:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2056 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 12 22:15:21 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cambiamento clima, l’Europa adotta...

Argomento: Ecologia

Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/01/2008

CAMBIAMENTO CLIMA, EUROPA ADOTTA PACCHETTO ANTINQUINAMENTO

Tre euro a settimana per ogni cittadino dell'Unione europea, grosso modo tre pieni di benzina l'anno, è il costo del pacchetto di azioni presentato oggi dalla Commissione Ue per fare dell'Europa la guida nella lotta mondiale al cambiamento climatico. "Oggi abbiamo preso decisioni storiche a favore del nostro pianeta", ha detto il presidente dell'esecutivo José Manuel Durao Barroso, molto soddisfatto per aver ottenuto il consenso del collegio, anche se a prezzo di qualche annacquamento sugli impegni delle industrie pesanti. "E' un pacchetto storico ed ambizioso con il quale traduciamo le intenzioni in misure concrete e vincolanti".

Con cinque progetti di legge, più un documento sugli aiuti di Stato, Bruxelles assegna i compiti a Stati e industrie per ridurre del 20% le emissioni di gas ad effetto serra entro il 2020 rispetto ai livelli del 1990 e portare, nello stesso arco temporale, al 20% il consumo energetico da fonti rinnovabili (contro l'8,5% del 2005), includendo una quota del 10% di biocarburanti per il settore dei trasporti, così come concordato dai 27 al vertice di primavera dello scorso anno. L'Italia dovrà aumentare la sua quota di consumi energetici puliti del 17% e ridurre del 13% le emissioni di CO2 per i settori (trasporto, edilizia, rifiuti) non inclusi nel sistema di scambio delle emissioni (Ets) introdotto dal protocollo di Kyoto. "Per il cambiamento ci saranno dei costi, ma sono ragionevoli e sostenibili", ha detto Barroso, presentando il piano al Parlamento europeo che lo dovrà approvare insieme agli Stati membri. "Io preferisco parlare di guadagni e di utili.

Le proposte sono ambiziose, ma realizzabili. Il pacchetto creerà posti di lavoro e darà alle nostre imprese la possibilità di essere leader nel mondo perché hanno il vantaggio di chi compie la prima mossa". L'aumento dei consumi energetici da fonti rinnovabili potrebbe generare, secondo Bruxelles, un milione di nuovi posti di lavoro. Tutti i target nazionali sono stati decisi sulla base del Pil procapite, seguendo il criterio 'chi e' più ricco più pagà. Dodici paesi con livelli di ricchezza inferiore potranno infatti aumentare le loro emissioni. Le industrie europee inserite nel sistema europeo di compravendita dei diritti ad inquinare dovranno ridurre i loro gas ad effetto serra del 21% entro il 2020, rispetto a 2,8 miliardi di tonnellate di CO2 emesse nel 2005. Il nuovo sistema di quote sarà dal 2013 a pagamento, non più gratuito, e genererà tra i 30 e i 50 miliardi di euro l'anno di entrate addizionali per gli stati membri, parte delle quali dovranno essere usate per sostenere progetti innovativi. Il prezzo indicativo per ogni tonnellata di C02 è di circa 39 euro. "Il nostro sistema Ets sarà un modello per gli altri paesi", ha commentato il responsabile Ue all'ambiente Stavros Dimas. Bruxelles ha già in corso contatti per stabilire legami con i sistemi di scambio di Canada, California ed Australia. E nei prossimi mesi intende rafforzare la pressione sui partner internazionali per arrivare ad un accordo globale contro il riscaldamento del clima perché essere pionieri può essere un vantaggio, ma restare isolati potrebbe rivelarsi un boomerang.

"Ci sono settori in cui il costo della riduzione delle emissioni potrebbe avere un impatto reale sulla loro competitività internazionale", ha detto Barroso. "Non ha senso essere rigorosi in Europa se questo significa trasferire la produzione verso paesi che consentono di fare ciò che si vuole con le emissioni. Un accordo internazionale è il miglior modo per affrontare questa questione, ma dobbiamo anche dare la certezza giuridica alle industrie sul fatto che noi intraprenderemo le azioni necessarie", ha detto il presidente annunciando per fine 2010 una valutazione di impatto per le aziende energivore. Anche se molto ambiziosi, gli obiettivi sul fronte dei consumi energetici da energie rinnovabili "sono un'occasione - ha detto il commissario Ue all'energia Andris Piebalgs - da non mancare", anche per far fronte ai costi sempre più elevati del petrolio, di cui la Ue è grande importatrice. "I vantaggi del pacchetto si misurano anche in termini di sicurezza energetica", ha martellato Barroso che ha ostentato ottimismo sulle sorti del negoziato che si aprirà da domani con ciascun stato membro. "Sono fiducioso. Nessun paese considera i target inaffrontabili e tutti hanno ben chiaro che i costi della mancata azione sarebbero enormemente più alti.
Le conseguenze negative del cambiamento climatico potrebbero portare via fino al 20% del nostro Pil", ha ammonito.(ANSA - Marisa Ostolani)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Redazione LaRecherche.it, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Tra i vari articoli, qui sotto, trovi altre interviste da leggere:

:: [ Intervista ] Raffaela Fazio (Pubblicato il 17/04/2021 15:49:21 - visite: 34) »

:: [ Intervista ] Giaime Maccioni (Pubblicato il 11/10/2020 16:37:47 - visite: 735) »

:: [ Intervista ] Maria Teresa Infante (Pubblicato il 02/07/2020 18:27:49 - visite: 1355) »

:: [ Intervista ] Bruno Centomo (Pubblicato il 30/06/2020 15:34:54 - visite: 580) »

:: [ Intervista ] Annalisa Rodeghiero (Pubblicato il 07/05/2020 20:36:19 - visite: 756) »

:: [ Intervista ] Patrizia Passarelli (Pubblicato il 14/04/2020 14:02:18 - visite: 730) »

:: [ Intervista ] Sara Galeotti (Pubblicato il 04/04/2020 19:14:27 - visite: 1043) »

:: [ Intervista ] Mario Fresa (Pubblicato il 28/12/2019 12:00:00 - visite: 1120) »

:: [ Intervista ] Giacomo sansoni (Pubblicato il 02/06/2019 14:05:05 - visite: 962) »

:: [ Intervista ] Rita Stanzione (Pubblicato il 21/05/2019 21:09:17 - visite: 682) »