:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Robin Summa, dalla filosofia della Sorbona a Napoli

Argomento: Arte

di Bianca Fasano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/12/2021 01:03:36

Robin Summa, dalla filosofia della Sorbona a Napoli, portando con sé i calchi fatti dal padre Pierangelo,reinventa la commedia dell’arte e la maschera di Pulcinella. Potreste incontrarlo in bicicletta, sotto la pioggia, ma più facilmente nel suo appartamento - atelier, al centro storico di Napoli coi suoi calchi in gesso, gli utensili, le resine ed i pezzi di cuoio a reinventare se stesso e le maschere per una nuova Commedia dell’arte. Robin Summa, figlio d’arte, ossia di quell’Italiano Pierangelo Summa (1947 - 2015), noto regista teatrale, prima di lui artigiano delle maschere e burattinaio, ha attirato, tra l’altro, l’attenzione di un giovane fotografo: Antonio Florio, che frequenta l’ultimo anno del corso magistrale di Ingegneria Edile - Architettura, il quale, appassionato di fotografia, gli ha dedicato un reportage, Non sorprende: Il nostro artista appare egli stesso come un personaggio della Commedia dell’arte, con il suo inserirsi, da francese, nipote di italiani, nel ventre di Napoli, per cui il fotografo lo ha “fermato” in varie sequenze di ”bianco e nero” che lo ritraggono alle prese con i suoi fantasmi. Quelli della gloria di un pulcinella, anima napoletana, il quale ritrova se stesso e nasconde se stesso sotto la maschera. Una maschera che, morendo, passerà al figlio, in pieno palcoscenico. È stato proprio con l’intento di riportare in vita quella maschera che Robin ha voluto ridare vita alla Commedia dell’Arte, l’antica tradizione italiana nata nel 1500 la quale, attraverso i secoli, ha creato una quantità straordinaria di personaggi e maschere, simboli e incarnazioni di specifiche città e regioni rendendo nota l’Italia nel mondo intero. Come? Tra l’altro, nell’agosto 2020, inaugurando la bottega di maschere di teatro “La Maschera è Libertà”, presso Vico Pallonetto a Santa Chiara 36, Napoli, nell’immediate vicinanze della Chiesa Santa Chiara e di Spaccanapoli, nell’antico centro storico della città. “La maschera è libertà. Storia di un'insurrezione teatrale. Vol. 1: origini della Commedia dell'Arte e qualche suo personaggio,” il Quaderno Edizioni, 2019, diviene un libro, di cui l’autore dice: “(…) è un omaggio a mio padre, è la trascrizione delle sue lezioni sulle maschere che ho scoperto e riordinato”. Come lo descrive il fotografo Antonio Florio nel suo reportage/scoperta?: “Tornando dalla piscina, una sera come le altre, una piccola bottega illuminata ha catturato la mia attenzione. Con quasi tutto chiuso, era una delle poche luci rimaste accese alle dieci di sera di un Martedì. La curiosità, e il non sapermi fare gli affari miei, mi ha spinto ad entrare. Robin si è mostrato subito disponibile alla mia proposta di poter organizzare un’intervista, di poter aver modo di ascoltare quella che era la sua arte. Ancora più disponibile si è mostrato il giorno in cui sono andato ad intervistarlo condividendo con me e con due amiche il pranzo che aveva organizzato in bottega. In questo piccolo ma intenso incontro ho avuto modo di capire quanto l’arte sia fluida, versatile, nomade e di quanto ne siamo ricchi senza neanche accorgercene.” Ma cosa sono le maschere per l’artigiano che le plasma? “Oggetto d’arte, se non soprattutto, oggetto popolare vivo e spesso sovversivo, la maschera contiene già in sé una storia e si nutre anche del rapporto che l’attore intrattiene con essa e con “l’altro”, ossia il pubblico, quindi la società”. Quelle maschere sono state anche presentate, a gennaio del 2020, all’Institut Francais di Napoli, nella mostra “Pullecenella e noi: maschere rinascenti”, nella sala “Noir et blanc”. Robin Summa ama molto proprio quella maschera, in quanto la ricorda come quella preferita dal padre. Inoltre la ritiene essere: “La figura più forte della Commedia, perché contiene in sé molte emozioni contraddittorie: amore, violenza, lavoro.” E forse è per questo che il fotografo Florio riconosce nelle maschere di Robin Summa una parte della sua anima, di quella voglia di penetrare nel bianco e nero della città di Napoli che lo ha condotto ad esporre la sua prima mostra fotografica presso il Nuovo Teatro Sanità con il titolo “I miei sogni sono così distanti dai tuoi?”, dove ha raccolto diciassette testimonianze e diciassette ritratti di ragazzi migranti e di ragazzi napoletani. In fondo tutte complesse maschere pulcinelliane simili tra di loro. L’intenzione del fotografo era quella di scardinare il preconcetto dell’Altro; di rendere l’Altro parte integrante del Noi. Questa vicinanza psicologica con il creatore di maschere l’ha condotto a seguirlo come fotografo Robin Summa, nato a Pithiviers, in Francia e immersosi in quella Napoli così ricca di contraddizioni ha scelto di vivere nella patria di Pulcinella. Una maschera dalla strana provenienza in quanto forse si chiama così perché il suo nome sarebbe derivato da “piccolo pulcino”; ha un naso adunco ed è nato da un uovo di gallina, animale sacro a Persefone, sposa di Ade e regina degli Inferi. Storia affascinante e misteriosa. Non è stata la sua prima scelta quella di intraprendere la strada del padre, pur avendo espresso a lui . il suo desiderio di imparare il mestiere delle maschere. Di Robin dice l’amico Florio: “Dopo aver lavorato per un periodo come insegnante di lettere ha capito di voler cambiare del tutto vita. Napoli gli era sempre stata descritta dal padre, prima che morisse nel 2015, come una città da scoprire. Quando Robin nel 2019 ha deciso di mandare tutto a quel paese, di lasciare del tutto la filosofia, si è trasferito a Napoli senza ancora sapere cosa ne sarebbe stato di lui. A Napoli, in maniera del tutto naturale, senza aver programmato nulla, il mestiere delle maschere inizia ad assumere una consistenza: Robin trasferisce a Napoli i calchi fatti dal padre e inizia a lavorare, per gioco, in un appartamento vicino Porta San Gennaro.Quel gioco nel giro di poco tempo ha assunto le sembianze di questa bottega.” Tra giovani artisti vicini all’animo mobile, adattabile,sofferente per le presenze straniere che lo hanno modificato, dei napoletani, evidentemente si sono riconosciuti. Terminiamo con una frase tratta da “La maschera è libertà.” Pierangelo Summa a cura di Robin Summa: “La maschera non è un travestimento da festa (ma è la festa),un elemento di decorazione (ma è viva), un aspetto del viso (ma è un personaggio intero), una caricatura (ma è l’essenza del personaggio), quella che nasconde (ma quella che rivela), nuova (ma c’era già da sempre). La maschera è lo sguardo dell’altro: è “er” satiro che ride nascosto frammezzo alla mortella.” Bianca Fasano


