Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 49 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Feb 22 19:58:00 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Stralcio dal romanzo Jacob Rohault I giorni di Venezia

di paolo massimo rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/01/2021 13:45:38

Una giovane donna fece il suo ingresso nel salottino e Laura Stellarìn si rivolse a Jacob, cambiando discorso. “Fulvia. La mia pupilla e nipote, figlia del mio amato fratello che ci ha lasciati ormai da tre anni.”
Jacob si alzò e rimase in attesa. “Vorrei che voi foste il suo maestro di Scienza e di Lettere. So bene che dovrebbe essere un uomo di chiesa a farlo, eppure preferisco così, tanta è la fiducia che m’ispirate.”
“Mi fate un onore del quale non posso che ringraziarvi.”
“L’intelligenza di Fulvia e il suo spirito puro vi saranno d’aiuto.”
Jacob la guardò. Il colorito del volto aveva un che di carnale che lasciava intuire una sensualità apparentemente nascosta in occhi di fredda indifferenza; là dove, invece, la bocca a bocciolo era come una promessa di piaceri.
Laura Stellarìn continuò:
“Potreste venire in questo palazzo ogni mercoledì e dedicarvi a istruire la mia Fulvia su quanto c’è di nuovo nel nostro mondo e, naturalmente, a migliorare il suo francese. Lei è seguita già dal suo confessore per la fede e per la dottrina. Con la vostra guida, io credo, la sua educazione sarà completa.”
Fulvia taceva: la sua espressione era di cortese ascolto.
Osservandola, Jacob si sentì a disagio. Naso retroussé, labbra simili a un frutto squarciato e, ai lati della bocca, due leggerissimi solchi, forse creati da una precoce diffidenza verso gli uomini e verso la vita, che contrastava con una morbida offerta di sé, palese nei movimenti delle mani diàfane. «Par endroits,» pensò Jacob, esibite come aduse ad avvolgenti abbandoni.
Fu tentato di rifiutare: avrebbe voluto dedicarsi all’edizione del Trattato e non a educare allieve per la vanità di nobildonne veneziane.
Decisiva fu la conclusione della proposta: “Naturalmente, il vostro impegno sarà ben retribuito. Se siete d’accordo, potrete cominciare dalla settimana prossima.”
Laura Stellarìn si alzò; Jacob prese commiato e uscì.
Non vide Camillo e decise di tornare a La Campana.
La pioggia era cessata. Le strade sembravano piene di animazione: molte case, che a Jacob erano già apparse tendenti all’impenetrabilità, avevano i portoni spalancati. Fiaccole, appese ai muri o tra le mani di persone vocianti, creavano riflessi quali immagini iridate su selciati e pareti. Tremule luci, ineguali penombre, sfoggi d’accatto. Accanto alla gondola di un venditore di dolci, uomini e donna che chiamavano e si rispondevano. Uno sciancato con bocca priva di forma passò muovendosi a scatti.
Si addentrò in strade buie, là dove figure di uomini divenivano man mano più rade.
Dentro una stanza illuminata da una candela infilata in un collo di bottiglia, una vecchia si toglieva dai capelli antiche crosticine.
Vapori impalpabili ristagnavano sugli stretti canali. Cominciava a riconoscere vicoli e campielli, angoli di palazzi e fittoni sbrecciati.

Laura Stellarìn gli aveva mostrato stima e simpatia; certamente, avrebbe avuto un appoggio anche da lei.
Nel frattempo sarebbe stato precettore per Fulvia. Conciliare il mestiere di aio con quello di filosofo teso a studiare ipotesi per la conoscenza del mondo: una sorta di molla a spirale che avrebbe applicato alla ruota del progredire dei giorni veneziani.
Nell’ora ormai tarda i suoi occhi azzurri guardavano oggetti resi vaghi dalle ombre notturne mentre, senza motivo apparente, ricordava quelli scuri di Fulvia. In essi non aveva visto cenno di autentico interesse, ma ambigua suadenza, un ammiccante pendant col movimento delle mani, agili ali nei luminosi saloni di Laura Stellarìn.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore paolo massimo rossi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

paolo massimo rossi, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: casa d’appuntamenti (Pubblicato il 19/02/2021 18:01:34 - visite: 23) »

:: L’intruso nelle vecchie stanze. Romanzo (Pubblicato il 27/01/2021 09:41:28 - visite: 45) »

:: racconto minimalistico (Pubblicato il 23/01/2021 15:42:23 - visite: 33) »

:: Stralcio dal romanzo Diari sospesi (Pubblicato il 20/01/2021 11:46:04 - visite: 44) »

:: Stralcio dal romanzo Diari sospesi (Pubblicato il 19/01/2021 12:56:26 - visite: 42) »

:: Brevissimo racconto (Pubblicato il 15/01/2021 11:23:07 - visite: 34) »

:: A casa di Fanette e dintorni (Pubblicato il 07/01/2021 16:28:43 - visite: 56) »

:: percorrendo Parigi (Pubblicato il 04/01/2021 14:31:16 - visite: 35) »

:: Dal romanzo Con gli occhi di Arianna (Pubblicato il 03/01/2021 17:32:56 - visite: 53) »

:: Tabriz (Pubblicato il 02/01/2021 08:56:01 - visite: 49) »