Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1190 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 30 20:59:58 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Risveglio

di Serenella Menichetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/05/2012 11:56:51

 


Con un balzo, il gatto atterrò sul davanzale della finestra della casa, i suoi magnetici occhi s'incollarono al vetro, e cominciarono a scrutare all'interno della stanza.

Simili a due torce elettriche, entrarono nell'ambiente buio e, si misero a rovistare ogni angolo.

In quella stanza, il passaggio della luce del sole, era ostacolato dalle pesanti tende di lino bianco, ricamate a mano, da Rosa, in tempi non sospetti, ed in parte, dagli arbusti secchi che si aggrappavano all'intonaco esterno: un glicine, una pianta dai fiori viola e, dal profumo penetrante, questa era stata, adesso  solo un ammasso di scheletriti rami secchi.

Anche gli occhi di Rosa, una volta, erano stati del colore dei fiori del glicine, ma poi il tempo li aveva scoloriti, il viola non si vedeva più, adesso erano solo grigi

Nonostante le tende, fossero tirate ai lati della finestra: la superficie a vetro rimasta libera, era minuscola, ma, sufficiente, a soddisfare la curiosità dell'animale.

Rosa, come fosse stata evocata da lui, fece la sua apparizione nella stanza: minuscola figura che si muove con lentezza, portava con se appoggiata ai palmi delle mani congiunte, a mo di vassoio, la consueta ciotola di latte. In quel momento assomigliava ad una geisha che serve il sachè.

La sua piccola mano aprì, unospiraglio di finestra e appoggiò con l'altra, la ciotola sbeccata, sul davanzale, accanto al gatto.

Si sedette sulla sedia impagliata e, si mise ad osservare attraverso il vetro: il felino, che leccava il liquido bianco.:lo faceva con eleganza e aria disufficienza, come se quel cibo, fosse a lui dovuto. Ogni qualvolta quegli occhi verdi incontravano i suoi, Rosa, abbassava lo sguardo, con una sorta di imbarazzo.

Soggezione e attrazione, dentro di lei, si confrontavano e si scontravano. Senza dubbio quell'animale era riuscito a destarle, sensazioni sopite da tempo.

Come tutte le altre mattine, attese che il gatto avesse terminato il latte, per ritirare la ciotola.

Questa volta però, lui, riuscì a farsi largo e a catapultarsi sul pavimento, della cucina.

Questo gesto, sorprese Rosa, che vacillò, la ciotola cadde a terra e si ruppe.

L'animale, intanto si era aggrappato alle tende: gli unghioli impigliati nella trama della stoffa, si dibatteva per uscirne.

La donna, raccolse i cocci e, li gettò nella pattumiera.

Lui, riuscì a liberarsi, purtroppo, a scapito della povera tenda che, rimase lacerata in diversi punti del tessuto. Poi con un salto deciso, balzò sul divano liberty. “Chissà per quanto tempo aveva agognato di raggiungere quella postazione” Emise un miagolio soddisfatto, quindi socchiuse gli occhi e diresse lo sguardo verso Rosa.

Gli occhi scoloriti della donna,indugiarono in quelle fessure verdi, mentre le sue gambe malferme, mossero alcuni incerti passi, verso il divano, dove la bestiola, stava  comodamente adagiata.

Lo sguardo del gatto inviava a quello di Rosa, segnali invitanti, suadenti, tanto che l'anziana signora ne rimase attratta e, fece la cosa più insolita, che mai si sarebbe aspettata di fare: si sedette vicino a lui, nonostante il suo piccolo corpo fosse scosso da un lieve tremolio.

Poi, la sua mano piccola e morbida, si mosse, in direzione dell'animale: una, due, più volte per poi subito, ritirarsi, fino a che, il suo palmo bianco e freddo, incontrò la superficie calda e liscia del manto fulvo del gatto. Le dita, assorbirono il tepore e la leggera vibrazione di quel ronfare.

Rosa a quel punto cessò di tremare e ascoltò dentro di se farsi spazio, un movimento impercettibile, un leggero formicolio, anzi una specie di solletico, no, una vera musica!

Fece un bel respiro e, si sentì bene, proprio.come un ruscello che torna a scorrere nel proprio letto.

Qualcosa di antico ed immoto, nella sua anima riprese a fluire.

Guardò il gatto, accanto a lei che si era appisolato.

Si alzò ed andò a spalancare la finestra, si affacciò e fra quell'intrico di rami ormai secchi, notò un giovane virgulto, di un tenero verde, cercare il sole. Sorrise.

L'indomani avrebbe chiamato il giardiniere a potare la pianta.

Il gatto, acciambellato sul divano,dormiva sornione, ma nello stesso tempo, riusciva a captare i movimenti ed i pensieri di Rosa e, anche ad  ascoltare la flebile voce della fogliolina invocare il sole.

L'animale, si stirò ancora e, decise di staccare per un momento la spina del suo sesto senso. Giusto il tempo per farsi una dormita: "Proprio di quelle come si deve, in fondo se lo era meritato!"

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Serenella Menichetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Serenella Menichetti, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Madri (Pubblicato il 31/10/2018 12:48:50 - visite: 227) »

:: Tormentata scelta. (Pubblicato il 05/11/2016 10:48:21 - visite: 764) »

:: La Surarnite (Pubblicato il 27/06/2016 15:25:56 - visite: 491) »

:: Gli insaziabili (Pubblicato il 05/06/2016 16:34:24 - visite: 825) »

:: Odio Amore (Pubblicato il 01/06/2016 19:24:28 - visite: 551) »

:: Solitudine (Pubblicato il 21/10/2014 14:30:24 - visite: 671) »

:: Cotto e mangiato! (Pubblicato il 14/10/2014 19:18:48 - visite: 514) »

:: Il letargo di Chiara (Pubblicato il 03/06/2014 17:43:21 - visite: 925) »

:: Claudio nome proprio di persona ............ (Pubblicato il 24/05/2014 11:36:06 - visite: 938) »

:: Scarpe Rosse (Pubblicato il 27/02/2014 11:07:53 - visite: 934) »