:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 21 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 28 03:02:40 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Raffaele Piazza - Nel delta della vita - Guido Miano Editore

Argomento: Letteratura

di Raffaele Piazza
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/11/2023 14:48:12

Raffaele Piazza                 Nel delta della vita

 

Nel delta della vita, un titolo originale che ci catapulta immediatamente nel cuore della raccolta poetica e ci induce a riflettere su alcune tematiche e circostanze. Raffaele Piazza, attraverso i suoi versi, ci prende per mano e ci conduce attraverso un metaforico viaggio: il viaggio della vita, fatto di fisicità, materia, sensi, ma anche di sentimenti, sogni, rimpianti; è il viaggio di un’anima inquieta, alla ricerca di senso nel caotico mare della vita. La silloge, dotata della pregevole prefazione del critico letterario Enzo Concardi, si dipana attraverso varie tematiche, che percorrono il cammino della vita, con i suoi dolori, le sue contraddizioni, i desideri realizzati e quelli inespressi, i sogni infranti, le fughe verso un ideale. Emblematiche, dei contrasti presenti nella silloge, sono due figure femminili, Mirta e Selene, presenze fondamentali nella vita del poeta: la prima sceglie la morte, la seconda la vita; Mirta, “Amica Vera” (n. 16) “Amicizia erotica la nostra” (n.17), sempre presente nei ricordi del poeta, non regge il peso della vita e soccombe; Selene, al contrario, “…e tu, Selene, dal bel seno vivida immagine nell’immane pioggia e pozzo di novembre…” ( n. 18) “Ti chiedo felicità, Selene,/ e tu farfalla rosa di sorriso/ mi restituisci e tutto resta pari a sé./ Si diradano le ombre /e il fare leggero dei tuoi scalza passi per la casa/ e in prossimità del lago della pace /che nonostante tutto esiste”(n. 23),  rappresenta la donna vera, che regala al poeta momenti di gioia e felicità e rappresenta l’amore vero, di carne e spirito. Le due donne simboleggiano il filo sottile che unisce vita e morte, elementi che nella vita e nella poesia coesistono. Nella poesia numero 2 l’autore afferma che la vita è un viaggio avventuroso: “ Avventura e viaggio è questa vita/ che non è esistere nuotando /e studio alla scuola dei tuoi occhi/ e tu mi chiedi la parola/ e io dico Amore visto /dalla camera dell’anima,/ luce dello sguardo delle lunghissime/ tue ciglia se sfioro/ materia elementare il selciato/ polito della strada dove mi porti/ guidando come una donna/ e il gioco è fatto/ e vengono i morti (anche Mirta) e gli angeli.” nel quale vita e morte si sovrappongono . In diverse poesie l’autore menziona “il delta”, quasi a simboleggiare come il cammino della vita, che fluisce come un fiume, ci porta, talvolta, a situazioni che prendono direzioni e versi differenti, strade parallele, che decretano un futuro inaspettato. L’opera, dedicata a una cara amica, Mirta, che nel corso della lettura scopriamo si è tolta la vita, è  costituita da 50  poesie, semplicemente numerate; è tutta pervasa da ambiguità, forti contrasti con parole come: luce-oscurità, vita-morte, pesantezza-leggerezza, bellezza-bruttezza, oriente-occidente; ad ogni cosa, infatti, corrisponde il suo esatto opposto, solo cosi si ha unità, un tutt’uno, concetto filosofico antico  che si riflette in ogni aspetto della natura: giorno-notte, gioia-dolore. Mirta ha probabilmente infranto le regole della vita “… attenzione a non infrangere/ della vita le regole/ la prima quella dell’amore/ secondo natura e in altri modi/ se ai posti di partenza il delta/ duale il bene e il male/ e la luna del libero arbitrio avviene…” (Prologo) e diventa l’emblema di come la vita possa essere  imprevedibile, inspiegabile, e come possa condurre, a volte, su sentieri dai quali non si può tornare indietro (il delta)  e  una scelta può diventare imperdonabile, a tal punto da far soccombere. Il poeta inizia la sua silloge con un prologo, quasi a volerci suggerire che ci si accinge a leggere un’opera teatrale: la rappresentazione della vita, che è finzione, un palcoscenico dove ognuno recita la propria parte. Attraverso il prologo, come nelle opere teatrali, l’autore ci introduce i vari argomenti dell’opera: Tempus fugit, il tempo che non torna indietro, poiché  tutto fluisce, Panta rei; le cose belle e le cose  brutte della vita; il tema della natura “…Cammino nell’erba verde fusione con la natura scalzo…”, di cui  l’autore è parte integrante, e poi la funzione del poeta, uomo con le tasche piene di sogni …e poi con altri fare il poeta/ con le tasche piene di sogni,/ uscito allo scoperto dalla selva per il gemmante varco/ Il bello e il brutto tempo/ domino dove ero già stato…”, in grado di dominare gli eventi della vita e uscirne vittorioso. L’autore usa sempre un linguaggio semplice, quello della quotidianità, ma le parole sono pregne di simbologia, una simbologia spesso oscura, che non fa comprendere fino in fondo quello che l’autore ci vuole comunicare, forse questo è il suo scopo: confonderci, offrirci spunti,   frammenti, e visioni, per farci riflettere e percepire il caos interiore dell’animo umano e della modernità dei tempi a cui solo la natura, con la sua bellezza e armonia, può donare ordine,   All’ombra del cipresso e del destino si apre la speranza…” ( n. 15), in quanto riflesso di DIO. “Tutto viene a chi sa aspettare/ e il segreto è non avere paura/ (spalancare le porte a Gesù)” ( n. 38).

Marcella Mellea


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Raffaele Piazza, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Raffaele Piazza, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Maria Teresa Liuzzo Danza la notte nelle tue pupille Poesia (Pubblicato il 29/11/2023 16:47:30 - visite: 23) »

:: [ Letteratura ] Maria Teresa Liuzzo La luce del ritorno Romanzo (Pubblicato il 29/11/2023 15:46:38 - visite: 16) »

:: [ Letteratura ] Maria Teresa Liuzzo Non dirmi che ho amato il vento (Pubblicato il 29/11/2023 15:39:43 - visite: 18) »

:: [ Letteratura ] Maria Teresa Liuzzo .L’ombra affamata dells madre Romanzo (Pubblicato il 29/11/2023 15:32:40 - visite: 16) »

:: [ Letteratura ] Maria Teresa Liuzzo - ,,,E adesso parlo! Romanzo (Pubblicato il 29/11/2023 15:25:47 - visite: 17) »

:: [ Letteratura ] Alcyone 2000 - n. 17 - Recensione di Raffaele Piazza (Pubblicato il 27/11/2023 05:19:09 - visite: 12) »

:: [ Letteratura ] Raffaele Piazza - Alessia - Recensione di Marcella Mellea (Pubblicato il 23/11/2023 23:23:23 - visite: 24) »

:: [ Letteratura ] Maria Teresa Liuzzo - In veglia d’armi e parole . Poesie (Pubblicato il 22/11/2023 17:46:55 - visite: 71) »

:: [ Letteratura ] Le Muse Rivista Internazionale ottobre 2023 (Pubblicato il 21/11/2023 18:32:06 - visite: 17) »

:: [ Letteratura ] Raffaele Piazza - Del sognato - Seconda Edizione (Pubblicato il 21/11/2023 13:24:26 - visite: 18) »