:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 553 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 20 06:50:12 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Irene

di Laura Traverso
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/02/2015 15:33:07

 

 

         Questa mattina ho sognato  Irene, la mia cara amica morta lo scorso giovedì. Era il 20 marzo 2003, da allora sono trascorsi pochi giorni  ma lei ha voluto farmi  oggi  un regalo davvero speciale.

                        

                                                   ***

 

           Stavamo festeggiando in una casa che doveva essere la mia, ma che non corrispondeva a quella mia vera. Festeggiavamo me, non so che cosa, non era il mio compleanno. C’era molta gente, anche Paolo. Pareva che gli invitati fossero tutti arrivati quando, improvvisamente entrò lei, Irene.

Era molto bella, sorridente ed elegante, aveva un abito di tessuto leggero, estivo: camicia e gonna uguali di  colore  bianco  con piccoli e tanti motivi neri o forse blu, anzi sicuramente blu. Sopra a quest’abito portava un minuto cardigan di cotone, direi color pastello, portato non abbottonato così da far vedere  la camicetta di sotto.

Mi si avvicinò dicendo che era venuta a salutarmi, a farmi gli auguri.

Ringraziai commossa e chiamai Paolo per dirgli con fierezza: "guarda come è bella la mia amica Irene, sono molto lieta di potertela far conoscere". 

Poi la guardai bene, eravamo una dinnanzi all’altra, vidi i suoi occhi azzurri, i capelli biondi ben pettinati ed il radioso sorriso.

Ero cosciente, nel sogno, che lei fosse morta nella realtà, per questo fui molto stupita e gioiosa nel vederla così bene, chiesi come stesse, come si trovasse, là dove era andata. Mi rispose: "molto bene, sono con persone con le quali vado molto d’accordo".

Pensai che avrei dovuto invitarla alla mia festa, dirle di rimanere, ma ebbi un po’ paura, come potevo invitare una morta?  Ma subito mi vergognai di quel pensiero e le chiesi di restare. Lei mi disse: "grazie Laura, adesso non posso,  devo andare, ma ritornerò presto". Si chinò verso di me per salutarmi e darmi un bacio; fu in quel momento che vidi quanto fosse più alta di me, molto più alta di me perché dovette chinarsi. Anche questo fatto mi stupì, perché nella realtà era sì più alta di me, ma solo di pochi centimetri.

Quindi ci dirigemmo verso la porta ed io pensai: "vediamo  se è vero che i morti passano attraverso porte e pareti". Non fu così, non passò attraverso le pareti ma dalla porta che si dischiuse appena. E da quella troppo piccola apertura uscì.

Rientrai nella stanza in cui si svolgeva la festa, vi erano molte persone attorno ad un tavolo rettangolare e apparecchiato. Presi posto in un spazio libero attorno a quel tavolo; sopra di esso vi erano anche dei bicchieri a calice con spumante di colore giallino, con tante bollicine spumeggianti.

 Dalla parte opposta sedeva Paolo che, prendendo in mano una piccola bottiglia contenente la stessa bevanda disse: "utilizzerò il vino che c’è in questa bottiglietta di plastica". Gli risposi: "sì è vero, la bottiglia è piccola ma non è di plastica, bensì di vetro".  Il sogno finì così.

Mi svegliai in preda ad un insieme di intense emozioni. Gioia, soprattutto, per aver viso la mia cara amica, per averla vista bella e sorridente. Sapevo, invece, quanto la malattia l’avesse distrutta, quanta sofferenza e quanto dolore aveva dovuto patire prima dell'inevitabile fine.

Calde lacrime mi scendevano sul volto. Interpretai quell' apparizione come un saluto affettuoso che la mia amica mi voleva dare,  volendomi anche rassicurare sul fatto che lei,  adesso, finalmente stava bene ed era tanto felice.

Pensai ai sogni, al fatto misterioso e strano che è sognare.

Attraverso i sogni si possono vedere persone, rivivere sensazioni totalmente vere nel momento in cui ti appaiono che solo il risveglio ti riporta tristemente al fatto che era solo un'illusione della mente.     

Ma sapevo, con intima certezza, che ciò non poteva non avere un significato profondo e misterioso di comunicazione.

Già da alcuni anni era malata, una malattia che non dava scampo l'aveva colpita, aveva la sclerosi multipla e lentamente era diventata invalida.

 Da molti mesi era su di una sedia a rotelle, le gambe non la sostenevano più, il deterioramento si era esteso a tutto l’organismo, non era più in grado di comprendere la realtà che la circondava.

La vita, a volte, pur nella sua crudezza porge un aiuto: allontana la mente.        

 Chissà, forse ancora prima di essere catturata dalla morte lei viveva già in un suo mondo incantato, come immersa in un bel sogno. Mi piace pensare così. Ho certezza che adesso, anche se in una dimensione a noi umani sconosciuta, continuerà a vivere e ad essere finalmente felice.

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Laura Traverso, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Laura Traverso, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La scatola in soffitta (Pubblicato il 18/09/2014 16:16:05 - visite: 851) »