:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 117 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 4 00:19:10 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Quando l’anima vola...

di Flora Fazzari
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/04/2022 10:24:43

Stavo pensando alla storia di un vecchio scrittore che doveva lavorare ad un suo libro e non riusciva più a trovare la giusta ispirazione.

Un giorno aveva deciso di andare a fare una passeggiata,pensando che,forse,distrarsi lo avrebbe aiutato nella stesura del suo romanzo.

mentre stava passeggiando per le strade del Centro,notò una bottega di un rigattiere.

Vi entrò e iniziò a curiosare fra la merce.Stava curiosando,quando notò una penna molto bella.Era bella,elegante,di marca.

"Ho sempre amato questo tipo di penne,"pensò fra sè.

Così decise di comprarla.

"Può darsi che la nuova penna mi sblocchi,"continuò fra sè.

Tornò a casa con la sua nuova penna.

Si mise alla scrivania e iniziò a scrivere.Sembrava che l'ispirazione gli fosse tornata.

Scriveva...scriveva...Non si fermava più.Scriveva di giorno e di notte.

A volte,era talmente preso dalla scrittura,che dimenticava persino di mangiare.

Ma più lui scriveva più si indeboliva,mentre la penna sembrava acquistare forza.

Alla fine,riuscì a scrivere il suo best seller,la sua opera più importante,ma era diventato l'ombra di sè stesso,al punto di stare per perdere la vita.

Lo scrittore capì che c'era qualcosa che non andava.Era come se la penna avesse assorbito tutte le sue energie per scrivere uno dei più bei libri degli ultimi tempi e lui fosse sparito.

L'opera non era sua,ma era frutto della perfidia della penna.

Lo scrittore non ci stava più.Non voleva perdere sè stesso pur di avere fama e successo

"Se riuscirò dovrò farlo grazie alle mie doti."

Così,prese la penna e la riportò all'antiquario,dicendo che a lui non serviva più.

Aveva imparato la lezione.

"Bisogna sempre riuscire con le proprie forze e le proprie capacità,senza servirsi di mezzi poco leciti...Quasi magici,direi..."

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Flora Fazzari, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.