:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 304 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 28 01:21:11 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Scacchi. Intervista con il presidente Francesco Roviello.

Argomento: Letteratura

di Bianca Fasano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/10/2021 12:27:31

Per parlare di scacchi a Napoli, ci sembra giusto intervistare il prof. Francesco Roviello, presidente dell’Associazione Dilettantistica Scacchistica Partenopea del Vomero e insegnante di filosofia. D): - “Com’è divenuto uno scacchista? Ci si nasce o ci si diventa?” R): - “Ho cominciato circa a dieci anni, giocando con amici, a Secondigliano (quartiere dell'area settentrionale di Napoli. N.d.A.), poi partecipando ai tornei che si disputavano all’interno delle sedi di partito, intorno ai diciotto anni.” D): - “Sedi di partito?” R): “ Nel 1974 era sindaco l’ ing. Bruno Milanesi, appassionato di scacchi.” D): “Ricordo che a Napoli, in Piazza Trieste e Trento, il Circolo artistico politecnico fu anche sede della prestigiosa Accademia degli scacchi napoletana…” R): - “Prestigiosa, sì: c’era il Maestro Giorgio Porreca con il suo seguito, Giacomo Vallifuoco, Achille della Ragione, Ernesto Iannaccone…”- D): - L’allievo prediletto di Porreca? Si dice che fosse l’unico che potesse riferirsi a lui chiamandolo “Giorgio.” R): - “C’era anche Giovanni Sodano. Non dimentichiamo Roberto Cerrato e Luigi Gatto, che sono nostri iscritti. Erano maestri già al tempo in cui si giocava e non esisteva il computer.”- D): - “Ma poi l’Accademia ha chiuso i battenti. Come mai?” R): - “C’erano altri due circoli importanti: quello della Banca Nazionale del Lavoro e un altro al Porto. Tornando ai maestri, non trascuriamo, Dario Cecaro, il quale, dopo la chiusura dell’Accademia Scacchistica Napoletana ha continuato a svolgere la sua attività di organizzatore presso il Gruppo Scacchistico Vomero. Negli anni novanta questi si è fuso con il Gruppo Scacchistico Napoletano istituendo l'Associazione Scacchistica Partenopea.”- D): -“E siamo arrivati alla Partenopea che ha portato i giochi degli scacchi al Vomero?” - R): - “Sì: l’Associazione scacchistica Partenopea ha cambiato negli anni varie sedi trasferendosi, infine, nel gennaio 2015 nei nuovi locali di via Rossini, dove siamo.” D): - “Affiliazioni?” R): - “La Partenopea è affiliata alla Federazione Scacchistica Italiana e associata al C.O.N.I.” D): - “ La domanda sorge spontanea: perché giocare a scacchi?” - R) : - “Le motivazioni sono molteplici: relazionali, cognitive…il gioco è d’aiuto nella memorizzazione, inoltre perché è finalizzato a una strategia che può servire a livello di vita e che si può verificare nell’ambito dell’esistenza. In più, una partita è un’opera d’arte, è creatività e tecnica, elementi che si combinano in un piano strategico…”. D): - “Vedo giocare alcuni iscritti stranieri, c’è chi traduce…”- R): - “Sì, e, a proposito di arte e di stranieri, il nostro giovane socio Alexandr Scheludcko è pittore e Ucraino. Sta giocando con un russo. Vede?”- D): - “Vedo. Quindi non soltanto napoletani?”- R): - “Tanti, sì, ma anche turisti di passaggio da Parigi, dalla Svizzera… Scacchisti che vengono a visitarci, sapendo che siamo qui. “- D):-“Avete una scuola?”- R): -“Certamente. Il Direttivo ha istituito dal 2007, sotto l’egida della F.S.I. e la supervisione di un suo Istruttore Formatore, la Scuola di Scacchi di 1°, 2° e 3° livello, tra le poche scuole esistenti in Italia. Il maestro è Giuseppe Tarascio. “Istruttore.it”- D): -“Insegnate anche nelle scuole?”- R): -“Assolutamente. Alla Belvedere, al IV circolo didattico “Don Giuseppe Diana”, al Convitto Nazionale di Piazza Dante, all’ Istituto Comprensivo 72 Palasciano, al Michelangelo - Augusto di Fuorigrotta…”- D): -“Il metodo?” - R): - “Dipende. Con i bambini dai tre ai sei anni, usiamo la tecnica di “infusione,” con gli scacchi giganti e la psicomotricità. In prima e seconda elementare, la scacchiera gigante, mentre in terza la scacchiera magnetica. Spieghiamo il movimento dei pezzi, le aperture, i finali, in modo semplice. D): -“Bene! Fermiamoci qui, sull’insegnamento torneremo di nuovo in un’altra occasione. Parliamo un po’ di tornei.”- R): - “La domenica abbiamo i tornei non omologati, circa venti persone. In questo caso faccio l’arbitraggio. IL 14 ottobre abbiamo il Torneo Standard Memorial "Eduardo Tortorella", dedicato a un bravissimo scacchista scomparso da poco. Avremo l’arbitraggio della federazione a carattere nazionale.”- D: -“Lo conoscevo. E i giovani scacchisti?”- R): - “Il settore giovanile ha conquistato nel 2013, ancora una volta, il titolo di Squadra Campione Regionale Under sedici affermandosi inoltre nel “Trofeo Campania” organizzato dal Comitato Regionale del C.O.N.I.”- D: - “Una domanda interessata:come mai sono così poche le donne che s’iscrivono e giocano a scacchi?”- R): - “Uomini o donne, occorre passione e molta competitività. Le donne vivono più emotivamente la partita. Conosco anche bravi scacchisti che sulla scacchiera “soffrono”. Bisogna non dimenticare che un incontro può durare anche tre o quattro ore, quindi occorre un temperamento stabile. Tra le scacchiste abbiamo Mariagrazia De Rosa (Napoli, 10 luglio 1988, N.d.A.) che ce dimostra come anche tra le donne si possa essere maestri.”- D): - “ E Judit Polgár, la “vera” Regina di Scacchi…” - R): - “ È ungherese, unica donna tra i primi dieci eccellenti giocatori al mondo in quindici secoli di storia. Aveva quindici anni, quando è diventata la più giovane “grande maestro” di tutti i tempi.” - Che dire? Aggiungiamo che “alla Partenopea” è stato assegnato dalla Federazione Nazionale per il 2012 e il 2015 il premio quale “Migliore società del Sud Italia” e ringraziamo il maestro Francesco Roviello, ripromettendoci di rivederci per parlare ancora di scacchi ed anche perché si attivi facendo sì che più donne divengano “competitive” a tal punto da battere “in singolar tenzone” i più bravi scacchisti del mondo. Bianca Fasano.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Bianca Fasano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Bianca Fasano, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] Fortune e sventure di una famiglia di emigranti italiani. (Pubblicato il 27/10/2021 16:00:40 - visite: 49) »

