:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Poco allegretto”, di Manuel de Freitas [collana Poesia]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 81 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 28 19:43:42 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il kepos zanzottiano

Argomento: Poesia

di Marisa Madonini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/11/2021 21:50:29



Il kepos zanzottiano : cento anni dalla nascita del poeta difficile e dieci dalla morte

La poesia sembra divagare e
intorbidare, ma infine
dilucida quanto v’è di più aggrumato
nella storia

Andrea Zanzotto



Nelle sue raccolte ci si ritrova in una selva di molteplici sfumature linguistiche e stilistiche: una lettura non facile a cui, suggeriscono gli studiosi, può giovare la rilettura per cogliere significati e musicalità ‘come un sussurrare materno’ e poterne apprezzare lo scavo e la costante attenzione al mondo.

E’ il paesaggio che ‘genera il suo occhio’, per riprendere le parole stesse del poeta in un suo scritto ‘Un paese nella visione di Cima’. Pare in questo consistere la geopoetica di Zanzotto, ‘un giardiniere botanico delle lingue’ (così i critici), un geopoeta umanitario.

Nel laborioso e fruttuoso tragitto (nella lunga vita fu poeta, insegnante, traduttore dal francese, collaboratore di Fellini per il cinema, difensore della terra in tempi non sospetti, fu letterato di riferimento per tanti intellettuali…) Andrea Zanzotto evoca immagini che danno voce ad una comunicazione, un linguaggio interno all’universo. Ne escono componimenti/manifestazioni di luoghi reali o immaginari dove tutto grida, invoca? per definire una sorta di tensione escatologica che si avverte nel corpus poetico sorretto da una persistente attenzione/tensione a volte empatica a volte allarmata alla realtà e al mondo.

E’ una poesia generosa, da scoprire continuamente perché educa alla verità e al ‘principio resistenza’ non solo per l’elevato valore letterario. I versi infatti accennano al presagio, rivelano a chi voglia accostarsi, percezioni ed emozioni ancestrali che si radicano in terre natali, pur sfigurate. Poetica dai tanti rimandi culturali e linguistici di grande valore civile, fitta di intuizioni e studi di autore veggente che non si sottrae, antivede e annuncia con inedita lucidità e inesauribilità.


La scelta tra i suoi versi è immensa. Oggi ho riletto ‘Kepos’ tratto da Sovrimpressioni


Qual è, dimmi, il tuo più riposto Kēpos,
l’orto in cui divini
brillano in rari scintillii, rare ombricole
i tuoi semplici
che nessuno ha mai
immaginato abbastanza…
Non indagabili nella loro essenza
nella loro carezza-eleganza
nel loro alitare
col Tutto tra dolci-brevi salvezze
oscillare fino in fondo alle pozze più amare?
O era il tuo kēpos, Matrità remota
…………………………………
quella dispersa aiola di spine
e implacabili bacche rosse
come fuoco che mai s’estingua
nell’estremo del dire del sentire
sentinella ferita?

Giardini-diamanti
giardini-fonti
loci amoeni
cui non riguardano i nostri veleni –
loci a cui vanamente mi protendo
ceu fumus in aëra anelando?


Note :

Semplici : piante medicamentose
Ceu fumus in aëra : come fumo nell’aria (di ascendenza virgiliana)







Andrea Zanzotto Poesia del ‘900 Tutte le poesie Oscar Mondadori I Ediz. 2011

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marisa Madonini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marisa Madonini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Ultimo tango a Sarajevo (Pubblicato il 17/07/2021 16:45:24 - visite: 241) »

:: [ Letteratura ] Il ’meraviglioso’ mondo nuovo - omaggio a Huxley (Pubblicato il 22/11/2015 22:31:36 - visite: 1864) »

:: [ Esperienze di vita ] Giardino dei Giusti (Pubblicato il 27/06/2015 14:59:25 - visite: 904) »

:: [ Letteratura ] La générosité du génie (Pubblicato il 03/02/2014 12:57:10 - visite: 1009) »