Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1177 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 17 16:08:23 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il vecchio e il bambino, 40 anni dopo

di Antonio Coppola
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/06/2011 22:00:41

Nel 1972 Fracesco Guccini scriveva Il vecchio e il bambino, canzone fiaba poesia contro il dilagare del nucleare... a quasi 40 anni, il vecchio è ormai morto da tempo, e il bambino è diventato un adulto, un padre, e nel suo cuore da quasi 40 anni, rivivono quelle immagini, di campi e prati, soltanto immaginati e sognati grazie alle parole del vecchio... ora il mondo è cambiato, ma luoghi da sempre sognati continuano ad esistere solo nei suoi sogni, e lui li rocorda vivi e veri come se avesse passegiato tra quei fiori, e nel ricordarli, proprio come accadeva al vecchio, sogni e realtà si fondono, e il bambino che è in lui sorride in lacrime ricordando quella fiaba... fiaba che non muore, che rivive in lui, e in essa il ricordo del vecchio, allora l'uomo, prende per mano suo figlio, e comincia a passeggiare con lui, e al tramonto, come suo nonno fece con lui quando era ancora un bambino, gli racconta una storia... ed il bambino, un nuovo bambino, si commuove alle parole del padre, così come anni a dietro, suo padre si commosse alle parole del vecchio... e quando la storia finì, il bambino  guardando suo padre, con voce sognante, gli disse "Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!"... e la storia continua ...

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Antonio Coppola, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Antonio Coppola, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Come io vedo il mondo (Pubblicato il 16/04/2011 10:40:12 - visite: 968) »