:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 103 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 16 08:30:00 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Fiction

di Eliana Farotto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/08/2020 18:07:37

Era buio, Marco doveva affrettarsi a consegnare il lavoro. Gli era sempre piaciuto scrivere e finalmente poteva guadagnare- poco, si intende- con il suono delle parole.

L’incarico era stato improvviso, ma era sempre così quando si trattava di funerali, impossibile pianificarli per tempo.

Marco Bombelli era uno sceneggiatore “on demand”: forniva dialoghi da recitare in occasioni speciali, quali funerali, incontri con i compagni delle superiori o convention aziendali.

Aveva ricevuto al mattino una mail da una certa Cristina che lo pregava di scriverle la parte per partecipare il giorno seguente al funerale della zia Emma: non sapeva come affrontare “dal vivo” parenti che non vedeva da tempo, come comportarsi. Diverso sarebbe stato vedere la cerimonia da remoto e mandare dei post con faccine lacrimose, per quello era pratica, ma parlare…. E poi come doveva muoversi? ormai le persone si scrivevano e basta, si mandavano foto, la realtà era troppo difficile da affrontare e lei voleva fare bella figura.

Marco iniziò a scrivere la sceneggiatura richiesta descrivendo l’ambiente in cui si sarebbe svolta la prima scena: il sagrato della chiesa. Cristina doveva riconoscere i parenti suoi e della defunta, avvicinarsi e commentare, scuotendo il capo con lo sguardo affranto:    

-        Sono sempre i migliori quelli che se ne vanno!

-        A tutto c'è rimedio fuorché alla morte.

-        Siamo nati per soffrire.

-        Era una persona così per bene! Allegra, solare.

-        L’ho sentita pochi giorni fa al telefono, chi lo avrebbe mai detto?

Doveva camminare piano, stringere mani, volgere gli occhi al cielo e tenere in bella vista un fazzoletto, come se si fosse appena asciugata le lacrime.

Seconda scena: in chiesa, durante la cerimonia funebre la protagonista doveva passare dallo sguardo disperato allo sguardo inquisitore per controllare il comportamento dei presenti e capire gli eventuali assenti, facendo trapelare un’espressione di dissenso. Poteva poi dare spazio ai commenti malevoli sulla defunta e sui parenti con la persona vicina (sempre meglio scegliere una donna per pettegolare, non una parente però).

-        Siamo fatti di carne, e la zia non si è fatta mancare nulla, altro che santerellina.

-        Negli ultimi tempi era diventata insopportabile.

-        Guarda quello come si agita, sicuramente punta all’eredità.

Terza scena: all’uscita poteva ripetere i commenti di rito iniziali con le persone che le capitavano sotto tiro.  Prima di andarsene doveva nuovamente affrontare i parenti più stretti della defunta per porgere le più vive condoglianze: 

-        La zia era una donna eccezionale.

-        Così è fatta la vita: oggi sai dove sei, domani non lo sai più. Ma finché c’è vita c’è speranza.

Marco accluse anche il link alla scena del film “Quattro matrimoni e un funerale” da usare come tutorial per guardarsi in giro con gli occhi lucidi, annuire e sospirare. Per l’abbigliamento poteva puntare al nero o scegliere un accostamento sobrio, evitare spacchi e scollature azzardate, a meno che puntasse a farsi notare.

Marco firmò il testo, mandò la mail e la fattura, chiedendo l’invio di foto della cerimonia da mettere sul proprio sito come referenza. Anche questa era fatta, il giorno dopo lo aspettava il testo per la partecipazione ad un meeting aziendale. Il lavoro scarseggiava ma per fortuna tra poco, con il mese di dicembre, molti si sarebbero rivolti a lui per i pranzi di Natale e le feste di Capodanno.

 

AA.VV., Un lavoro fantastico, antologia di opere ispirate a lavori inventati, una produzione www.BraviAutori.it, 2020


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Eliana Farotto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Eliana Farotto, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il regalo di compleanno (Pubblicato il 16/04/2021 09:02:33 - visite: 13) »

:: Un suono bellissimo (Pubblicato il 05/04/2021 22:29:41 - visite: 28) »

:: Ho incontrato un angelo (Pubblicato il 02/04/2021 17:08:39 - visite: 15) »

:: La scomparsa (Pubblicato il 06/03/2021 12:11:09 - visite: 77) »

:: I nuovi amici di Clara (Pubblicato il 03/01/2021 19:31:59 - visite: 89) »

:: Morte in vacanza (Pubblicato il 11/12/2020 12:37:57 - visite: 70) »

:: In prima fila (Pubblicato il 05/12/2020 17:08:02 - visite: 68) »

:: L’eredità (Pubblicato il 16/09/2020 18:54:37 - visite: 95) »

:: Un mondo sostenibile (Pubblicato il 21/08/2020 17:57:11 - visite: 200) »

:: Capelli (Pubblicato il 21/08/2020 14:12:32 - visite: 90) »