Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 113 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 3 05:22:34 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il tuo corpo

di Flavia Novelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/02/2020 10:25:30

Il tuo corpo amico l’ho visto trasformarsi sotto il peso della malattia. 
Eri un’elegante gazzella, minuta, regale, con la pelle del colore dell’anice stellato. Eppure, inconsapevole e impacciata, il tuo corpo lo indossavi con semplicità, con naturale spontaneità. 
Poi ti ha presa la malattia e lentamente ti ha trasformata, privata del dominio su quel corpo di cui non eri più la padrona ma la schiava sofferente.
I tuoi capelli di pece, che eri solita affidare al lungo e paziente intreccio di mani esperte, sono diventati un ricordo, riflesso in posticci estranei, da te indossati con elegante naturalezza.

Con il tuo corpo ormai pesante da portare hai abbandonato l’orgoglio e il pudore. Ti sei lasciata da me accompagnare, massaggiare, lavare. Con la tua disarmante ironia mi dicevi “ma allora mi vuoi proprio bene. Io non so se lo farei per te”. Io invece lo sapevo che lo avresti fatto, o forse no, e ti avrei amata lo stesso.

E mentre lentamente camminavamo, avanti e indietro, lungo quel corridoio bianco; mentre ti stendevo la crema sulle gambe, mentre ti lavavo la schiena, sapevamo entrambe di stare rubando attimi al tempo. E in quell’ultimo abbraccio, io ci sono rimasta aggrappata. E nelle ultime parole che mi hai sussurrato “Mi mancherai tantissimo” io ancora mi tormento. E nel tuo ultimo messaggio “Non riesco a respirare”, io ancora mi sento soffocare.
Ma ora che il tuo corpo non c’è più, ho ancora e sempre i tuoi occhi puntati dritti nei miei e nelle tue pupille di onice n
era vedo, ancora e sempre, il riflesso di una gazzella che corre libera.L'immagine può contenere: 1 persona

❤️


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Flavia Novelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.