:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Quattro cristiani e un musulmano

di Carlo Tontini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/10/2014 15:30:18

_QUATTRO CRISTIANI E UN MUSULMANO_

                                         (sogno al finir del sonno)

 

Ancora non sapeva se credere oppure no, se esistesse, al di là del sonno, la veglia.

 

( Se aprendo gli occhi si mettesse un punto, una fine? Se non si richiudessero più e ci lasciassero brancolare in un sogno senza fine? E al calar delle palpebre, di palpebre fatte di sogno… )

 

Tre colpi alla porta fecero tremare il sogno, Nunzio disse avanti. Cigolio. Aperti gli occhi, Nunzio, vide la porta ancora chiusa. Serrò di nuovo le palpebre.

 

( L’ho creduto come fosse fatto di realtà, ma sbagliavo.

-hanno bussato la tua  corteccia Nunzio!-

         - cosa?-

                                             -è un picchio. Vuol fare il nido

                                                        nel tuo cervello…-

 

                     -non penso: penso

                      sia stato Florindo…-      

                                                                                -… mmm …- )

 

Come fece Florindo ad entrare non ci è dato sapere. Nunzio lo guardò bene in faccia e notò: - che hai fatto?,- qualcosa di strano, - t’hanno picchiato, che è quella faccia livida? -. Continuava a non sapere se credere oppure no, sommerso dalle coperte, guardava il suo tumefatto amico. Sorrise Florindo, ai piedi del letto, tra i lividi e le sacche di sangue rappreso: - guarda che è tardi, giù ci aspettano Nuca e Oriano. - - Allora mi vesto e scendo. -

 

( C’è un qualcosa d’inafferrabile in questo momento, in questa mattinata evanescente, c’è un qualcosa di sempre: Nunzio s’alzò e s’affacciò, e giù, in strada non c’era nessuno.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         È dolce richiudervi,      oh palpebre del sogno! )

 

Una sassata crepò il vetro della finestra, Nunzio la raccolse, era un gesto. Un gesto avvolto in un messaggio scritto sulla carta: è un gioco senza regole. Nunzio incise sul sasso un messaggio: e come si gioca allora? E rilanciò il tutto nella crepa, che divenne una bocca: - baciami! –

 

-Ma sono solo un bambino!- tremò Nunzio: il vetro spaccato è tagliente.

 

Nunziò abbandonò la sua stanza e scese le scale, fuori la porta c’erano tutti: Florindo, Nuca e Oriano: - ah finalmente! Corri, vieni, guarda! – cantarono tutti e tre, e Florindo (che aveva ora una faccia normale) alzò, stretta nel pugno, una mazzafionda.

Battette le ciglia Nunzio: - LA FIONDA !!! – le ciglia si legarono e lo imprigionarono nel buio. Strinse tra le mani l’angolo della sua coperta.

 

( Credevo d’aver fatto le scale all’ingiù, d’aver visto gli amici miei e d’averli sentiti cantare.

                                                               Una biglia di vetro ha staccato l’intonaco 

                                                 del muretto di cinta.

                                                                      “Chi è stato?” grida furiosa mia madre,

         “sono i tuoi amici Nunzio!” )

 

Nunzio si alza dal letto e s’affaccia, sente risatine in lontananza: “chi ha staccato l’intonaco dal mio muretto di cinta?” grida. Fa capolino un ragazzino musulmano, i ricci capelli neri brizzolati d’intonaco. Da lontano tra le siepi s’alza una mano : - sono stato io! – stringeva una fionda. ( LA FIONDA!!! )

 

( - Florindo! Lo sapevo ch’era stato lui!-

                                                                     -Tendi sempre ad incolpare Florindo,

                                                                                magari sbagli… - )

 

Un picchio, intanto, guardava con occhio di brama la tempia di Nunzio.

 

( -… mmm…-

-…un picchio?…-            

                                       

                                                    -te l’avevo detto. Che  fai ? Ti alzi o aspetti

                                                                                            che quel picchio si

                                                                                                             decida?-                 

                                                                                                                                                                                                      

        -Devo alzarmi prima che quel bastardo si decida -)

 

Ora Nunzio, sveglio da qualche secondo, non potrebbe neanche lontanamente immaginare tutto quello che è successo proprio in camera sua, proprio nella sua testa da dormiglione.  Soltanto avverte dell’ipersensibilità a una tempia e, prendendolo come un dato di fatto, non se ne preoccupa al punto di non affliggersi più nell'ostinata volontà di trovare a tutti i costi qualcuno da in colpare.                                                                                                          


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Carlo Tontini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Tontini, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Ecumene lontano (4) (Pubblicato il 05/06/2020 12:38:55 - visite: 189) »

:: Visse sulla terra un filosofo (Pubblicato il 03/06/2020 19:04:36 - visite: 154) »

:: Ecumene lontano (3) (Pubblicato il 30/01/2016 13:53:38 - visite: 592) »

:: Ecumene lontano (2) (Pubblicato il 30/01/2016 13:28:18 - visite: 496) »

:: Ecumene lontano (1) (Pubblicato il 30/01/2016 13:13:43 - visite: 435) »

:: Il mondo in un sushi-bar (Pubblicato il 29/01/2016 21:28:55 - visite: 703) »