:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 45 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 12 04:46:17 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Confesso che ho vissuto di Pablo Neruda

Argomento: Letteratura

di Alberto Castrini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/02/2021 22:39:03

Superata la cautela d’obbligo nella lettura delle autobiografie, spesso intrise d’autocelebrazione e scarsa obiettività, stavolta parlerò di questi quaderni di memoria.

Pablo Neruda, l’autore, non ha certo bisogno di essere presentato.

Ai più sarà certamente noto per le sue bellissime e sensuali poesie d’amore.

Rimangono invece solitamente misconosciute quelle relative alla sua terra, al suo impegno e militanza politica.

I quaderni sono in disordine cronologico, però, superata un poco di freddezza iniziale, il libro decolla rapidamente.

Farete la conoscenza assieme a lui di alcuni dei maggiori intellettuali del novecento; Garcia Lorca, Majakovski, Rafael Alberti, ecc.

Cresce, divenendo il substrato della sua anima, l’amore per la sua terra, intesa nel senso delle radici linfatiche.

Con la guerra civile spagnola il suo vedere cambia; scopre il popolo e la poesia politica.

Emerge dalle pagine un ritratto del Cile e delle condizioni sociali dell’America Latina che spiegano, più d’ogni trattato, le condizioni di sfruttamento e oppressione che ne hanno segnato in negativo la storia.

L’adesione al comunismo è per lui inevitabile, come pure il conseguente innamoramento dell’URSS.

Però Neruda non censura queste pagine e ammette amaramente la successiva disillusione e la sua intima tragedia.

Soggiornerete con lui nel suo selvaggio rifugio all’Isla Negra, sulla costa del Pacifico poco lontano da Valparaiso, e al quale intitolò il famoso memoriale.

Le ultime pagine sono disperate; al termine di una vita pienamente legata alla sua gente, deve assistere impotente ad uno dei golpe più sanguinari del Sudamerica.

Solo dodici giorni, il grande poeta resisterà allo scempio del suo amato paese, da parte della dittatura militare di Pinochet.

Il libro vi farà conoscere l’uomo-poeta e, anche, di riflesso, una generazione politica non solo sudamericana.

Ma specialmente potrete rileggere i suoi capolavori e penetrarli. Meglio di prima.

 

Superata la cautela d’obbligo nella lettura delle autobiografie, spesso intrise d’autocelebrazione e scarsa obiettività, stavolta parlerò di questi quaderni di memoria.

Pablo Neruda, l’autore, non ha certo bisogno di essere presentato.

Ai più sarà certamente noto per le sue bellissime e sensuali poesie d’amore.

Rimangono invece solitamente misconosciute quelle relative alla sua terra, al suo impegno e militanza politica.

I quaderni sono in disordine cronologico, però, superata un poco di freddezza iniziale, il libro decolla rapidamente.

Farete la conoscenza assieme a lui di alcuni dei maggiori intellettuali del novecento; Garcia Lorca, Majakovski, Rafael Alberti, ecc.

Cresce, divenendo il substrato della sua anima, l’amore per la sua terra, intesa nel senso delle radici linfatiche.

Con la guerra civile spagnola il suo vedere cambia; scopre il popolo e la poesia politica.

Emerge dalle pagine un ritratto del Cile e delle condizioni sociali dell’America Latina che spiegano, più d’ogni trattato, le condizioni di sfruttamento e oppressione che ne hanno segnato in negativo la storia.

L’adesione al comunismo è per lui inevitabile, come pure il conseguente innamoramento dell’URSS.

Però Neruda non censura queste pagine e ammette amaramente la successiva disillusione e la sua intima tragedia.

Soggiornerete con lui nel suo selvaggio rifugio all’Isla Negra, sulla costa del Pacifico poco lontano da Valparaiso, e al quale intitolò il famoso memoriale.

Le ultime pagine sono disperate; al termine di una vita pienamente legata alla sua gente, deve assistere impotente ad uno dei golpe più sanguinari del Sudamerica.

Solo dodici giorni, il grande poeta resisterà allo scempio del suo amato paese, da parte della dittatura militare di Pinochet.

Il libro vi farà conoscere l’uomo-poeta e, anche, di riflesso, una generazione politica non solo sudamericana.

Ma specialmente potrete rileggere i suoi capolavori e penetrarli. Meglio di prima.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Castrini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] L’alfabeto dell’estasi Vita di Emily Dickinson di Barbara La (Pubblicato il 07/03/2021 22:15:39 - visite: 27) »

:: [ Letteratura ] Un ombra ben presto sarai di Osvaldo Soriano (Pubblicato il 07/02/2021 22:17:14 - visite: 33) »

:: [ Religione ] Senza Dio di Giulio Giorello (Pubblicato il 13/08/2020 22:07:59 - visite: 90) »

:: [ Storia ] Hitler di Joachim Fest (Pubblicato il 16/04/2020 22:36:02 - visite: 174) »

:: [ Storia ] I Crociati di Johannes Lehman (Pubblicato il 18/03/2019 23:47:08 - visite: 368) »

:: [ Storia ] La Grande guerra, un racconto in cento immagini (Pubblicato il 10/01/2019 22:19:04 - visite: 259) »

:: [ Letteratura ] la lotta col demone: hölderlin, von kleist, nietzsche (Pubblicato il 20/12/2018 21:46:34 - visite: 351) »

:: [ Politica ] La scuola dei dittatori di Ignazio Silone (Pubblicato il 27/06/2018 21:32:02 - visite: 327) »

:: [ Musica ] Guida al teatro d’Opera di Aldo Nicastro (Pubblicato il 16/05/2018 22:11:43 - visite: 282) »

:: [ Fede ] Dio e il suo destino (Pubblicato il 15/07/2017 21:48:41 - visite: 610) »