Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 44 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Mar 5 06:06:13 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Stralcio dal mio romanzo L’intruso nelle vecchie stanze

di paolo massimo rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 31/12/2020 10:02:34

Stralcio dal mio romanzo L'intruso nelle vecchie stanze

Di Eleonora e dei suoi due fratelli, Simone e Francesco, ho un vago ricordo, persone conosciute solo di vista e con le quali non avevo mai parlato. Misteriose o, in qualche modo, solo timide e riservate, in ogni caso quasi sempre rinchiuse in quella vecchia casa oggi abbandonata.
Simone e Francesco uscivano raramente, mai insieme, e solo in auto da un garage nascosto, probabilmente per andare a cena al ristorante. Magari riportavano qualcosa da mangiare a Eleonora. Si diceva esistessero dei lontani parenti che vivevano all’estero, in Francia; la mia era solo una parentela indiretta. In paese li consideravano arroganti e presupponenti, al più degli originali, in ogni caso alieni da ogni rapporto di amicizia con chiunque. Non si erano mai sposati e non avevano discendenza.
In rare occasioni, soprattutto d’estate, mi accadeva di incontrare Eleonora in passi notturni poco prima dell’alba e lei, nel vedermi, cercava di nascondersi, fuggire o cambiare strada. Quasi lunare nel buio, prima che rapida sparisse alla vista, spesso vestita con una camicia da notte color giallo sbiadito, lunga, dalle spalle sino ai piedi, i capelli quasi bianchi, sempre legati dietro la nuca. Mi dava l’impressione che camminasse scalza.
Penso che non avesse idea di chi io fossi, e che mostrasse quell’atteggiamento a ogni abitante del paese. Perché facesse quelle uscite notturne non mi fu mai possibile capire.
Adesso ho violato quella casa che nessuno visitava da anni.
Percorro le vecchie stanze lasciando impronte nella polvere depositata sui pavimenti; la luce va scemando, non mi darà tempo per altre ricerche, quelle prive di progettualità e fatte senza alcun ordine.
Mi chiedo: forse sono io che non ho ancora capito questo progetto, il suo scopo e la sua medialità; lo vedo come uno scorrere di immagini e di velleitarie memorie. Gesti e atmosfere, niente di definito, forse soltanto apparenze. Che cerchino nei documenti virtù rassicuranti, capaci di rendere autentici i luoghi al di là di ogni fantasticheria? Anche rigorose testimonianze, se ce ne fossero, potrebbero essere interpretate e manipolate.
I ricordi dell’adolescenza mi suggeriscono immagini che sono quelle modificate dalle fantasie e dai racconti; i suoni e i rumori no, quelli sono ancora presenti, ed erano echi e scricchiolii notturni, perché di giorno tutto taceva.
Raccontare i bisbigli? O piuttosto le immagini dei vicoli e delle vecchie mura bianche di calce?

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore paolo massimo rossi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

paolo massimo rossi, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: casa d’appuntamenti (Pubblicato il 19/02/2021 18:01:34 - visite: 30) »

:: L’intruso nelle vecchie stanze. Romanzo (Pubblicato il 27/01/2021 09:41:28 - visite: 70) »

:: racconto minimalistico (Pubblicato il 23/01/2021 15:42:23 - visite: 38) »

:: Stralcio dal romanzo Diari sospesi (Pubblicato il 20/01/2021 11:46:04 - visite: 47) »

:: Stralcio dal romanzo Diari sospesi (Pubblicato il 19/01/2021 12:56:26 - visite: 48) »

:: Brevissimo racconto (Pubblicato il 15/01/2021 11:23:07 - visite: 37) »

:: A casa di Fanette e dintorni (Pubblicato il 07/01/2021 16:28:43 - visite: 59) »

:: percorrendo Parigi (Pubblicato il 04/01/2021 14:31:16 - visite: 40) »

:: Stralcio dal romanzo Jacob Rohault I giorni di Venezia (Pubblicato il 04/01/2021 13:45:38 - visite: 56) »

:: Dal romanzo Con gli occhi di Arianna (Pubblicato il 03/01/2021 17:32:56 - visite: 58) »