di Taffo, lo schiattamuorto intelligente, ironico ma anche sensibile – a proposito: crematemi con loro, please. Tra cent'anni, s'intende. e quindi: porno, morte e funerali; complimenti, siete riusciti a sdoganarli! A dire il vero, ricordo anche un’altra pubblicità, per associazione di idee: Rocco Siffredi, in vestaglia da casa, che sgranocchia chips ammiccando alla telecamera, con lo sguardo di chi la sa lunga. Slogan: “La patatina tira”. Funziona. Eppure, il buon Rocco non dice proprio nulla. Eppure, sarà costata due lire. Obiettivo: prendere un “impresentabile” con il dono dello stile e reclamizzare, in modo originale, un prodotto… tutt’altro che originale. Raggiunto. Poi, purtroppo, inevitabilmente il pensiero corre alla campagna di sensibilizzazione di qualche anno fa in favore del “Fertility day” – e già il nome faceva rabbrividire: ricorderete come la Lorenzin permise che venisse diffusa la doppia immagine di tizi bianchi e sorridenti (simbolo delle buoni abitudini da promuovere, invero corrispondenti ad un certo modello che un certo dittatore di un certo secolo breve amava tanto) in contrapposizione a quella ritraente giovani di colore e con capigliatura rasta (le “cattive compagnie”). Tra l’altro, fotografie riciclate. Un’icona razzista, superficiale ma, soprattutto, terribilmente stupida ed inefficace. Quanto ad oggi, se penso alle iniziative comunicative del nostro governo, andiamo anche peggio: mi viene in mente il cash-back di Conte (a proposito: lasciate perdere, non ne vale la pena, hanno già troppi nostri dati sensibili) lanciato in diretta dal Premier – aka il peggior Mastrota – con la collaborazione essenziale di ben due neuroni. Od anche l’evidenza del fallimento dell’app “Immuni”, con una campagna non soltanto terribilmente tardiva ma pure sessista, in cui una donna cullava un bimbo mentre un uomo stava al computer. Come a dire: donna=madre, uomo=lavoratore. Anche lì, cancellata subito, come la genialata della Lorenzin. Oppure il nulla che, colpevolmente, (non) viene proposto alla gente per combattere la diffusissima evasione fiscale, in un paese alle prese con falsi poveri che percepiscono redditi di cittadinanza non dovuti ed indennizzi (non solo Covid) negati a chi, bontà sua, ha la grave colpa di contribuire regolarmente al funzionamento della Cosa pubblica. Basterebbe mostrare, con intelligenza, a cosa servano le tasse - magari, pensando prima a non sperperarle e a non convertirle in affari d’oro per i soliti noti. (Direte: ma il cash-back serve proprio a quello. No, secondo me, la strada è sbagliata ma, se volete, ne parleremo altrove). Insomma, mi domando: ma con le centinaia di presunti esperti che paghiamo, tutti noi, fior di quattrini (i quali sostituiscono gli stipendiati della P.A. che dovrebbero farlo per mestiere), che ci vuole a chiamare dei professionisti per le campagne nazionali di sensibilizzazione?! Eppure, è facile: basta bussare da Taffo. O da Pornhub.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Giurisprudenza ] La ’giustizia sportiva’ e... l’illiceità della previdenza! (Pubblicato il 15/10/2020 21:52:38 - visite: 343) »

:: [ Letteratura ] Vi invidio, o semidei del parcheggio sui marciapiedi (Pubblicato il 12/10/2020 09:21:40 - visite: 339) »

:: [ Società ] Essere ignoranti non è una opzione. (Pubblicato il 13/09/2020 18:28:39 - visite: 276) »

:: [ Giurisprudenza ] Quando l’avvocato diventa un questuante. (Pubblicato il 31/07/2020 20:57:02 - visite: 126) »

:: [ Letteratura ] Non ci credo più alla favoletta dell’inefficienza. (Pubblicato il 30/06/2020 21:20:08 - visite: 127) »

:: [ Letteratura ] Fa l’avvocato per passione o desisti. 14 giugno 2020 (Pubblicato il 14/06/2020 17:52:40 - visite: 129) »

:: [ Educazione ] Non offendete la M. Undici giugno duemilaventi. (Pubblicato il 11/06/2020 13:03:11 - visite: 128) »

:: [ Giurisprudenza ] Bene- E ben oltre il flash Mob. (Pubblicato il 01/06/2020 17:54:29 - visite: 144) »

:: [ Giurisprudenza ] Il lavoro, se non è retribuito, non è lavoro. Tranne che per (Pubblicato il 27/05/2020 19:58:59 - visite: 134) »

:: [ Società ] Come smontare l’interlocutore inutile. (Pubblicato il 21/05/2020 15:45:52 - visite: 142) »