Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 49 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 10 16:42:22 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Note di un viaggiatore extracosmico

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/07/2020 14:23:27

"Che Ulisse alfine il natio suol rivegga?"

Odissea (I, 122)

 

 

Identità del viaggiatore:

Un essere pensante.

 

Luogo del viaggio:

Universo quadridimensionale, ammasso Gruppo Locale, galassia a spirale Via Lattea, periferico sistema solare di una stella gialla nana, pianeta Terra.

 

Tempo:

Durante la fine del II e l'inizio del III millennio dopo la nascita di Cristo.

 

Durata del viaggio:

Indeterminata. Comunque non si tratta che di un breve passaggio.

 

Mezzi di trasporto utilizzati nel corso del viaggio, a parte i piedi e il pensiero:

Bicicletta, vespa, auto, bus, treno, traghetto, nave militare, aereo, metropolitana.

 

Scopo del viaggio:

Stage itinerante, peregrinazione per un apprendimento umano, letterario, spirituale.

 

Luogo di provenienza:

Dato non rilevato nella memoria conscia.

 

Luogo di destinazione:

Tutti i dati disponibili indicano la dimensione superiore, al di là dello spazio-tempo, la quale viene comunemente denominata eternità.

 

Descrizione del luogo:

Piccolo pianeta, terzo in ordine di distanza dal Sole, l'unico abitato attualmente del sistema solare, per quanto se ne sa sinora. È dominato da una specie biologica non tanto evoluta, denominatasi molto presuntuosamente Homo sapiens. Questo è un mondo assai bello, e sarebbe un piccolo gioiello, se non fosse stato devastato in gran parte da un sapiens insipiente, il quale non sa ancora conciliare sviluppo tecnologico e tutela del proprio habitat.

 

Descrizione del tempo:

Questo è un periodo di rapidi e grandi mutamenti climatici e sociali. La popolazione planetaria va verso gli otto miliardi di individui, e continua a crescere. Essa è ancora oppressa da quei problemi relativi a una civiltà poco avanzata sia spiritualmente che materialmente: malattie, povertà, guerre, ecc.

 

Considerazioni:

La situazione è alquanto preoccupante, ma non è ancora senza speranza. Tuttavia è necessaria una tempestiva e generale conversione, spirituale e materiale, che faccia cambiare direzione, ed eviti all'umanità l'autodistruzione. Occorre combattere con prontezza i tanti mali attuali, facendo soprattutto ricorso alle risorse nascoste dello spirito, per lo più rifiutate o sottovalutate: la forza della fede, l'energia della preghiera, la potenza dell'amore.

 

Commento sul viaggio:

È un passaggio parecchio disagiato, ma coinvolgente. Ricco di varie esperienze, positive e negative, tutte utili per imparare. È un viaggio in omaggio, di cui bisogna scoprire la grandezza e la bellezza.

 

Conclusione:

Cercare di donare a questo remoto pianeta il proprio contributo di essere umano, e poi andare infine a casa, quando giungerà il tempo del termine naturale di questo viaggio singolare.

 

 

(Testo già pubblicato nell'antologia "Professione viaggiatore", Idrovolante Edizioni.)

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gaetano Lo Castro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gaetano Lo Castro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Io, virus (Pubblicato il 19/03/2020 15:44:57 - visite: 170) »

:: La nuvola (Pubblicato il 07/01/2020 14:11:28 - visite: 142) »

:: La goccia (Pubblicato il 28/10/2019 14:26:55 - visite: 169) »

:: Il ponte dell’arcobaleno (Pubblicato il 07/09/2019 21:53:49 - visite: 209) »

:: Il pupo (Pubblicato il 09/06/2019 10:33:59 - visite: 163) »

:: Nell’alto dei cieli (Pubblicato il 04/04/2019 15:43:43 - visite: 245) »

:: La chiave della biblioteca (Pubblicato il 14/12/2018 13:51:37 - visite: 306) »

:: Occhi e cuore (Pubblicato il 07/06/2018 22:05:17 - visite: 222) »

:: La caverna (Pubblicato il 13/01/2018 21:19:40 - visite: 407) »

:: L’airone bianco (Pubblicato il 20/12/2017 12:52:44 - visite: 430) »