:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 107 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 9 07:10:04 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Prospettive di senso

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/02/2021 16:28:29

PROSPETTIVE DI SENSO

Seduto sui due gradini ai piedi dell’usciolo posto di fronte alla sua bottega, Ignazio guarda distrattamente il traffico delle macchine dirette ai paesi della costa e l’andirivieni delle persone lungo i marciapiedi. Non si cura della canottiera bianca che copre larga la sua mole nutrita per anni da melanzane ripiene e dalla pasta alla palermitana, né delle calze infilate dentro i mocassini allacciati.
Non gli importa il parere della gente conforme ai dettami della moda. Lui ha in testa altro. Ha in testa il senso e lo scopo della vita. Che ricava dalla lettura del Vecchio e del Nuovo Testamento. E vuole darne testimonianza perché in giro ci sono troppi indifferenti. Già ha apposto all’ingresso della bottega la scritta “ Io come luce sono venuto al mondo, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre”, suscitando una certa meraviglia nei conoscenti e nella clientela. Ignazio non si scompone: se condividono come la pensa e quel che dice, bene, sennò prosegue ugualmente per la sua strada.
La figlia, fino a qualche anno fa, sembrava grata al padre per averle inculcato i valori della fede e della moralità, ma adesso appare malinconica e a tratti assente e, se non fosse per le parole che spende con i clienti, quando deve descrivere gli oggetti di ceramica, sarebbe solitamente piuttosto taciturna e turbata nell’espressione.
Ignazio non desiste: quando avvolge i piatti venduti ai clienti nei doppi strati di carta camoscina, non perde l’occasione per fare citazioni relative alla storia dei popoli, e mostrare una Bibbia illustrata da cui si fregia di trarre i soggetti per i decori.
Ultimamente ha preso a dare rilievo alla cultura ebraica. Su una mensola alle spalle del banco-cassa campeggia La Menorah accanto alle pubblicazioni dei reduci, da Primo Levi a Elie Wiesel, da Goti Bauer a Giorgio Bassani, e in una delle vetrine è stata appesa la stella a sei punte.
Se il senso della vita lo si ricava dal Vangelo, e il messaggio fondante è l’amore per il prossimo, questo amore deve essere indirizzato soprattutto verso gli afflitti, i perseguitati. E chi merita più attenzione del popolo ebraico, il più perseguitato da sempre nel corso dei secoli e per elezione?
Nella mente di Ignazio si è strutturato qualcosa che lo spinge a considerare quella storia di persecuzione, quella ritualità affascinante. Per ciò si è messo a studiare la Torah e, nella giornata di sabato, qualche volta, soprattutto in inverno, accende due candele nel retrobottega e su un bicchiere di vino recita il Kiddush al mattino e alla sera .
La moglie ignora tutto. Si limita a tirare la tenda se entrano i clienti. Quando il marito pone termine al rito e si reintroduce nei locali del negozio, mostra un’espressione impassibile.
Egli sente la potenza di questa evocazione. Rivede la sinagoga di Firenze visitata anni addietro, pensa alle vittime della Shoà e delle spie, pensa a Gilda Cohen.
Stamattina, seduto sul marmo dei gradini dirimpetto alla bottega, Ignazio gode della ventilazione fresca che viene dalla marina.
Ieri sera la fiala di beta bloccanti l’ha ispirato. È ritornato in negozio per fotocopiare otto volte il frontespizio della copertina di “Se questo è un uomo”, nell’ edizione originale dell’ Einaudi, e dar storia a un vecchio pannello appeso al muro della bottega.
Se Andy Warhol con la ripetizione stessa dell’immagine riusciva a svuotare di significato le immagini che rappresentava, lui vuol fare il contrario: desidera che la ripetizione ossessiva dell’immagine ne potenzi il significato. Non è infatti il marchio della Coca Cola o di qualche altro prodotto commerciale che deve essere svilito. Qui si tratta di lanciare al mondo un messaggio urgente.
La gente, anche stamattina, percorre i marciapiedi avanti e indietro e il traffico diretto ai paesi della costa è sostenuto: Ignazio, dentro la canottiera slabbrata, guarda distratto il formicare.
Lui spera soltanto che qualcuno, entrando nella sua bottega, noti il pannello con le foto ripetute e gli chieda il perché.




« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La scelta (Pubblicato il 01/04/2021 16:18:21 - visite: 57) »

:: Le parti di sé (Pubblicato il 18/03/2021 17:29:41 - visite: 88) »

:: Il sogno e il ricordo (Pubblicato il 17/03/2021 11:54:41 - visite: 40) »

:: Lui, la sua arte (Pubblicato il 14/03/2021 20:07:04 - visite: 67) »

:: Per strada (Pubblicato il 12/03/2021 09:45:05 - visite: 52) »

:: Immortale (Pubblicato il 06/03/2021 19:21:57 - visite: 81) »

:: Il mostro (Pubblicato il 05/03/2021 17:07:22 - visite: 90) »

:: Leonilde (Pubblicato il 27/02/2021 17:57:46 - visite: 49) »

:: Cercando l’uomo (Pubblicato il 26/01/2021 18:58:08 - visite: 84) »

:: Per sempre tuo (Pubblicato il 16/01/2021 15:19:25 - visite: 107) »