:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Non è l’amore, ma l’invidia il sentimento più umano.

Argomento: Letteratura

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/03/2021 14:27:35

Di Pasquale D’Aiuto, Avvocato. Ventiquattro marzo venti ventuno. Oscar Wilde: “Chiunque può simpatizzare col dolore di un amico ma solo un animo nobile riesce a simpatizzare col successo di un amico”. Di recente, un brillante amico mi ha raccontato di aver guadagnato un incarico lavorativo eccezionale. Mi ha telefonato, ne abbiamo chiacchierato: è stato bello. Quando l’amico condivide la propria gioia con me, lui è felice ed io mi sento fortunato. Certo: sono lieto per lui – quasi come se si trattasse di me stesso – ed onorato che voglia parteciparmi la propria gioia; ma la prima attribuzione che avverto è la fortuna. Infatti sono compiaciuto di esser capace, autenticamente, con cuore e testa, di partecipare al suo successo. Beninteso, lo sono quando si tratta di condividere la vittoria di chi lo meriti, non dell’incapace o del neghittoso favorito dai natali o dalla ciorta (sorte). E, tra il serio ed il faceto, spesso suggerisco all’amico trionfante di scegliere attentamente gli… interlocutori della propria contentezza. Perché è l’invidia il sentimento più diffuso ed umano, mica l’amore. Amare è considerato piuttosto comune ma è difficile: donare se stessi, dimenticarsi di sé, sentirsi parte dell’altro ed esser pronti ad affrontare la delusione della mancata corresponsione (siamo sicuri ci sia così tanto amore, in giro?!). Ma l’invidia… quella è facilissima. Non ci vuole nulla. Si tratta della cattiva elaborazione delle fortune e delle qualità degli altri, che ci riesce benissimo; per cui, invece di condividerne il sorriso, rallegrarcene, provare a comprendere perché abbiano centrato l’obiettivo, farci un esame di coscienza e mirare a migliorare, trarre le lezioni giuste, ci chiediamo: perché lui e non io?! L’invidia è lì, dietro l‘angolo, che ammicca. Vale per tutti, è comprensibile. E conta poco che tu provi affetto o meno per l’altro; anzi, in effetti, proprio quando l’amico ha successo apprezzi se gli vuoi davvero bene e se, soprattutto, lo stimi. L’invidia rosicchia i fili dell’affettività, dell’empatia ma anche del raziocinio. È comoda, istintiva, consolatoria: in una parola, umanissima. Noi sorridiamole e trasformiamola in volontà di emulazione: può essere la molla per grandi cose. Chi ha reso questa consapevolezza una parte di sé è una persona fortunata.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] La sensazionale intuizione dell’arbitro Orsato – (Pubblicato il 07/03/2021 03:20:03 - visite: 301) »

:: [ Società ] Come stai? Stiamo tutti allo stesso modo. (Pubblicato il 27/02/2021 18:49:40 - visite: 377) »

:: [ Letteratura ] Quel che vorrei per il mio compleanno. (Pubblicato il 23/02/2021 09:43:53 - visite: 421) »

:: [ Letteratura ] Buon lavoro Cartabia. Sia una giustizia umana. (Pubblicato il 13/02/2021 12:28:20 - visite: 345) »

:: [ Letteratura ] Se ci vuole Un posto al sole per vedere un avvocato... (Pubblicato il 07/02/2021 17:41:58 - visite: 366) »

:: [ Società ] Occam ci chiamerebbe sudditi. (Pubblicato il 03/02/2021 16:30:53 - visite: 470) »

:: [ Società ] Augias e lo spam. Se la solitudine vanifica la cultura. (Pubblicato il 31/01/2021 12:04:12 - visite: 327) »

:: [ Letteratura ] Se i fotografi non sanno fare le foto (ma si ostinano). (Pubblicato il 26/01/2021 21:35:56 - visite: 238) »

:: [ Società ] Perché non usiamo i marciapiedi? (Pubblicato il 24/01/2021 11:48:12 - visite: 391) »

:: [ Letteratura ] Se lo Stato sapesse davvero comunicare. (Pubblicato il 23/12/2020 17:43:38 - visite: 372) »