Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 838 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 27 13:54:48 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Galway -Incipit

di Valentina Rosafio
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/11/2011 11:32:49

Negli ultimi rintocchi di un giugno pallido e nostalgico Dread e i suoi occhi lucidi s'allontanano.
Metallica si arrotola la strada nelle uscite buie. Segnali di fumo dai tamburi a suggellare il confine tra nido e volo dissentito.
Il giovane rifugio sibila nella pioggia il suono tiepido delle innate grazie e Dread non c’è più e con esso il dolce Jude, il pio Igor e la rude Pascal, il saggio Ratnesh e il pungente Sanah, la straordinaria musica di Iris e Charlène e la famiglia dello strano Rafael: gli zii Carlos, Mary e le loro dispettose bambine Vivian e Lucia, e poi le colline, le strade, la baia, il ponte, il parco dirimpetto allo Spanish Arch, teatro delle mie pause di riflessione e ragione di una pace interiore mai più ritrovata.
Lungo la baia i cigni stavano risvegliandosi al sorgere di un nuovo sole mentre Giulia ed io caricavamo le nostre grasse valigie sul pullman e, con gli occhi già pieni di nostalgia, salutavamo Agata invidiandola un tantino per aver deciso di restare ancora un po’ nella deliziosa città di Galway, per mesi meta delle nostre avventure.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Valentina Rosafio, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Valentina Rosafio, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: II L’arrivo a Galway (Pubblicato il 25/11/2011 12:05:56 - visite: 1287) »