:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 65 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 25 18:04:10 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sopra alcuni inediti di Nina Maroccolo

Argomento: Poesia

di Gian Piero Stefanoni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/06/2024 09:12:46

Vogliamo segnalare con piacere ma soprattutto con l'amore che si deve a un'amica e a un autrice cara alcuni inediti della mai troppo rimpianta Nina Maroccolo, scrittrice, cantante, performer a tutto tondo toscana (ma da anni operante a Roma) scomparsa prematuramente lo scorso anno. E' possibile leggerli infatti sull'ultimo numero de "L'age d'or" rivista online diretta da Marco Palladini a cui va il nostro grazie per l'attenzione e la cura mai banale delle sue scelte. Sono tre pezzi in cui la scrittura visionaria, ipnotica e seducente viene a rivelarsi all'interno di un dettato in cui l'affondo tra le pieghe e le piaghe del dolore e delle aspirazioni umane sono sempre all'insegna di un percorso di nudità e spoliazione verso quella creaturale cosmicità d'origine del cui divenire la sua parola s'è fatta verso. Un percorso come detto fatto in sinestesia d'accenti (a proposito del quale basti ricordare La rivoluzione degli eucalipti, opera somma da cui è stata ricavata nel 2021 una preziosa mostra della Galleria Comunale d'Arte Moderna di Roma) che il primo dei tre testi qui presentati, "Il cavaliere azzurro" (il movimento artistico d’avanguardia Der Blaue Reiter fondato a Monaco nel 1911), ben sintetizza. A conclusione, e a partire da questo verso: "Il suono è un'avventura adolescente narrata per commuovere/ l'azzurro". Questo breve, incisivo, evocante testo la ingloba, la ricorda tutta, soprattutto in chi avendo avuto l'opportunità di conoscerla e frequentarla intimamente (come lo stesso Palladini per esempio) sa perfettamente.

Ogni manifestazione artistica nella Maroccolo, nel costume sapientemente e asceticamente riportato nel rigore e nel cammino di un monaco che si sa e si cerca nel trasfigurarsi misericordioso degli elementi di una terra amata, sofferta e richiamata in tutto il suo incandescente stupore (e mai nel vezzo fine a se stesso come di tanta espressione di questo millennio all'inizio). E nel fuoco allora per quel che nel passaggio della carne è dato, un passaggio profondamente e teneramente umano, e perciò nello strazio, anche, per quanto proprio d'umano- sovente troppo, sovente sempre- affilato nella perpetuazione degli sfregi. "Dove l'erba è premurosa" però, nell'indicazione della direzione, come puro spirito varcando il ponte (con lei e con Campana come da rimemorazione), nel lavacro prima però non necessario ma in sé benigno, in sé vivo nella detersione delle/dalle ferite. L'arte allora come fuoriuscita dell'anima dal bozzolo, finalmente "farfalle giammai effimere". Come non effimero nel secondo testo (corredo alla prima pubblicazione avente al centro la figura di Anna Franck) l'amore, di compagni, di uomini e donne nella tensione di se stessi, dove la vita e la morte (che è di ogni giorno) chiamano insieme a dirsi. Ecco qui Peter il gemellino d'anima della Franck, nel bozzolo di cui sopra, nel pensarsi e nel cercarsi di un maschile e un femminile di un Dio che in loro si risolve nella casa celeste della grande anima che subito li ha se il pensiero di Dio in loro è già Dio, nell'elevato discendere negli inferi poi di quel secolo breve. Dio allora consorte l'uno dell'altro, l'uno nell'altro consorte nel rovescio di un Dio che in loro si salva. Ed infine "L'antilope", "parabola sapienziale, simbolica e allusiva, facente parte di un massiccio, strepitoso incunabolo tuttora rimasto inedito"così come presentato da Plinio Perilli nella cura dei tre testi e nella forma degli jàtaka, parabole sapienziali che "chiedono agli animali qui evocati di antropomorfizzare a perfezione i vizi e i caratteri degli uomini" (ancora Perilli). Non abbiamo altro da aggiungere se non invitare alla lettura e all'approfondimento della scrittura e dell'opera di una donna che ancora molto avrebbe avuto da chiedersi e dirci. Ciao Ninetta.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gian Piero Stefanoni, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gian Piero Stefanoni, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Su alcune poesie in dialetto milanese di Giovanna Sommariva (Pubblicato il 04/11/2023 12:06:56 - visite: 260) »

:: [ Poesia ] La poesia in tabarchino di Mariatina Battistina Biggio (Pubblicato il 23/10/2023 17:41:48 - visite: 216) »

:: [ Poesia ] L’universale insularità: Oliver Friggieri e la poesia (Pubblicato il 16/06/2023 16:47:34 - visite: 144) »

:: [ Letteratura ] Lorenzo Spurio e la sua Sicilia (Pubblicato il 17/04/2023 16:51:11 - visite: 322) »

:: [ Poesia ] Fernando Della Posta e la poesia in dialetto di Pontecorvo (Pubblicato il 14/04/2023 11:26:10 - visite: 293) »

:: [ Poesia ] Cesare Viviani e la parola dal limite (Pubblicato il 22/04/2022 15:30:09 - visite: 403) »

:: [ Poesia ] Plinio Perilli e l’amore (la vita non lasciata sola) (Pubblicato il 19/04/2019 11:35:10 - visite: 848) »

:: [ Letteratura ] Vito Moretti, Quaderno degli esercizi (Pubblicato il 24/02/2019 10:31:51 - visite: 818) »

:: [ Letteratura ] La poesia nella restituzione del mondo... (Pubblicato il 02/11/2018 18:17:38 - visite: 788) »

:: [ Poesia ] Giuseppe Rosato e l’oscurità del tempo (Pubblicato il 12/04/2018 10:40:45 - visite: 1016) »