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Bianca Fasano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Bianca Fasano, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Celle di Bulgheria. Oggi 12 agosto 2022. (Pubblicato il 12/08/2022 14:26:38 - visite: 15) »

:: [ Musica ] Livorno Music Festival, XII edizione ⎪ (Pubblicato il 11/08/2022 08:57:06 - visite: 16) »

:: [ Arte ] Il Museo Madre, l’arte e i bambini (Pubblicato il 19/07/2022 17:29:34 - visite: 54) »

:: [ Letteratura ] Tanti piccoli K. Bruno Pezzella (Pubblicato il 22/06/2022 01:34:25 - visite: 79) »

:: [ Letteratura ] La Lego a Napoli, Vomero, tra soddisfazioni e delusioni. (Pubblicato il 20/06/2022 13:39:06 - visite: 62) »

:: [ Società ] Carmine Meraviglia e il suo abito dipinto per la pace. (Pubblicato il 17/06/2022 14:18:33 - visite: 95) »

:: [ Letteratura ] Gabriele D’Annunzio (Pubblicato il 08/06/2022 16:18:48 - visite: 50) »

:: [ Letteratura ] Pubblicato su Amazon Cilento Terra Matrigna (Pubblicato il 07/06/2022 22:34:40 - visite: 127) »

:: [ Arte ] Procida. Campi Flegrei. Quattro giugno 2022 (Pubblicato il 02/06/2022 23:14:15 - visite: 46) »

:: [ Letteratura ] preselezioni per il concorso pianistico biennale per giovani (Pubblicato il 30/05/2022 16:01:02 - visite: 105) »