:: [ Musica ] “L’Accademia in Concerto” terza edizione 2021 - 22. (Pubblicato il 26/10/2021 22:49:03 - visite: 23) »

:: [ Società ] Napoli. Imparare a giocare a scacchi, un’utilità per la vita (Pubblicato il 18/10/2021 20:50:47 - visite: 106) »

:: [ Fotografia ] Ha compiuto dieci anni il Museo Fotografico Aldinoss di Noce (Pubblicato il 22/09/2021 22:39:53 - visite: 603) »

:: [ Letteratura ] Cammina nell’anima.Le nostre vite precedenti. (Pubblicato il 20/09/2021 18:52:50 - visite: 434) »

:: [ Società ] Napoli. Il mago Saykon, “Come iniziare col piede sbagliato. (Pubblicato il 09/09/2021 16:54:37 - visite: 742) »

:: [ Letteratura ] Domenica, 20 Giugno 2021 – Ore 17.00,il Concerto Evento “Fes (Pubblicato il 17/06/2021 10:48:11 - visite: 144) »

:: [ Letteratura ] Associazione Giorgio Ambrosoli. webinar sul tema Stalking (Pubblicato il 08/06/2021 19:30:11 - visite: 254) »

:: [ Letteratura ] Federica Petrini: un’autrice di poesie che ama viaggiare (Pubblicato il 08/06/2021 16:32:47 - visite: 331) »

:: [ Letteratura ] Pensieri post covid (Pubblicato il 30/05/2021 13:41:54 - visite: 356) »