:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 282 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 13 14:25:46 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La sensazionale intuizione dell’arbitro Orsato –

Argomento: Società

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/03/2021 03:20:03

Di Pasquale D’Aiuto, Avvocato. Sei marzo ventiventuno Nella prima metà dell’Ottocento, il Dr. Ignác Fülöp Semmelweis, ginecologo a Vienna, ebbe una rivoluzionaria intuizione: l’altissima mortalità tra le partorienti della sua clinica era causata dai colleghi, i quali passavano dalle autopsie alle visite delle gestanti… senza lavarsi le mani. Nella diffidenza generale, impose lavaggio, disinfezione e, già che c’era, pure lenzuola pulite: la mortalità nel suo settore crollò quasi a zero e lui divenne il “Salvatore delle madri”. Fu premiato? Macchè: derisione, esclusione dalla comunità scientifica, licenziamento, depressione, internamento in manicomio. Un genio incompreso, nella poco rassicurante parabola dell’umanità. Nella prima metà di questo secolo, precisamente domenica scorsa, si è palesata un’altra straordinaria, geniale intuizione, dalla portata universale: LA VICINANZA È MALE! Ce lo ha spiegato l’arbitro Daniele Orsato in merito al fallo di Pjanic su Rafinha in quell’Inter-Juventus del 2018, che lui ritenne non da ammonizione perché… troppo vicino. Ora, siccome una frase del genere, nel calcio, è oggettivamente assurda – visto che il buon arbitro è, tradizionalmente, VICINO al giuoco, mica lontano! – non può che trattarsi di un’illuminante metafora dell’esistenza. Non c'è altra spiegazione. E noi, memori del destino ingrato riservato al medico ungherese, risparmiamo la pazzia al saggio Orsato e, anzi, proviamo a seguirne il Verbo, a partire dalle cose d’ogni giorno. Per esempio: se non riconosciamo qualcuno per strada, specie con la mascherina, chiediamogli di retrocedere. Così rispetteremo anche la distanza di sicurezza. La polenta scagliamola nei piatti, come facciamo col secchio quando laviamo l’auto. Suggerisco un’incerata sul tavolo, almeno fino a quando non diventeremo molto abili. Se accompagniamo all’asilo il nostro figlioletto duenne, diamogli indicazioni dall’altro marciapiede. Ce ne sarà grato quando avrà raggiunto la propria indipendenza, il che avverrà moolto presto, perché l’alternativa è essere stirato dalla prima macchina che passa. Per le condoglianze, “Ti sono lontano in questo difficile momento” andrà benissimo. Se non saremo compresi, almeno sottrarremo alla tristezza il destinatario, gettandolo nella rabbia e nello sgomento per qualche oretta. Allo stadio, sediamoci all’ultimo anello; in teatro, preferiamo la piccionaia! Risparmieremo denaro e, se la squadra gioca male o la soprano stecca, soffriremo meno. Non accarezziamo mai il cane. Probabilmente diverrà melanconico ed azzannerà gli ospiti ma, prima o poi, capirà. O fuggirà. Nel dubbio, meglio ripiegare sul meno empatico gatto. Mostriamo lucido distacco con l’amico che si duole con noi: perderà questa cattiva abitudine. E magari non ci chiamerà più. Non trascorriamo troppo tempo a casa: telefoniamo, messaggiamo... latitiamo. Alla fine, il coniuge comprenderà, addirittura c'incoraggerà a curarci dei fatti nostri e lasciarlo libero! Quanto ai rapporti intimi, posso solo formulare tanti auguri. E quindi grazie, arbitro Orsato! Se nutrivamo ancora dubbi sul suo contegno professionale, con questa spiegazione li ha spazzati via. Non farà la stessa fine di Semmelweiss, abbiamo compreso il profondo senso delle sue parole. Del resto è stato, di recente, nominato miglior arbitro del mondo! Vede? Il nostro sistema funziona! Già, il Sistema funziona proprio bene.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Non è l’amore, ma l’invidia il sentimento più umano. (Pubblicato il 24/03/2021 14:27:35 - visite: 253) »

:: [ Società ] Come stai? Stiamo tutti allo stesso modo. (Pubblicato il 27/02/2021 18:49:40 - visite: 365) »

:: [ Letteratura ] Quel che vorrei per il mio compleanno. (Pubblicato il 23/02/2021 09:43:53 - visite: 382) »

:: [ Letteratura ] Buon lavoro Cartabia. Sia una giustizia umana. (Pubblicato il 13/02/2021 12:28:20 - visite: 334) »

:: [ Letteratura ] Se ci vuole Un posto al sole per vedere un avvocato... (Pubblicato il 07/02/2021 17:41:58 - visite: 355) »

:: [ Società ] Occam ci chiamerebbe sudditi. (Pubblicato il 03/02/2021 16:30:53 - visite: 458) »

:: [ Società ] Augias e lo spam. Se la solitudine vanifica la cultura. (Pubblicato il 31/01/2021 12:04:12 - visite: 308) »

:: [ Letteratura ] Se i fotografi non sanno fare le foto (ma si ostinano). (Pubblicato il 26/01/2021 21:35:56 - visite: 228) »

:: [ Società ] Perché non usiamo i marciapiedi? (Pubblicato il 24/01/2021 11:48:12 - visite: 376) »

:: [ Letteratura ] Se lo Stato sapesse davvero comunicare. (Pubblicato il 23/12/2020 17:43:38 - visite: 356) »