Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 157 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 13 13:46:45 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

il sapore del sale

di Valentina Ciurleo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/06/2020 08:40:51

L'immagine può contenere: albero, nuvola, cielo, pianta, erba, spazio all'aperto e natura

 

 Gli uomini lavorano da sempre nei ritratti, nelle prospettive di luoghi semplici e comuni. Si può appartenere ad un luogo anche senza esserci nati, le sensazioni danno risultati forti, sicuri, nascono dalla radice, da dentro. Sento di avere un conto aperto, un conto in sospeso, una resa dei conti. Non si può rinunciare a lungo, scrivere è la mia ombra. A meno che, non decida di restare al buio, devo posizionarmi lenta, sentimentale, aderente al corpo. Trascorrere diversi giorni, pensare, attraversare, il doppio strato di silenzio o semplicemente il balbettio del mio respiro. Ogni punto è una sequela di prove. Un acrobatico esercizio per menti che puntano dentro, sulla logica, sulla riflessione. Sui pori della pelle che lontano inondano. Sono qui a scansionare pagine del mio quaderno, oltrepassare, scavalcare il confine, toccare rifugio segreto. Del nostro essere in ballo, su questa melodia, in prima fila, esserci ora, nella pienezza.
Il contenuto è proprio in quelle battute, in quell'accenno interiore. Per quel che ne sappiamo, a questa prima lettera, ne segue una seconda, poi una terza. Affidare il pensiero alle parole, alle voci intorno. La sostanza è dentro, come un panorama che indaga, una diversa prospettiva, la rifinisce, la completa. Un origami del cuore. Niente è recapitato per caso. Al di là di tutto, posso affiancarmi, al tuo lato, al confine dell’occhio. Cercare di essere visibile, fiorire di voce e di respiro. Prendere parola in natura, con te. Il vero silenzio, ospita e ripara. La smisurata dilatazione del corpo che trasgredisce; risale dall'altra parte del mondo. C'è un silenzio che accompagna ogni parola, un linguaggio sterminato di pause e acuti. Silenzi, ore meridiane e notturne, indugi, tregue, soste assopimenti. Ripartire poi, come se nulla fosse. Pensi ci sia solitudine nell'ascoltare? Rallentare i battiti, fino a non sentirli. Essere vivo in questa corda vibrante, toccarsi nella vicinanza delle menti. Abitare alla soglia del silenzio, in primo luogo, è attendere, qualcosa di udibile, attorno a noi. Quando tu senti la parola amore non voltarti subito. Non chiedere cosa sia. Quando tu senti la parola amore, stendi il miracolo in casa tua, invocalo e ringrazialo. Il tempo si è fermato in un punto preciso. E se la solitudine è una dichiarazione. Questa, voglio scriverla a me stessa. Non cercare di coprire il vuoto, truccarlo come fosse bello, alterato alle scommesse, al gioco della vita. Dall'altra parte dello specchio, della maschera, reclama a bassa voce il diritto di esporre. Si può vivere in balia di assenze senza pretendere nulla. La vera sconfitta sarebbe riempire, adeguarsi all'ombra. Prova invece l'incontro con l'anima, quella rimane inalterata, attaccata alla radice. Attendere voci e parole che giungano a noi dalla valle, dall'altro capo della luce, del corpo.

Ritrovare il gusto, quello vero, autentico.

Il sale della vita.

 

testo a cura di Valentina Ciurleo (giugno 2020)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Valentina Ciurleo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Valentina Ciurleo, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: il sapore del sale (Pubblicato il 18/05/2020 08:34:32 - visite: 90) »